Ha la passione dell'imprevisto. È un Dio in agguato

Interpretavo con attenzione la confusione triste nel
volto di Emmanuele Milingo a Matrix.
Non celava –  penso volutamente – una
visibile ironia sulla sua castità vissuta fino all’età di settant’anni. Preti e
celibato: basta un trafiletto di giornale vuoto per riaccendere l’ironia, la
confusione e la superficialità su uno dei segni più forti di una scelta d’amore
che mai come oggi appare una sorprendente stonatura. Spente le luci di Matrix, oggi si accendono quelle del
Seminario Maggiore di Padova: 19 ragazzi firmano un capitolo di storia sacra.
Dal Vescovo accoglieranno la
Parola di Dio da proclamare e l’Eucaristia da distribuire per
raffinare la vita della gente.
Punzecchiati da Maria di Nazareth, che oggi la Chiesa festeggia,
intuiscono che in un mondo di schiavi c’è un solo modo per essere liberi
veramente: essere servi del Signore. Se l’uomo s’intestardisce nel non voler
capire che c’è un solo Dio a cui chinare il capo, piegare le ginocchia, far
splendere il cuore… cambieranno i nomi, i volti, le fisionomie ma rimarranno
sempre schiavi di padroni. Scegliere: la sicurezza della schiavitù o il rischio
della libertà? Sottomessi a Dio: il più bell’atto d’amore e di sapienza. Se
t’imbatti in qualcuno di loro, profumato di giovinezza e curato di divinità,
non assapori la mesta sofferenza raccontata da Milingo, l’ironia di chi gioca
su scelte fatte con libertà, la voglia di "urtare" una Chiesa che t’assicura un
respiro che s’aggancia alle origini. E’ fatica, tanta fatica ma per Qualcuno di
eccezionale. Per una Bellezza che non tutti scorgono ma che abita le venature
della storia, i meandri del vissuto. La verginità: la pazzia che nessuno
conosceva ai tempi di Maria, l’eresia non concepita con logica da uomo alcuno
sulla faccia della terra. Follia: avere un corpo e non darlo a nessuno, una
vigna di carne e chiuderla alle carezze. Scelta ingarbugliata razionalmente… ma
"il cuore ha le sue ragioni che la
ragione non riesce a conoscere"
(B. Pascal). E se non intendi perché, non
ironizzare… accetta che ci sia qualcuno destinato a qualcos’altro. Che non sia
per il matrimonio. Che i suoi occhi ti guardino ma ti lascino libero. Che la
sua mano stringa la tua ma non la trattenga. Che il suo amore ti avvolga ma non
t’imprigioni. Ragazzi da decifrare, storie da svelare, sogni da scoprire…
perché, forse, i loro occhi vedono ciò che non si riesce ad identificare con
gli occhi della carne.
Nelle vigne è il sole che matura l’uva. Senza
toccarla!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy