Ha la passione dell'imprevisto. È un Dio in agguato

Per i
finanziamenti tagliati drasticamente e la fatica di sponsor privati, dicono che
la Notte Bianca
2007 – l’evento che segna ufficialmente l’inizio delle notti d’estate padovane
– potrebbe essere a rischio. Mancano i fondi ma ci sarebbe già il nome della
"bellona" da abbinarci come madrina: Caterina Murino, l’ultima Bond Girl in
Casino Royale.
Eppure ci sarebbe
una "madrina" molto più esperta di "notti passate in bianco", meno costosa ma
non per questo meno attraente. Io ogni volta che la guardo, m’incanta. Dorme
pochissimo, lavora all’inverosimile, attende tantissimo. Dall’aurora al
tramonto inanella una serie impressionante di azioni, degna delle migliori
prestazioni atletiche: pulisce, lava, cucina, prepara, stira, sbraita,
s’arrabbia, s’addolcisce, telefona, guida, innaffia, accarezza, consiglia,
investe, sorride, stende il bucato, organizza, pianifica, s’ingegna. Alla mattina
la trovo alzata, alla sera spegne le luci. Quando parto la vedo dietro di me,
quando torno a casa la trovo ad attendermi. Non l’ho mai vista con il mascara tra le mani, 90-60-90 non è mai
stato per lei un sogno ma con gli arnesi di cucina ci sa fare. Da piccolo mi
chiamava tesoro, da bambino mi chiamava tesoro, da prete mi chiama tesoro. E mi
chiedo perché tutti cambiano, invece lei rimane sempre la stessa: bella,
indescrivibile, esigente e testarda come il suo bambino. Mi fa innamorare e
imbestialire, ridere e piangere, gioire e innervosire. Mi fa paura solo in
un’occasione: quando tace! Mi piace la mia mamma, perché l’ho sempre vista "in
cammino" accostarsi e camminare con me.
Anche lei
sperava…ma è rimasta delusa. Sperava che suo figlio. Sperava che la scuola.
Sperava che le amicizie. Sperava che i sacrifici fatti. Sperava che la
delicatezza. Sperava che i sogni. Sperava che la casa. Sperava che il futuro
fosse da nonna. Sperava che le camice
da prete venissero usate. Sperava che i suoi sogni diventassero realtà. Invece
sta andando tutto diversamente. Insomma lei, donna che con l’Amore ci sa fare,
ha capito che è inutile farsi illusioni.
Fra pochi giorni
sarà l’8 maggio, festa della mamma. Perché sul palco non sostituiamo Caterina
Murino con cinque mamme di casa nostra? Loro, esperte di notti in bianco,
potrebbero anche fare "prevenzione sociale". Quante cose in un colpo solo!
D’altronde…è la loro specialità!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy