Ha la passione dell'imprevisto. È un Dio in agguato

Ospitalità per cuori turbati

Filippo, uomo di desiderio, esterna quello di scorgere il volto di Dio. Se dovessi pensare qualcosa che caratterizzi l’uomo è proprio questo: il desiderio. «Di te ha detto il mio cuore: “Cercate il suo volto”. Il tuo volto, Signore, io cerco»[4] domanda il salmista che, con il suo, rivela un po’ anche i desideri del nostro cuore. Nel volto di Cristo, che è volto del Padre, possiamo intravvedere il vero volto dell’uomo, che si concretizza in quel comandamento nuovo: che vi amiate gli uni gli altri.

Le ferite della gratitudine

Jesus Hands

“Pace a voi” prima e dopo Tommaso. Palme rivolte al discepolo, ferite esposte agli sguardi. Dalle ferite, passa l’amore. Dalle ferite, la redenzione. La resurrezione non cancella le ferite, le glorifica.

Betania: vita, morte e amicizia

Lazzaro e Gesù

A Betania, la morte di Lazzaro porta il Messia alle lacrime. Nulla di umano si lascia precludere, attraversa il dolore per la morte, lasciandoci intravedere la forza dell’amore che vince la morte.

Verità, senza sconti

Discussione

Verità e libertà. Fede e autenticità. Una riflessione sul vangelo di Giovanni, nella domenica di Abramo (rito ambrosiano).

Diventare figli del Padre

Deserto - figli del Padre

Cristo sconfigge la tentazione, ma sa che il desiderio più profondo è che la sua volontà si conformi a quella del Padre. Possiamo dire altrettanto?

Un Dio nascosto

Dio nascosto

Il ritrovamento di Gesù al tempio lascia emergere le dinamiche educative di ogni tempo: lasciar andare, saper “perdere il controllo”, imparare a cambiare senza mancare alla carità.

Cristo e i discepoli: solitudine e comunione

Sollecitudine Cristo: solitudine e comunione

La sollecitudine di Gesù Forse questo potrebbe essere il titolo che accompagna il brano evangelico matteano (Mt 14, 13b-21).Il suo inizio suggerisce la ricerca di comunione col Padre, in luogo deserto1. Quest’esigenza emerge, spesso, dal Vangelo. Ma non stupisce: un rabbi, un asceta ci si aspetta possa coltivare un lato mistico. A colpire, è piuttosto […]

Cana: gioia e bellezza

Cana: gioia oltre misura

Sposalizio: gioia sfrenata Il Vangelo di Giovanni, al secondo capitolo, s’apre con uno sposalizio. Un matrimonio, in generale, è motivo di gioia. A maggior ragione, nel Medio Oriente Antico, in cui tali festeggiamenti rappresentavano qualcosa di atteso, sfrenato, che doveva rispettare precise regole (scritte e non scritte), affinché potesse essere considerato un successo propriamente detto, […]

Giuseppe: forza e fortezza

Giuseppe, fortezza e forza

Le braccia forti di Giuseppe. Le sue spalle vigorose e le sue mani operose. È un uomo maturo, coraggioso e virile, non vecchio, quello che accompagna la Vergine Maria!

Parenti “imbarazzanti”

donna prostitua sposa

Da Betsabea a Racab, da Ruth a Davide. Una famiglia con risvolti imbarazzanti, che dice del desiderio di Dio di non sottrarsi alle pieghe dell’umano.

My Agile Privacy
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy