Ha la passione dell'imprevisto. È un Dio in agguato

C’era un tempo in cui il popolo chiedeva panem et circenses. Ma s’accorse in breve d’esigere troppo. Tirò giù il prezzo e s’accontentò del "politicamente corretto": ma qualcuno lo sconvolse volentieri in un "islamicamente corretto". E iniziarono le prime scaramucce. Oggi c’accontenteremmo della correzione. Non reclamiamo più il pane, i giochi, la benzina, il politicamente, l’islamicamente. Ci basterebbe la correzione. Cioè l’educazione, la finezza, l’eleganza.
Passando per Piazza della Colonna s’annusa sempre più profumo di tartine e di vino. Schiamazzi, insulti e sputi. Gogliardia, fischi alle donne, impunità statali. Aspettavamo l’ammissione di responsabilità. La firmò il Bonaiuti portavoce: "C’è un clima da osteria". Meno male se ne sono accorti pure loro: perché quando si è al banco con l’oste non s’avverte facilmente d’essere alticci. Se ne accorgono prima i paesani che abitano vicino. Che – incantati da cotanta concentrazione – s’innamorano sempre più al rovescio di quell’arte nobile, antica e prestigiosa che i greci chiamavano politica e che oggi denuncia lo smarrimento della faccia.

oste.jpg

Se A è uguale a B e B è uguale a C, allora A è uguale a C. Se la politica è un’osteria e nell’osteria non ti puoi fidare… la conseguenza è netta e disaffezionante. Ci fosse Fra Cristoforo non esiterebbe ad alzare un ditino!
Scrisse Pasternak: "La politica non mi dice niente. Non amo le persone che sono insensibili alla verità".
La Verità? L’oste dice di non vederla più da anni!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy