Ha la passione dell'imprevisto. È un Dio in agguato

Le ore passano lente come secoli sotto un sole di piena estate che di ora, in ora si fa più spietato per quegli uomini distrutti dalla fame, dalla sete e dalla fatica. Qualcuno comincia a stramazzare al suolo svenuto. Se non si rianima sotto il grandinare delle percosse, è trascinato via, per i piedi e gettato in un angolo del “piazzale”.
Testa di mastino, alle 18, si pianta, a gambe divaricate, davanti alle sue vittime, sul campo un silenzio di tomba.
“L’evaso non è stato ritrovato dieci di voi moriranno nel bunker della fame. La prossima volta toccherà a venti.”
Lentamente il capo inizia la sua scelta fissando nello sguardo, uno ad uno i prigionieri e di ciascuno assaporando il terrore.
“Questo qui”, Testa di mastino puntava a caso il suo indice sul numero cucito sulla giacca del prigioniero. Il drappello dei martiri è completo.
“Arrivederci amici, ci rivedremo lassù, dove c’è vera giustizia”, “viva la Polonia! E’ per essa che io do la mia vita”.
Francesco G. n° 5659, piange disperato ricordando la moglie e i figli. Tra le file dei risparmiati lo sbigottimento lascia il posto ad un senso di sollievo, alla gioia: vivere ancora, sfuggendo alla morte atroce del bunker della fame. Un uomo esce dalle fila – numero 16.670 – e con passo deciso si presenta a Testa di Mastino.
“Cosa vuole da me questo sporco polacco?”
“Vorrei morire al posto di uno di quelli”
“Perché?”
“Sono vecchio, ormai (aveva 47 anni!) e buono a nulla – La mia vita non può più servire gran che.”
“E per chi vuoi morire?”
“Per lui, ha moglie e bambini”
“Ma tu chi sei?”
“Un prete cattolico” P. Massimiliano Kolbe – n° 16.670

Era Massimiliano Maria Kolbe, morto ad Auschwitz il 14 agosto 1941 e proclamato santo nel 1982 da papa Giovanni Paolo II.


Questi gli ultimi contributi pubblicati:


APPUNTAMENTI

  • Martedì 21 ottobre, alle ore 20,30, presso la chiesa Ca’ Trenta di Schio (VI), in via San Pio x, n°296, in occasione della festa annuale  della comunità, si terrà una serata di meditazione e di riflessione, curata da don Marco Pozza,  a partire dal versetto evangelico “Perchè tutti siano una cosa sola” (Gv 17,21).
  • Venerdì 24 ottobre, alle ore 21, don Marco sarà ospite della trasmissione “Dentro il quotidiano“, in qualità di autore del libro “L’imbarazzo di Dio” (San Paolo 2014).
    Per le frequenze, informazioni su Radio Mater

 

Buona settimana!

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

My Agile Privacy
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy