Ha la passione dell'imprevisto. È un Dio in agguato

famiglia

Per entrare nel mondo quella volta – che passò alla storia come la grande prima volta – Gesù scelse la più comune tra tutte le forme di vita possibili, quella che più di tutte lo fece rassomigliò alla stirpe umana. Scelse di vivere al mondo come un uomo normale, un semplice figliolo, un adolescente qualunque: non andò a ritirarsi in uno sperdutissimo convento d’alta quota ma scelse di nascere dentro una famiglia. Una madre, un padre, una quotidianità da lavorare: «Gesù non era appartenuto all’ordine monastico né all’ordine angelico – scrisse Péguy – ma a quello della gloriosa corporazione dei padri di famiglia». Una famiglia tradizionale, senza la boria di sapersi diversa e, dunque, mantenuta dalle agevolazioni: tre soggetti che, ciascuno intento nel suo daffare feriale, s’aspettavano la sera per cenare assieme. Una famiglia così tradizionale d’apparire quasi (dis)umana. La nascita fu alquanto bizzarra, ma tutto il resto fu la vita di ogni uomo: la falegnameria, il banco da lavoro, la pialla, la sega e la lima, così che, vedendolo all’opera, nessuno gli poteva «rimproverare la vita di lavoro ben fatto con suo padre Giuseppe». T’immagini lo sbigottimento nel vedere che in Gesù c’era un Dio che si dimostrava lealmente uomo, lavorando come tutti i mortali? Un giovanissimo impresario – «Non è costui il figlio del carpentiere? (Mt 13,55)» dirà un giorno la gente di lui ricollegandolo al suo primo mestiere – che contribuì, come figlio, a fare fruttare il patrimonio esiguo dell’operoso Giuseppe. Visse anche Lui, in presa diretta, lo strozzamento dell’economia del tempo: “Figliolomio – gli avrà ripetuto ad oltranza, resoconti alla mano, il padre a fine anno – la pressione fiscale è ai massimi storici quest’anno. Lavoriamo mesi interi per lo stato e, con quel poco che si avanza, dobbiamo fare tutto il resto. Ma va bene così, non lamentiamoci”. Faticare, essere corretti, pagare le tasse: perchè la sua storia fosse leale, per vivere lealmente, non potè improvvisarsi sindacalista, ma dovette spartire la legge prima degli umani: il pane di sudore.
Governare una famiglia, però, è poco meno difficile che governare un regno: pezzi che mancano, pezzi che s’allontanano, pezzi che a volte mal s’incastrano, “ma non vorrei non averla una (mia) famiglia” pensò a più riprese Gesù. Il quale visse la sorte dibattuta di chi è figlio e contemporaneamente padre, figlio di Maria e di Giuseppe sapendo d’essere anche il padre-spirituale di quei due. Una sorte buffa che, a pensarci mezz’istante, manda in baraonda anche il cervello più rodato: come obbedire a della gente che ti dovrebbe obbedire, perchè sottomettersi a gente di stirpe inferiore, com’essere obbedienti senza correre il rischio di farsi zerbini? Non fu per niente facile, per Cristo, andare alla scuola di Maria sapendo d’esserle Maestro, stare a libro paga di Giuseppe con la certezza d’essere Lui il Datore del padre. Non mancarono giorni di sconforto, non si fecero mancare la crisi adolescenziale tipica di ogni uomo e donna. A Gerusalemme, un pomeriggio dei suoi dodici anni, il più piccolo del tre si decise a fare di testa sua, mandando a svernare nell’angoscia la (santa) famiglia: «Non avendolo trovato, tornarono in cerca di lui». A Gerusalemme scoccarono i giorni dell’incomprensione, una delle incomprensioni più feroci: «Perchè ci hai fatto questo?» Nulla di disumano, fu la più umana delle situazioni: mamma-papà che tentano d’organizzare il futuro dei figli per poi vedersi deludere dai diretti interessati. Parlare di delusione è disonesto, parlare di correzione è molto più onesto: «Non sapevate che io devo occuparmi delle cose del padre mio?» Proprio lì quella (strana) famiglia divenne santa, la Santa Famiglia: quando si andarono a ricomporre dopo la (s)composizione. I tre mostrarono che la famiglia sono quelle persone che sono venute in cerca di te quando ti eri perduto.
Si corressero a vicenda, senza che l’uno umiliasse pubblicamente l’altro: “I panni sporchi, laviamoli nel caso dentro casa” s’erano accordati anzitempo. Non sistemarono tutto al volo, il tempo non era ancora maturo, per questo rientrarono a casa, ciascuno con il suo daffare bene in vista, ognuno ad allenarsi con le sue cose non-capite: la Madre a custodire «tutte queste cose nel suo cuore». Gesù tutt’intento nel crescere «in sapienza, età e grazia». Davanti a Dio, anche davanti a Giuseppe. Ancora diciotto lunghi anni a condividere malattie e dentifrici, dolcetti e bagnoschiuma, prestandosi denaro, difendendosi, ridendo, e cercando di capire, ciascuno, il punto di vista dell’altro. In tutti misero su famiglia. In tutti, non in due o in uno: in tutti-e-tre. Perchè in tutti si fa tutto.

I genitori di Gesù si recavano ogni anno a Gerusalemme per la festa di Pasqua. Quando egli ebbe dodici anni, vi salirono secondo la consuetudine della festa. Ma, trascorsi i giorni, mentre riprendevano la via del ritorno, il fanciullo Gesù rimase a Gerusalemme, senza che i genitori se ne accorgessero. Credendo che egli fosse nella comitiva, fecero una giornata di viaggio, e poi si misero a cercarlo tra i parenti e i conoscenti; non avendolo trovato, tornarono in cerca di lui a Gerusalemme.
Dopo tre giorni lo trovarono nel tempio, seduto in mezzo ai maestri, mentre li ascoltava e li interrogava. E tutti quelli che l’udivano erano pieni di stupore per la sua intelligenza e le sue risposte.
Al vederlo restarono stupiti, e sua madre gli disse: «Figlio, perché ci hai fatto questo? Ecco, tuo padre e io, angosciati, ti cercavamo». Ed egli rispose loro: «Perché mi cercavate? Non sapevate che io devo occuparmi delle cose del Padre mio?». Ma essi non compresero ciò che aveva detto loro.
Scese dunque con loro e venne a Nàzaret e stava loro sottomesso. Sua madre custodiva tutte queste cose nel suo cuore. E Gesù cresceva in sapienza, età e grazia davanti a Dio e agli uomini (Luca  2,41-52).


Tempo d’Avvento e di Natale

I^ Domenica d’Avvento, L’attenzione di Veronica, 28 novembre 2021
II^ Domenica d’Avvento, Le cose belle hanno il passo lento, 5 dicembre 2021
Solennità dell’Immacolata Concezione di Maria, Centopercento donna, 8 dicembre 2021
III^ Domenica d’Avvento, Distinto e d’istinto, 11 dicembre 2021
IV^ Domenica d’Avvento, Confidenze, 18 dicembre 2021
Solennità del Natale del Signore, I Tre dell’Ave Maria25 dicembre 2021

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy