Ha la passione dell'imprevisto. È un Dio in agguato

In principio
era l’Amore. Un tempo si celebravano le nozze d’argento. Le nozze d’oro. Taluno
osava oltre: alle nozze di diamante. 25, 50, 75 anni d’amore. Di fedeltà. Un
tempo che oggi pare entrato nel Guiness
dei Primati
, tanto da dubitarne l’esistenza. Questo è l’uomo: quando non
s’arrischia più di scalare una cima, decide che la vetta va abbassata. O, più
comunemente, insinua che nessuno ci è mai arrivato. Annota Veronica – un’adolescente
vicentina – nel suo blog: "Oggi è un mese che stiamo
insieme e ti amo da una vita"
. Ovvio che non riuscendo più a reggere il tempo, accorciamo
le tappe: non più 25, 50, 75 anni, bensì 25 giorni, i più robusti 50, 75
secondi i più veloci: tempo di un morso al punto giusto e via! Il "compimese"
oggi è, quindi, equiparabile al diamante di una volta! Ma le chiamano comunque "storie
d’amore". Pur essendo avventure, non storie! La storia fiorisce quando dietro
gli eventi se ne sta nascosto e inizia a dischiudersi un senso, un fine. Un
senso: ovvero la capacità di dispiegare lo sguardo oltre lo scorrere degli
ormoni, oltre il fascino della giovinezza, più in là di un seno perfetto o di
un fondoschiena da urlo. Qualcosa che vinca il semplice e ripetitivo gesto di
un istante. L’Amore, ovvero l’occasione bella di scoprire il senso custodito
nell’animo. Scrisse Viktor E. Frankl: "Noi non possediamo
la libertà d’inventare un senso qualunque, bensì abbiamo la responsabilità di
scoprire in concreto il senso"
.
Domani
a Calvene una mamma e un papà festeggeranno 30 anni di matrimonio. Cioè 360 "compimesi":
un’impresa. Una possibilità. Mi piacerebbe tuffarmi dentro questo mucchio di
giorni e tornarmene con una manciata di segreti: le loro fatiche di giovani sposi, i dubbi e le tristezze, le
angosce e le speranze, lo stupore e il nervosismo. Papà che per 30 anni, da
appassionato cultore del particolare, spia i bisogni della sua donna, ne intuisce
le ansie, ne interpreta le sue improvvise stanchezze. E mamma che, tra
lavatrici e fornelli, fatica ad intercettare gli spazi vuoti di un marito
taciturno. E loro due, mano nella mano, a viaggiare, tra timore e stupore,
nelle pieghe tumultuose dell’adolescenza dei figli.
30 anni:
cioè 360 mesi. 10800 giorni in cui, ogni primo mattino, hanno rinfrescato un
amore. Il loro amore!
Lo
rinfrescano perché "l’abitudine è una
morte a rate"
(C. Peguy)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy