Ha la passione dell'imprevisto. È un Dio in agguato

Barbados, Seychelle, Sharm El-Sheik, Cortina d’Ampezzo: luoghi esotici, montagne innevate, profumo di spiagge lontane. M’arresto sulla biglietteria di Passo Vezzena e contemplo: m’impressiona la gente che scappa impaurita per lo scorrere del tempo. Volti intenti a comprare skipass, facce tristi condannate al divertimento, briciole di mondo alla disperata ricerca di una scheggia di felicità. Vedo gente che si sforza di sorridere. Viaggiare, assaporare terre lontane, ubriacarsi di spensieratezza: è felicità? Non è automatico! La Società Autostrade tace, ma tantissime altre famiglie sono in viaggio in questi giorni. Ma al posto delle spiagge trovano una Finanziaria assassina, al posto d’abbronzature e spensieratezze colpisce la loro composta dignità, al posto della frenesia ti regalano l’occasione di pensare l’essenziale nella vita.
Radio Birikina, sugli impianti, manda in onda un approfondimento sulla morte di Benazir Bhutto, leader Pakistana, ammazzata da un folle kamikaze. L’ennesimo! Una signora, mia occasionale coinquilina nella seggiovia, borbotta tra sè: “Cosa ci rovinano le vacanze con queste notizie!”. Ha ragione, nella sua follia, quella signora: quello che frena il divertimento deve sparire. Salvo rendersi conto che si può buttare a mare la storia, ma negarla non ci è concesso. L’11 settembre 2001 la festa è finita a New York: il rombo del World Trade Center dichiara conclusa la sagra. Ma era distante l’America. Così 911 giorni dopo, l’11 marzo 2004, la festa finisce anche in Europa: Madrid paga il prezzo di duecento morti e più bombe esplose contemporaneamente. Ora tocca al Pakistan, che è l’equivalente di un fiammifero gettato in un pagliaio: il 27 dicembre 2007, probabilmente, la festa è finita pure lì con la morte di una donna-simbolo. Il giorno seguente l’11 settembre americano Peter Scholl-Latour, giornalista esperto in questioni islamiche, scrisse: “Questa è la fine della maledetta società del divertimento. La fantasia che il mondo e gli uomini siano buoni è finalmente stata accantonata”.
Finalmente o purtroppo la festa è finita. Rimane una domanda: che cosa offriamo agli esseri umani oltre alle vetrine strapiene? Se regalassimo occhi nuovi per leggere la storia, forse ce ne guadagneremmo. Perché l’attentato in Pakistan è l’ennesimo piccolo fiasco. La storia non crolla improvvisamente: se n’accorgerebbero tutti. Si sta sgretolando con una sorta di piccoli fiaschi e insuccessi che quasi nessuno nota, mentre si pensa a mangiare bene, a pochi soldi e tanti saldi, ad avere bei vestiti, sci nuovi e creme solari che offuschino vecchie rughe. Finchè tutto scompare. Il filosofo Max Scheler definisce una “metafisica sciocchezza” credere che l’uomo possa fare tutto da solo e non abbia bisogno di Dio! Troppi la pensano così…
Partecipo all’Eucaristia il 1 gennaio in una chiesa dell’Altopiano: strapiena. D’attenzione, va dimostrato. Il sacerdote, funzionario perfetto di Santa Romana Chiesa, conclude la messa in modo perfettamente ortodosso (mancava solo il latino): “La messa è finita. Andate in pace”. Che occasione persa.
Visto il termometro inquieto del mondo sarebbe stato più azzeccato dire: “La pace è finita. Andate a messa!”.
Ma forse avrebbe rischiato la carriera episcopale!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy