Ha la passione dell'imprevisto. È un Dio in agguato

La montagna si eleva verso il sole. Ma la montagna pesa. E’ fatta di sassi. In qualche recesso delle sue viscere nacquero un giorno due piccole sorgenti d’acqua limpida, che cercavano di uscire all’aperto. Ma la montagna non cedeva: le opprimeva, le soffocava.
Dopo un bel po’ di tempo le sorgenti, facendosi largo a poco a poco, riuscirono a venire alla luce ai piedi della montagna.
Com’erano stanche! Ma non c’era tempo per riposarsi.
Erano appena scaturite dalla terra quando sentirono delle grida provenienti dal muschio, dall’erba, dai fiorellini, dalle rose alpine: “Dateci da bere! Dateci da bere!”
“Fossi matta!”, disse la prima sorgente. “Ho faticato tanto senza sosta laggiù, sottoterra, mentre voi, pigri, ve ne stavate al sole. Non vi darò proprio niente!”
“Non ci darai niente?”, disse il muschio piccato. “E allora noi non ti lasceremo passare.”
“Ti sbarreremo la strada con le nostre numerose radici”, dichiarò l’erba.
“Ti copriremo così nessuno ti troverà”, minacciarono i cespugli di rose alpine e di rovi.
La seconda sorgente fu condiscendente: “Bevi, sorella erba, però fatti da parte perché io possa proseguire il mio cammino!” Bevvero un poco anche i cespugli ma si tennero fuori dalla corrente e così il muschio e la rosa alpina.
La sorgente correva. Dava da bere a tutte le piante e tutte le cedevano il passo.(…) La sua acqua era fresca e limpida come cristallo. (Lei stessa non sapeva come. Le piante l’amavano e lasciavano che altre sorgenti si unissero a lei.(…) Alla fine arrivò al mare. Quando giunse alla foce, l’azzurro padre Oceano la prese fra le braccia e la baciò sulla fronte. “E dov’è tua sorella sorgente?le chiese.”
“Ah, Padre! Purtroppo è diventata paludosa, marcia e puzzolente.”
“Così è la vita, figliola mia”, disse padre Oceano.
“Tua sorella non voleva dare agli altri ciò che ha ricevuto. Vedi? Anch’io oggi ti ricevo in restituzione del vapore che da me è salito verso la montagna. La vita è dare. Tenere per sè è la morte.”

(Tomás Spidlík, Il professor Ulipispirus e altre storie)

Buongiorno!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy