Ha la passione dell'imprevisto. È un Dio in agguato

81776061 10220749132188485 5728500729409175552 o

La sveglia che suona, sempre troppo presto. È come lo sparo dello start dato ai blocchi di partenza di una gara di velocità. Da quel momento in poi la parola d’ordine è una sola: correre. Mentre si fa colazione, magari in piedi, una tazza di caffè ed un biscotto trangugiato in fretta. Vestirsi alla velocità del mitico Superman. Affrontare la giungla del traffico. Quando si esce dal lavoro, poi, ricomincia la corsa: spesa-commissioni-famiglia-cena… il momento di posare la testa sul cuscino è il più ambito di tutta la giornata. E poi, l’indomani, ricominciare tutto da capo.
Se vi siete riconosciuti, siete in buona compagnia. Ma è un mal comune che non regala il mezzo gaudio, vero?
In un giorno ci sono la bellezza di 86400 secondi. Che poi sono anche 1440 minuti. Che infine sono 24 ore. La maggior parte di esse è vissuta da molte persone con una fastidiosa sensazione di affanno: si corre per non perdere tempo, ma lui – infingardo – non si lascia racimolare come un piccolo bagaglio di scorta. Continua a scorrere beffardo, simile ad acqua che si rifiuta di farsi stringere tra le dita.
La bellezza di 86400 secondi.
Ne basta una manciata di questi, circa una ventina, spesa in un abbraccio, per far scendere drasticamente i livelli di stress. Ne è sufficiente un’altra manciata per prendere in mano il telefono e farci vicini a qualcuno a cui teniamo. Un’altra ancora, e possiamo soffermarci ad osservare la luna piena, un tramonto color amaranto, il sorriso del nostro vicino mentre legge un libro in metropolitana.
Ma queste sono sciocchezze! Chi vuoi che abbia tempo per osservare il cielo, la forma delle nuvole, quei due anziani che passeggiano sorreggendosi l’uno all’altra? Ci sono cose più importanti!
Poi il Male – chiamiamolo col suo nome, senza timore, perché non è manna discesa dal cielo – un giorno bussa alla porta ed entra sfacciato, senza mai essere stato invitato. Ha molte forme: dolore, malattia, lutto, per esempio. Ed ecco che d’improvviso quegli 86400 secondi diventano la cosa più preziosa del mondo. Diventano ricordi a cui aggrapparci con tutte le nostre forze, voci che non sentiremo mai più, abbracci che non potremo più ricevere. Diventano attimi che vorremmo non scorressero mai: dammi ancora cinque minuti – chiediamo alla vita – per sorridere, per amare, per stringere mani, per vedere il bello che ancora esiste.
E tutte le corse della routine quotidiana ci appaiono ora così piccole, così poco importanti per essere affrontate con toni melodrammatici: è l’esistenza che reclama le proprie priorità.
Impariamo a fermarci. A prendere fiato dai ritmi che ci vengono imposti o che ci imponiamo. Proviamo a considerare l’idea di rallentare. Le migliaia di secondi a nostra disposizione non cambieranno di una virgola, ma, se troviamo un modo migliore per viverli, non ci sembreranno più come degli acerrimi nemici, ma come compagni di viaggio.
Facciamo fare un ricalcolo al nostro navigatore interiore.
Il Male non diventerà d’un tratto meno schifoso. Rimarrà tale, con il suo carico di dolore che vorremmo prendere a calci, talvolta con rabbia, per restituirgli pan per focaccia. Riusciremo però ad opporgli il nostro inno alla vita, perché di quei secondi che ci sono stati concessi ne avremo fatto un tesoro da lasciare in eredità a coloro che abbiamo amato.

In memoria di Giovanni Custodero, il guerriero sorridente.

 

Il guerriero sorridente

Vicentina, classe 1979, piedi ben piantati per terra e testa sempre tra le nuvole. È una razionale sognatrice, una inguaribile ottimista ed una spietata realista. Filosofa per passione, biblista per spirito d’avventura, insegnante per vocazione e professione. Giunta alla fine del liceo classico gli studi universitari le si pongono davanti con un bel dilemma: scegliere filosofia o teologia? La valutazione è ardua, s’incammina lungo la via degli studi filosofici ma la passione per la teologia e la Sacra Scrittura continua ad ardere nel petto e non vuole sopirsi per niente al mondo. Così, fatto trenta, facciamo trentuno! e per il Magistero in Scienze Religiose sfida le nebbie padane delle lezioni serali: nulla pesa, quel sentiero le sembra il paese dei balocchi e la realizzazione di un sogno nel cassetto. Il traguardo, tuttavia, è ancora ben lontano dall’essere raggiunto, perché nel frattempo la città eterna ha levato il suo richiamo, simile a quello delle sirene di omerica memoria. Che fare, seguire l’esempio di Ulisse e navigare in sicurezza o mollare gli ormeggi e veleggiare verso un futuro incerto? L’invito del Maestro a prendere il largo è troppo forte e troppo bello per essere inascoltato, così fa fagotto e parte allo sbaraglio, una scommessa che poteva sembrare già persa in partenza. Nei primi mesi di permanenza nella capitale il Pontificio Istituto Biblico sembra occhieggiarla burbero, severo nei suoi ritmi di studio pazzo e disperatissimo. Ci sono stati scogli improvvisi, tempeste ciclopiche, tentazioni di cambiare rotta per ritornare alla sicurezza del suolo natio. Ma la bilancia della vita le ha riservato sull’altro piatto, quello più pesante, una strada costruita passo dopo passo ed un lavoro come insegnante di religione nella diocesi di Roma. L’approdo, più che un porto sicuro, le piace interpretarlo come un nuovo trampolino di lancio, perché ama pensare che è sempre tempo per imparare cose nuove.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy