Ha la passione dell'imprevisto. È un Dio in agguato

GLI ALTRI CI SONO TUTTI.
I pastori, le pecore.
L’acquaiola, il pescatore,
l’angelo sopra la grotta.
Ma hanno rubato Gesù bambino.
C’è la stalla, tutta in ordine,
ci sono l’asino e il bue,
c’è Maria e naturalmente Giuseppe.
Ci sono le case, le palme,
la fontanella e il cielo stellato.
Ma hanno rubato Gesù bambino.
GUARDATE MEGLIO,
guardate dentro la grotta,
la mangiatoia è vuota,
dove sarà scivolato?
Se l’hanno rubato
forse gli avranno fatto male.
Maria sorride. Ma a chi,
se sulla paglia non c’è nessuno?
E Giuseppe è chinato.
Ma su cosa? lo sa soltanto lui.
Hanno rubato Gesù bambino.
A chi rivolgono l’asino e il bue
i loro fiati di gesso?
Non c’è nessuno lì dentro,
da riscaldare.
Magi, avete fatto un viaggio inutile,
tornatevene a casa,
perché Gesù Bambino lo hanno rubato.
La stella non ha nessuna strada da indicare,
la grotta nessun segreto da proteggere,
e l’angelo
nessuna buona notizia da annunciare.
HANNO RUBATO GESÙ BAMBINO.
Forse lo ha preso un profugo
prima di lasciare casa sua,
prima di salire su una di quelle navi
cariche di tanti profughi come lui.
Forse è finito nella tasca del giubbotto
di un condannato a morte,
e ora dorme beato accanto a quel cuore
che tra poco non batterà più.
Dormi, bimbo rubato,
dormi nella sacca del povero monaco perseguitato.
È lui che ti ha portato via?
Oppure sei finito nella capanna di paglia
del povero missionario?
Cosa ci fai, così bianco e rosa
in un paese dove i bambini sono tutti neri?
Hanno rubato Gesù Bambino.
Forse l’ha preso il bimbo soldato
per farsi passare la paura,
quando imbraccia il fucile,
e t’ha confuso per giocattolo.
Gioca, Gesù bambino,
tu e il fucile, due giocattoli come altri,
nelle mani del bimbo soldato.
HANNO RUBATO GESÙ BAMBINO,
nessuno sa dove è finito.
Forse sul comodino
di quel vecchio signore solo,
accanto alle medicine,
e alle foto dei figli,
che lo hanno abbandonato.
Forse lo stringe nel pugno un torturato,
per aggrapparsi a una cosa qualunque,
una cosa che lo leghi alla vita.
HANNO RUBATO GESÙ BAMBINO.
Cercatelo attentamente:
nei ripostigli, nei cuori,
tra le carte degli uomini d’affari
che andavano quella mattina
dentro le Twin Towers,
nelle tasche dei vigili del fuoco,
tra le pieghe dei caffettani, dei beduini,
nelle sacche degli extracomunitari,
e fra le pagine dei libri di scuola…
CERCATE,
cercate attentamente,
perché hanno rubato Gesù bambino
perché Gesù bambino
appartiene al mondo
perché il mondo è davvero
il suo presepe più grande.
(Laura De Luca, Bingo Davvero, ed. Paoline)

Buongiorno!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy