Ha la passione dell'imprevisto. È un Dio in agguato

Quando si abbandona il giusto rapporto con una realtà, immediatamente si manifestano due errori opposti. L’umanità è entrata nel razionalismo, ma il razionalismo non soddisfa il cuore umano. Di conseguenza si produce una reazione uguale e contraria: l’invasione dell’irrazionale. Il razionalismo ha detto: il Mistero è irrazionale, nessun rapporto con esso è possibile. La conseguenza è stata una reazione che instaura un rapporto ossessivo e anarchico con le forze delle tenebre. E che riconosce la potenza del diavolo, ma non la sua intelligenza: lo raffigura folcloristicamente come un caprone, lo associa ai sacrifici di animali.
Ma il diavolo agisce più attraverso la sua intelligenza che attraverso la forza, la sua specialità è provocare due o più derive opposte, è orchestrare quelle che Giovanni Paolo II ha chiamato “strutture di peccato”: peccati che non sono in rapporto con un’intenzione umana univoca, ma che si creano per l’opposizione di due o più parti. Pensiamo alla Spagna, dove la reazione alle stragi anticristiane è stato il fascismo e da lì tre anni di guerra civile.
Pensiamo al trionfo del nulla in tivù: nessuno l’ha deciso a tavolino, eppure si ha l’impressione che qualcuno l’abbia orchestrato. Il fatto è che il diavolo distingue perfettamente l’errore dalla verità, e moltiplica coscientemente gli errori per giocarci. Noi invece, anche quando siamo nell’errore, crediamo di essere nella verità, e ci teniamo. Il diavolo non ci tiene, ed è per questo che è capace di manovrare e di creare strutture che ci spingono a commettere cose che vanno al di là delle nostre intenzioni coscienti.
[Da un’intervista del 2010 di Tempi a Fabrice Hadjadj]

rosalinda


Siamo tutti della stessa pasta
Hai ballato con i lupi. Biki, riposa-in-pace!
La cattiveria dei buoni: «Io non temo che i cattivi cattolici»
Quando il Maestro fa “invasione di campo”


PROSSIMI APPUNTAMENTI
Mercoledì 26 ottobre 2016, alle ore 9,il docufilm ‘Mai dire mai’ di Andrea Salvadore, promosso da Tv2000 e la Diocesi di Padova, sarà proiettato in anteprima nazionale nel carcere ‘Due Palazzi’ di Padova.
All’anteprima saranno presenti i detenuti del carcere ‘Due Palazzi’, il vescovo di Padova, mons. Claudio Cipolla, il direttore di Rete di Tv2000, Paolo Ruffini, il regista, Andrea Salvadore, il direttore della Casa di reclusione, Ottavio Casarano, e alcuni rappresentanti istituzionali locali e nazionali. 

Mai dire mai’ è stato realizzato con la collaborazione della redazione di “Ristretti Orizzonti” e il consorzio “Officina Giotto” e grazie alla disponibilità di: Ministero della Giustizia – Dipartimento Amministrazione Penitenziaria; Corpo di polizia penitenziaria, Casa di reclusione “Due Palazzi” di Padova, Casa di reclusione femminile della Giudecca (VE), Diocesi di Padova, Patriarcato di Venezia, cooperativa sociale “AltraCittà”, ASD Polisportiva Pallalpiede, cooperativa sociale “Rio Terà dei Pensieri”, associazione “Il granello di senape”.
Ingresso su invito.
Venerdì 4 novembre 2016, alle ore 9, su Tv 2000 (Canale 28 – Sky Canale 140 – tivùsat 18), don Marco Pozza sarà ospite  del programma “Bel tempo si spera“, condotta da Lucia Ascione.
Sabato 5 novembre 2016, alle ore 20.30, su Tv 2000 (Canale 28 – Sky Canale 140 – tivùsat 18), don Marco Pozza sarà intervistato da Monica Mondo, all’interno della trasmissione “Soul“, che si propone di incontrare “fino in fondo all’anima” uomini e donne che interessano, che incuriosiscono per il loro spessore culturale e umano (Protagonisti del nostro tempo, impegnati in politica, nell’arte, nello sport, nei dibattiti più attuali, intervistati non perché famosi, ma perché hanno qualcosa di vero da dire).


Buona settimana!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy