Ha la passione dell'imprevisto. È un Dio in agguato

Ci sono linguaggi fatti di parole. Altri fatti di silenzi. Entrambi vanno ascoltati per poter prestare attenzione a chi sta intorno e non rinchiuderci in una stanca abitudinarietà.

Rincasavo frettolosamente nel tardo pomeriggio, desideroso solo di una buona doccia e il solito riposino sul divano. Ero stressato e un po’ nervoso per dei problemi sorti al lavoro. Giornata di metà autunno, con una pioggerellina che entrava nelle ossa. Lungo la strada del ritorno, ho incontrato i soliti poveri, ai quali ho dato i soliti spiccioli, ricambiato dai soliti cenni di ringraziamento, ma con la solita insoddisfazione che mi rimaneva dentro dopo quel piccolo gesto di carità. Era facile, troppo facile, mettere le mani in tasca e sentirsi a posto in coscienza. Stavo attraversando la strada che porta a casa mia, quando mi sono accorto che dietro di me camminava un cagnolino tutto bagnato, col pelo arruffato. Mi fermavo e lui si fermava. Camminavo e lui camminava. Davanti al portone di casa ho tentato di accarezzarlo, ma lui si allontanava per poi ritornare vicino. L’acqua che scendeva la vinse sulla curiosità ed entrai in casa. Affacciandomi alla finestra vidi il cagnolino seduto con la testa che guardava in su verso la mia finestra. Allora decisi che aveva fame, scesi e offrii un po’ di pane e un po’ di latte in una scodella. Ma non dette neanche uno sguardo al cibo, fissava i miei occhi, facendo due passi indietro e ritornando vicino a me. Per tre o quattro volte si allontanava da me e poi ritornava. Non conoscendo affatto il linguaggio canino, intuii però che dovevo seguirlo. E così feci. Mi condusse ai margini di un prato, vicino ad un cespuglio robusto. Si sdraiò davanti ad una cagnolina che stava allattando quattro cuccioli. La bellezza di quella scena mi riempì il cuore di tenerezza e gli occhi di lacrime. Prima, non ha voluto né acqua né cibo, voleva solo che fossi presente. Non conosco il linguaggio degli animali, chissà quante volte non ho capito quello delle persone!
(don Mauro Manzoni)

Anche questa settimana, il romanzo ha ricevuto una lusinghiera recensione, da parte di un professore veronese, sul Giornale di Vicenza: è stata riportata tra le note della Pagina Facebook del romanzo, oltre che tra i commenti al blog della Lucertola.
Per controllare gli appuntamenti in corso e quelli in arrivo a breve e lunga distanza, sul sito è presente l’apposita sezione APPUNTAMENTI.
Infine, per quanto riguarda il romanzo, è stata anche creata la Pagina ufficiale su Facebook.
Sul  nostro canale ufficiale youtube sono inoltre stati caricati due video:

Questi gli ultimi articoli pubblicati.

Nella sezione “Il segreto della lucertola“,
dal romanzo “Penultima lucertola a destra – La sconfitta è l’arma segreta dei vincitori“:
1) Introduzione

2) Il blog della lucertola

Nella sezione “Karol il Grande“:

Nella sezione “Centro Sportivo Camillo e Peppone“:

Nella sezione “Del Vangelo di Ychai (Il postino di Cafarnao)” – Commento al Vangelo della Domenica:

Nella sezione “Pensiero creativo“:

Nella sezione “Il guado di Yabbok” – ex Sala Dibattiti:

Buona settimana!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy