Ha la passione dell'imprevisto. È un Dio in agguato

diavolo

Lui le cose le conosce, è inutile nasconderlo: Satàn, in fatto d’intelligenza, batte tutti (eccetto Dio) a tavolino. Cristoddìo, però, è stato ammaestrato ancora prima che il demonio esistesse: “Non discutere mai con gente idiota, figliommio – gli avrà pur detto sua Madre o suo Padre (qualsiasi dei due) -: ti trascineranno al loro livello e poi, per una somma di esperienze, ti batteranno!” Satàn dimentica spesso che l’amore non si discute: si dimostra. Lui, invece, continua a discutere più per capriccio che per necessità. E quando si ritrova faccia a faccia con Dio, il demonio mette i puntini sulle i, Cristo fa analisi logica: il primo si diverte a fare le autopsie dei dettagli, il secondo ha la passione di (col)legare tra sé il mondo intero. Il risultato finale di ogni loro discussione è sempre lo stesso: il demonio e i suoi seguaci amano discutere di religioni che loro non hanno mai praticato.
Tenta, dunque, Satàn: le sue truffe sono come i tentacoli di un polipo, ha il vizio dell’inganno, ha sempre una tentazione in agguato. Cristoddìo, con questo farabutto, non fa le orecchie da mercante: siccome sa di essere venuto al mondo per portare la pace, allora entra in guerra per fare la guerra alla guerra. Entra a sfidare il principe della guerra: non lo evita, si propone lui – «guidato dallo Spirito nel deserto» -, si fa sotto per dirgli, con il linguaggio dei bambini: “Prenditela con quelli della tua età!” Lui sa che, passata questa vita barbara che si concluderà in Croce, diventerà un generale d’armata: e per mostrarsi domani credibile, oggi accetta d’essere un soldato semplice. Uno di quelli che va al fronte a combattere, che soggiorna nelle trincee, soltanto il proprio petto a fargli da scudo umano. E nel deserto, per la gioia di Satàn, si lascia tentare: non è il porcello a insidiare il Santo, è il Santo che permette al porcello di stuzzicarloPer questo, un giorno, non insegnerà a chiedere al Padre suo di “non presentarci mai delle tentazioni” – il che sarebbe un ridimensionamento improprio della libertà umana – bensì di “non abbandonarci alla tentazione”. La tentazione, Cristoddìo, la permette: è lei a farci sentire umani, alla faccia del nostro desiderio di essere inattaccabili. La autorizza ma, per chi lo vorrà, la tentazione sarà come neve al sole: sparirà alla sola richiesta d’aiuto a Iddio.
Va in guerra, dunque: a fare la dimostrazione pubblica di come si faccia a mettere nel sacco Satàn. Per mostrare come ragioni il demonio e i suoi chierici: a loro non importa conoscere come stanno le cose, interessa ritornarsene a casa confermati nei loro pregiudizi. Cristo, invece, sogna di confermarsi nella fede e fare in modo fede e verità coincidano. Non difetta certamente di coraggio il bimbo cresciuto a Nazareth: accetta, perino, di strofinare e lucidare il suo cervello contro quello di Satàn. Che, arlecchino nauseabondo com’è, si nasconde tra i cespugli delle frasi imparate a memoria, scagliando frecciatine velenose travestite di apprezzamento. Lui discute, Cristo lo sta ad ascoltare: «Chi è capace non discute – scriveva Lao Tzu -, chi discute non è capace». Neanche si impegna a discutere con Satàn, perchè non ci si può permettere il lusso di discutere con chi ha la voglia di discutere tanto per discutere e basta. Con Satàn Cristoddìo è un signore gagliardo, preparato: gli cita la Scrittura Sacra e, prima d’andarlo a sfidare di petto, controlla bene di essere «pieno di Spirito Santo» (cfr Lc 4,1-13). Solamente l’imbecille può pensare di vincere Satàn a colpi di discussioni. O con la preghiera, o con la Scrittura: non c’è una terza via.
Dal deserto il demonio esce con le ossa fracassate ma con un aumento di boria: “Non ci sono riuscito con Lui, ci proverò con i suoi”. Puntuale, ogni giorno, riprova: “Cerco cuori d’affittare. Pago cash: con pane, potere, successo”. Quella contro Satàn resterà la più lunga e pericolosa partita a scacchi contro la morte. Se anche Cristo, ch’era esentato dal ticket, l’ha combattuta, allora varrà la pena combatterla: c’è da sgomitare contro le tentazioni (non sognarne lo scanso) per credere in Dio. Che, dati alla mano, resta l’alleanza più forte contro Satàn.

(da Il Sussidiario, 5 marzo 2022)

In quel tempo, Gesù, pieno di Spirito Santo, si allontanò dal Giordano ed era guidato dallo Spirito nel deserto, per quaranta giorni, tentato dal diavolo. Non mangiò nulla in quei giorni, ma quando furono terminati, ebbe fame. Allora il diavolo gli disse: «Se tu sei Figlio di Dio, di’ a questa pietra che diventi pane». Gesù gli rispose: «Sta scritto: “Non di solo pane vivrà l’uomo”».
Il diavolo lo condusse in alto, gli mostrò in un istante tutti i regni della terra e gli disse: «Ti darò tutto questo potere e la loro gloria, perché a me è stata data e io la do a chi voglio. Perciò, se ti prostrerai in adorazione dinanzi a me, tutto sarà tuo». Gesù gli rispose: «Sta scritto: “Il Signore, Dio tuo, adorerai: a lui solo renderai culto”».
Lo condusse a Gerusalemme, lo pose sul punto più alto del tempio e gli disse: «Se tu sei Figlio di Dio, gèttati giù di qui; sta scritto infatti: “Ai suoi angeli darà ordini a tuo riguardo affinché essi ti custodiscano”; e anche: “Essi ti porteranno sulle loro mani perché il tuo piede non inciampi in una pietra”». Gesù gli rispose: «È stato detto: “Non metterai alla prova il Signore Dio tuo”».
Dopo aver esaurito ogni tentazione, il diavolo si allontanò da lui fino al momento fissato (Luca 4,1-13).


Editoriali del Tempo di Quaresima 2022

Mercoledì delle Ceneri, Una strana allegria al pensiero di  riprovarci2 marzo 2022

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy