Ha la passione dell'imprevisto. È un Dio in agguato

Giuseppì era un uomo sui trent’anni, «un bell’uomo, capelli corti e piuttosto ricci, d’un castagno morato come barba e baffi. Ha occhi scuri, buoni e profondi, seri molto, direi anche un poco tristi. Ma però quando sorridono divengono lieti e giovanili» (M. Valtorta). Passò alla storia come l’uomo sul cui cuore piombò la pena più schifosa: accorgersi che la creatura che credeva migliore di tutte era fallibile anche lei. Proprio lei, Myriam di Nazàreth: il sogno bambino che gli esplodeva nel petto. È un uomo, e nessun uomo può pensare di reggere un’infamia così: “Tornatene a casa tua Maria. Vattene in silenzio, però: che nessuno possa offenderti neppure per un istante. Ti vorrò bene sempre, comunque”. Nessuno degli umani onesti, men che meno Myriam, potrebbe tentare di presentare una giustificazione. Furono attimi brevi, brevissimi ma tremendi per intensità e colorazione quei giorni dentro i quali si nasconde la passione di san Giuseppe. Tutt’intorno martellano i sospetti di una città pettegola e sin troppo loquace quand’è in gioco la reputazione altrui: “Guardate bene che faccia ha l’ingenuo – s’odono le voci fuori della bottega del carpentiere -: non è un uomo uno che reagisce così. Guardate bene che faccia ha l’adultera”. Maria, da parte sua, stava in attesa di un segno dal Cielo: “L’Iddio non mente – meditava tra sè -: Dio dona e toglie, lodato sempre sia il suo nome!” La prova è grandissima: «Con la grazia di Dio prometto di esserti fedele sempre, Maria: nella gioia e nel dolore, nella salute e nella malattia, di amarti e di onorati per tutti i giorni della mia vita”. Nel frattempo, Giuseppe accetta d’essere lapidato perchè non venga lapidata la sua Maria.

Ogni pettegolezzo, però, muore quando s’infila nell’orecchio di una persona intelligente: «Giuseppe, figlio di Davide, non temere di prender con te Maria, tua sposa». Stavolta è il Cielo a intervenire, formulando la versione maschile dell’annunciazione a Maria: l’annunciazione dell’angelo a Giuseppe. Poca roba questo carpentiere semisconosciuto di Galilea, ma è così che va il Cielo, che si va in Cielo: ci sono i mezzi blindati, i potentissimi laser, i missili teleguidati che ci consentono di fare guerra seduti dal divano. Eppure Gerico è caduta al suono di una tromba, Davide ha avuto la meglio su Golia con una piccola fionda e cinque sassi: quando Dio vuol far guerra al mondo, (ri)sceglie l’insignificante, ciò che appare sconfitto in partenza. Le cose minuscole, quelle che fanno pochissimo chiasso. Con Dio funziona che chi meno si sente sicuro dei suoi mezzi alla fine vincerà: «Fece come gli aveva ordinato l’angelo del Signore, prese con sé la sua sposa» (cfr Mt 1,18-24). Quando gli capitò quel che gli capitò – e a nessun uomo si augura che gli capiti quello che capitò a quel sant’uomo – non si mostrò sprezzante e borioso ma semplicemente disse: “Diommio, ho paura di quel che mi sta succedendo!” Avere paura è una cosa, lasciare che la paura ti afferri per la gola e ti giri come una trottola è un’altra cosa. Ammise d’aver paura, d’aver perduto il controllo della sua esistenza: fu così che il Cielo s’infilò dentro e, da dentro, gli rasserenò il suo cuore. Far entrare qualcuno nelle proprie paure è più intimo che andarci a letto.

Disse cose riservate alla sua amata: “Per quanto riguarda me, Myriam, ho deciso di rinunciare ai miei piani: mi assocerò ai tuoi”. Fu così che Giuseppe, il solo giusto rimasto in tutto il casato di Davide, iniziò a fare carriera, la carriera che il Cielo gli chiese di tentare: quella d’aiutare Iddio a inserirsi bene nel mondo. Un giorno poi, dopo trent’anni vissuti gomito a gomito tra casa e bottega, come tutti i figli anche il loro li saluterà per filare via dritto per la sua strada: è destino di tutte le famiglie, un giorno, accettare di far dipendere la loro sorte dalle scelte dei loro figli. Lasciando mille dubbi nei cuori di mamma e papà: “Che padre potrà essere stato uno come me, Maria? Sono stato uno zimbello?” E Maria a cercare di rasserenarlo: «Ti amava, Iosèf, ammirava la tua misura di stare nella vita come uno che chiede permesso ogni giorno» (E. De Luca). Ogni bellezza è complicata: “Beato te Giuseppì, perchè hai creduto”. Non era facile ma fu felice.

(da Il Sussidiario, 17 dicembre 2022)

Così fu generato Gesù Cristo: sua madre Maria, essendo promessa sposa di Giuseppe, prima che andassero a vivere insieme si trovò incinta per opera dello Spirito Santo. Giuseppe suo sposo, poiché era uomo giusto e non voleva accusarla pubblicamente, pensò di ripudiarla in segreto.
Però, mentre stava considerando queste cose, ecco, gli apparve in sogno un angelo del Signore e gli disse: «Giuseppe, figlio di Davide, non temere di prendere con te Maria, tua sposa. Infatti il bambino che è generato in lei viene dallo Spirito Santo; ella darà alla luce un figlio e tu lo chiamerai Gesù: egli infatti salverà il suo popolo dai suoi peccati».
Tutto questo è avvenuto perché si compisse ciò che era stato detto dal Signore per mezzo del profeta: «Ecco, la vergine concepirà e darà alla luce un figlio: a lui sarà dato il nome di Emmanuele», che significa “Dio con noi”.
Quando si destò dal sonno, Giuseppe fece come gli aveva ordinato l’angelo del Signore e prese con sé la sua sposa (Vangelo di Matteo 1,18-24).

2 risposte

  1. Grazie don …ci accompagni al Natale aprendo i ns occhi e il ns cuore .. ci aiuti a meditare con dolcezza ci porti accanto alla figura di Giuseppe, silenzioso padre come tanti , lavoratore .
    Impariamo da Lui, a credere senza paura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

My Agile Privacy
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy