Ha la passione dell'imprevisto. È un Dio in agguato

maquillageSembra una fotografia di famiglia quando un ragazzo o una ragazza presenta ai suoi genitori per la prima volta il suo fidanzato o la sua fidanzata. Domenica scorsa, nel momento dell’Ascensione, Gesù, accompagnando per la prima volta l’umanità nel cielo, volle fare al Padre la presentazione ufficiale della sua sposa. Le reazioni del Padre? Non solo è rimasto felicissimo per la scelta del Figlio, ma ha voluto da subito fargli un dono “fuori categoria” dalle liste nozze. D’accordo con lui, ha inviato sulla terra il suo Santo Spirito con il compito di render ancor più bella e affascinante la sua sposa. Si, perché la fidanzata è splendida. Ma ci son tante macchie sul volto, molte rughe sulla fronte, parecchie ferite nel corpo. Ecco: a Pentecoste noi celebriamo l’irruzione dello Spirito Santo sulla chiesa e, di conseguenza, nell’umanità.
Che emozione, che scoperta, che responsabilità intuire che Lo Spirito Santo è legato all’idea di giovinezza. E’ lui che da alla chiesa il brivido dei primi passi, l’estro dell’adolescenza, l’estasi dell’abbandono, il turbine della fantasia, i lampeggiamenti del genio, le novità dell’improvvisazione, le tenerezze dell’età dell’amore. Lo afferma il libro degli Atti degli Apostoli: “Erano stupefatti e fuori di se’ per lo stupore” (At 2,7): Magari potessi tuffarmi negli occhi di Pietro, occhi costretti allo stupore nel vedere ridisegnata dal soffio dello Spirito la geografia dell’umanità: accanto a lui il volto di Parti, Medi ed Elamiti che s’incrociano nel cielo bellico e martoriato della Mesopotamia per unire i loro sogni con i mercanti della Cappadocia, i funamboli del Ponto e gli acrobati dell’Asia. Si discute di terre da evangelizzare con l’aiuto degli abitanti della Frigia, della Panfilia e dell’Egitto sapendo di poter vincere le tempeste nascondendosi nei porti amici di Cirene e Roma, di Creta e dell’Arabia.

Mentre stava compiendosi il giorno della Pentecoste, si trovavano tutti insieme nello stesso luogo. Venne all’improvviso dal cielo un fragore, quasi un vento che si abbatte impetuoso, e riempì tutta la casa dove stavano. Apparvero loro lingue come di fuoco, che si dividevano, e si posarono su ciascuno di loro, e tutti furono colmati di Spirito Santo e cominciarono a parlare in altre lingue, nel modo in cui lo Spirito dava loro il potere di esprimersi.
Abitavano allora a Gerusalemme Giudei osservanti, di ogni nazione che è sotto il cielo. A quel rumore, la folla si radunò e
rimase turbata, perché ciascuno li udiva parlare nella propria lingua. Erano stupiti e, fuori di sé per la meraviglia, dicevano: «Tutti costoro che parlano non sono forse Galilei? E come mai ciascuno di noi sente parlare nella propria lingua nativa? Siamo Parti, Medi, Elamìti; abitanti della Mesopotàmia, della Giudea e della Cappadòcia, del Ponto e dell’Asia, della Frìgia e della Panfìlia, dell’Egitto e delle parti della Libia vicino a Cirène, Romani qui residenti, Giudei e prosèliti, Cretesi e Arabi, e li udiamo parlare nelle nostre lingue delle grandi opere di Dio».
(cfr Atti degli Apostoli cap. 2 vv. 1-11)

Ecco perché lo Spirito Santo è più vicino alla terra di quanto tu possa pensare. E io mi vergogno e mi dissocio dalla malinconia di quanti definiscono lo Spirito Santo il “grande sconosciuto”. Robe da matti. Sono cose che capitano tutti i giorni: non si vedono le realtà vicine. Pensa! Chi ha gli occhiali non vede le lenti, ma attraverso di esse vede tutto il resto. Così è lo Spirito, anche se magari non ne abbiamo coscienza. Ma è solo per lui che crediamo, amiamo, preghiamo e ritroviamo, con la giovinezza, tutte le speranze perdute. “Anche voi mi renderete testimonianza, perché siete stati con me fin dal principio”. Se le cose stanno così non possiamo non invocare a squarciagola lo Spirito Santo perché ci regali “quantità industriali” della sua giovinezza. Un rinnovamento planetario, non con il trucco effimero di un maquillage a fior di pelle, né con un superficiale intervento di restauro conservativo. Abbiamo bisogno di qualcosa di più profondo perché se ci guardiamo allo specchio intravediamo che la stanchezza ci disegna sul volto le increspature di una senilità precoce e preoccupante. Il nostro passo si trascina con la cadenza dei vecchi. Le nostre scelte hanno l’astuta prudenza di chi è vissuto troppo a lungo per lasciarsi travolgere dall’entusiasmo. Le nostre vedute appannate sono intrise più di rimpianto che di speranza. Le nostre veglie e i nostri soliloqui sono più popolati di memorie e nostalgie che di sogni e attese. Le nostre parole si ispirano più al calcolo diplomatico che al coraggio profetico. Le nostre esperienze passate ci conciliano più con i sentimenti della paura che con l’audacia del rischio. Vieni Santo Spirito!
Nel caso qualcuno, scorgendo in te una pazzia irrazionale, ti provocasse: “Chi credi di essere?” rispondi: “Sono figlio di Dio, sono amato con amore eterno; protetto come la pupilla degli occhi” (Ger 31,3).
E se stasera ti siedi, ti racconto tutto il resto!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy