Ha la passione dell'imprevisto. È un Dio in agguato

Firmate a Padova e in molte altre città d’Italia, sostenute da politici,
magistrati e preti, spedite da operai, contadini e metalmeccanici, le migliaia
di email che hanno invaso nei giorni scorsi le redazioni di Epolis sono la voce
semplice della gente che tenta di fermare l’olocausto "versione 2000" che sta infangando la
bellezza dei bambini.
Tutti con don
Fortunato di Noto, il "parroco dei bambini", che con il Breviario, la Scrittura Sacra
e l’aspersorio, ma anche con il cellulare, un PC, la connessione internet da
anni ha messo a disposizione la sua faccia e la sua incolumità per proteggere
quest’universo così delicato e tenero. Come scrisse Avvenire – il grido di centocinquanta milioni di bambini straziati
dovrebbe spaccare la
Terra. Invece fa poco rumore, la pedofilia. Quasi nulla
rispetto alla devastazione che lascia dietro di sé: un olocausto bianco che non
risparmia nemmeno più i neonati nei loro primi giorni di vita. La lista di chi
abusa non esclude nessuno: professionisti, medici, avvocati, professori,
qualche prete… Anche insospettabili padri di famiglia, i cui figli hanno la
stessa età dei bambini che loro comprano nei bordelli della Cambogia o di Cuba,
usano e poi lasciano lì per il vizio di altri ricchi clienti. E avanti il
prossimo.
Domani
troppi orchi festeggeranno la Giornata Mondiale dell’Orgoglio Pedofilo, una
manifestazione che dovrebbe far chinare il capo dalla vergogna all’umanità. Non
son bastate mille iniziative, altrettante firme, tanti cuori uniti assieme per
spiegare all’uomo che "il cuore ha le sue
ragioni che la ragione non riesce a conoscere"
(B. Pascal). Sarà una
giornata di lutto mondiale, una giornata che sancirà una sconfitta pesante. Ci
definiamo umani quando solo in Italia
l’anno scorso sono scomparsi 1698 bambini e nel mondo ogni anno 2 milioni di
bambini sono sfruttati a fini pedo-pornografici. Per non parlare dei 380.000
piccoli volti entrati nei data-base della Polizia e che nessuno sa più
rintracciare e salvare. In oltre 106 paesi non si vietano le punizioni
corporali a scuola, si diffonde sempre più la piaga del traffico di organi,
ogni anno 73 milioni di minori subiscono violenze sessuali, 275 milioni
assistono a violenze domestiche, 126 milioni sono coinvolti in attività di
lavoro rischiose.
Rimane www.associazionemeter.it:
la voce dei bambini che non hanno voce!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy