Ha la passione dell'imprevisto. È un Dio in agguato

Elena è una delle ragazze che domenica scorsa hanno ricevuto il Sacramento della Confermazione in una parrocchia di Padova. Enumerare le sue passioni è come voler contenere l’acqua del mare in una buca: troppe per nasconderle in un pugno di parole. Solo lei, con il suo arco teso e la sua freccia puntata, sarebbe in grado di non fallire il bersaglio nemmeno stavolta.
Tantissima giovinezza all’anagrafe, una voglia di vivere smisurata nell’anima, fiducia centellinata con il contagocce nella sua giovane storia. Pronta per ricevere lo Spirito Santo: questo fiume di fantasia coraggiosa e di coraggio fantastico che ti lancia alla conquista della vita!
Le ho rubato uno sguardo appena tornata al suo posto dopo l’unzione con l’olio: ha guardato il Crocifisso e si trovò con gli occhi lucidi. Due secondi, non di più! Quanto bastò per farmi ricordare quando nei campi di concentramento nazisti regnava il divieto per i prigionieri di guardare le guardie negli occhi: a chi trasgrediva, la pena di morte era immediata. Proibito perché guardare una persona negli occhi è parlarle, comunicarle mille messaggi: “Mi vedi? Sono qui! Sono come te”. Al contrario, se le guardie non vedevano gli occhi dei prigionieri, questi addirittura non esistevano.
Già morti prima dell’uccisione.
Elena invece, dietro la sua apparente distrazione, fissava intenerita quel Cristo. Un Cristo che sin da bambina le ha mostrato il lato difficile della fede e della vita, la bellezza faticosa di ri-partire dopo improvvisi arresti, la gioia di mille talenti inscritti nel cuore! Seduto vicino a lei mi son venuti i brividi perché avverto che certi attimi ti fanno presagire la nostalgia di fissare prima possibile il Volto di Cristo. Ero lì per farle da padrino, son tornato a casa come un bambino pieno di compiti da fare. Con un chiodo fisso nella testa: voglio usare i giorni che mi rimangono per preparami a contemplare con quella tenerezza il volto del mio Maestro.
Ho ripreso l’aereo per Roma con il cuore in festa! Io, che da prete per migliaia di giorni ho cercato di distruggere fotocopiatrici e di regalare fogli bianchi da inventare, ho raccolto uno sguardo che m’ha rassicurato: per Cristo vale la pena di rischiare la novità!
Che sapiente tenerezza in quell’incrocio di sguardi!
Altro che l’aridità di certe epigrafi già stampate per annunciare la morte certa di Dio!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy