Ha la passione dell'imprevisto. È un Dio in agguato

Guardate il mondo come lo vedo io.  
Una sfida. Anzi no, un invito, una mano tesa.
Il rabbi di Nazareth è un’acrobata dell’Amore. Capace di voli fino al più alto dei cieli, per poi scendere – in un batter di ciglia – giù giù, tra rocce, terreni coltivati, acque di lago e verdi pascoli. Prende tra le proprie mani il traboccante infinito e lo adagia sulle azioni quotidiane, come il velo ricamato dei giorni di festa.
L’oceano che si lascia racchiudere da una goccia. A rimirarla in controluce è un tripudio di Misericordia.
Il rabbi galileo parla, benedice, ascolta, e ti viene voglia di mettere radici lì, presso di lui, perché il tempo non abbia mai fine. Resta con noi, gli chiedono. E’ un popolo che ha fame, in tutti i sensi, umano e spirituale. Seduta sull’erba, la gente tende cuore ed orecchie, mentre in lontananza la brezza gioca tra le fronde degli alberi e increspa le acque del lago. Contadini, pastori, commercianti. Padri, madri, figli e fratelli. Per essi l’Altissimo è come una vetta di monte inaccessibile, il suo regno una promessa che si vorrebbe toccare con mano, qui ed ora.

“Il regno dei cieli è simile al lievito, che una donna prende e nasconde in tre misure di farina…” (Mt 13,33)

L’infinito scende e si nasconde nel più semplice del quotidiano. Il pane che sazia è l’anticipo di quel pane di Vita che non avrà mai fine e sfamerà popoli d’ogni tempo e luogo. Le donne di casa, stupefatte, d’ora in poi non metteranno più mano alla farina senza un nuovo sorriso sulle labbra.

«Il regno dei cieli è simile a un padrone di casa, il quale uscì di mattino presto per assumere dei lavoratori per la sua vigna…” (Mt 20,1)

Il padrone ha fretta, l’Altissimo non si crogiola in attese inutili. E’ lui che cerca per primo, che si mette in marcia verso le sue creature.

“Il regno dei cieli è simile a un granello di senape che un uomo prende e semina nel suo campo…” (Mt 13, 31)

Bocche spalancate per lo stupore, mani che si torcono in grembo, sussulti d’incredulità mista ad una felicità che germoglia ed attecchisce, proprio come quel granello di senape.
Il mondo. Il loro mondo!
Umile, laborioso, faticoso.
Vite all’insegna della pazienza e dell’attesa, un cammino di pari passo con i cicli delle stagioni e i ritmi della natura.
E d’improvviso tutto questo diventa metro di paragone e non in discorsi qualunque. Sono parole mai udite prima, scintille di speranza mai sperata, coriandoli d’infinito sparsi come pioggia benefica.
Il regno di Dio è lievito, è seme, è un tesoro in un campo. L’amore di Dio è la pazienza di un padre, la perseveranza di una donna, la solerzia di un pastore.
Dov’è la vetta inaccessibile in cui dimora l’Altissimo? Più non c’è. Abbassate gli occhi, suggerisce il rabbi. Ciò che cercate è già tra di voi, ha bisogno delle vostre mani, dei vostri passi svelti, dei vostri cuori mai sazi.
La vita di tutti i giorni si tramuta in una perla preziosa, da rimirare con occhi nuovi, con animo mutato. Il lavoro di tutti i giorni si tramuta in gesti che rimandano a Dio.
Il mondo si colora di nuovo. Pittore è la Misericordia stessa, pennello sono le vite di coloro che a lei s’affidano. Senza false illusioni. Non tutto è idilliaco e felice. Servono tenacia, pazienza, lacrime di fatica, notti di veglia e di lavoro, mani stanche e ferite, ma colme della dignità dei figli di Dio.
Guardate il mondo come lo vedo io, ripete il rabbi di Galilea.
È un mondo con cui il Padre non si vergogna di misurarsi.
Povero, ai limiti della società, guardato con disprezzo da chi s’ammanta di sapienza e ricchezza umana.
È un riscatto, il messaggio delle parabole. E’ il dono di una nuova visione, racchiusa in gesti semplici che sono anticipo di un infinito che è già alla portata di tutti.

Vicentina, classe 1979, piedi ben piantati per terra e testa sempre tra le nuvole. È una razionale sognatrice, una inguaribile ottimista ed una spietata realista. Filosofa per passione, biblista per spirito d’avventura, insegnante per vocazione e professione. Giunta alla fine del liceo classico gli studi universitari le si pongono davanti con un bel dilemma: scegliere filosofia o teologia? La valutazione è ardua, s’incammina lungo la via degli studi filosofici ma la passione per la teologia e la Sacra Scrittura continua ad ardere nel petto e non vuole sopirsi per niente al mondo. Così, fatto trenta, facciamo trentuno! e per il Magistero in Scienze Religiose sfida le nebbie padane delle lezioni serali: nulla pesa, quel sentiero le sembra il paese dei balocchi e la realizzazione di un sogno nel cassetto. Il traguardo, tuttavia, è ancora ben lontano dall’essere raggiunto, perché nel frattempo la città eterna ha levato il suo richiamo, simile a quello delle sirene di omerica memoria. Che fare, seguire l’esempio di Ulisse e navigare in sicurezza o mollare gli ormeggi e veleggiare verso un futuro incerto? L’invito del Maestro a prendere il largo è troppo forte e troppo bello per essere inascoltato, così fa fagotto e parte allo sbaraglio, una scommessa che poteva sembrare già persa in partenza. Nei primi mesi di permanenza nella capitale il Pontificio Istituto Biblico sembra occhieggiarla burbero, severo nei suoi ritmi di studio pazzo e disperatissimo. Ci sono stati scogli improvvisi, tempeste ciclopiche, tentazioni di cambiare rotta per ritornare alla sicurezza del suolo natio. Ma la bilancia della vita le ha riservato sull’altro piatto, quello più pesante, una strada costruita passo dopo passo ed un lavoro come insegnante di religione nella diocesi di Roma. L’approdo, più che un porto sicuro, le piace interpretarlo come un nuovo trampolino di lancio, perché ama pensare che è sempre tempo per imparare cose nuove.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy