Ha la passione dell'imprevisto. È un Dio in agguato

Che
premura nei loro lineamenti! Li avvisti sulla soglia di casa, coperti dentro le
mercanzie delle loro contrade, a custodia imperterrita dei propri casolari –
fortezze inespugnabili di una civiltà che un giorno rimpiangeremo -. Quando
guardano il mondo avvertono un po’ di spavento perché nulla sembra come prima.
Ma loro stanno lì, presenze mute di una sapienza preziosa per essere tradita.
Han sentito l’urlo dei cannoni e il canto delle fidanzate, l’odore dei fucili e
il profumo degli anemoni, la crudele vendetta nemica e la tenerezza delle loro
spose. Tra i loro patrimoni, la parola è quella a cui ambisco: a fiumi
d’inchiostro firmati da penne moderne ribattono con la semplicità di un
proverbio coprente molto più della nostra comunicazione. Faticare, lavorare,
ascoltare, prendere, partire: verbi comuni per esistenze semplici. Vite
nascoste che marcano partenze simili ad arrivi: in punta di piedi. Camminatori silenziosi,
fastidiosi con nessuno, viziati dai raggi di una luna da tempo immemore eletta
custode di arcani segreti. Partono leggeri sulla polvere, come impalpabili si
sono alzati per decine di primavere. Il Vecchioni cantante spese per loro
parole smisurate: "Conosco poeti che
spostano i fiumi con il pensiero e naviganti infiniti che dialogano con il
cielo"
.
"Racconti di vita" è la voce che lega tra loro gli anziani della ValBrenta nell’intento di
prestar fiato ad una memoria storica che diventi accecante presente al quale
apprendere antiche memorie. Oggi come non mai s’avverte per l’uomo il bisogno
di parole, non di chiacchiere, urgenza di preferenze forti e coraggiose. A
quale facoltà iscriversi? Smagliante l’intuizione di Biagi, giornalista al
quale l’Italia s’è stretta attorno per celebrarne il saluto e il ricordo: "Non
c’è nessun testo che abbia il valore e la forza del Vangelo. Ti obbliga a dire
si e no e noi viviamo delle giornate in cui si sente sempre dire "forse"
.
Sembrano
abitare fuori dal mondo perché lassù il rumore è sostituito dal nitrito del
cavallo o dal pigolio di una rondine. Ma non si stancano di abitare la montagna
– aggrappati come ostriche a questo piccolo mondo antico – persuasi che un giorno,
quando l’uomo si libererà dal tachimetro, le vecchie mura verranno riabitate e
i comignoli si rimetteranno a fumare.
Capiterà…perché
le sorgenti la parola non la cedono facilmente!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy