Ha la passione dell'imprevisto. È un Dio in agguato

Anni fa, in uno dei tanti campeggi fatti in montagna , durante una passeggiata attraversammo dei prati dove c’erano due cavalli. Da distante, sembravano due cavalli come tutti gli altri. Ma avvicinandoci scoprimmo una cosa davvero insolita.
Uno dei due cavalli era cieco. Il padrone aveva deciso di non abbatterlo – e già questo, di per sé, era sorprendente.
L’altro cavallo, quello sano, era un pony e attaccato alle briglie aveva una campanella. Il suono di quella campanellina permetteva al cavallo cieco di sentire la presenza del compagno, in modo da poterlo seguire.
Ci fermammo per alcuni minuti a guardare questa accoppiata insolita.
Mentre pascolava, il pony si girava spesso, per controllare la presenza del compagno. Il cavallo cieco, d’altro canto, pascolava sempre nelle vicinanze del suono della campanella, e lentamente si avvicinava a essa – fiducioso nel compagno e nella sua guida.

«Guardate gli uccelli del cielo: non seminano, né mietono, né ammassano nei granai; eppure il Padre vostro celeste li nutre. Non contate voi forse più di loro?» (Matteo 6, 26).
Come il proprietario di quei cavalli, Dio non ci butta via solo perché non siamo perfetti o perché non siamo in grado di fare la Sua volontà o perché pecchiamo.
Lui ha cura di noi e ci manda le persone giuste per aiutarci quando siamo in difficoltà.
A volte siamo come cavalli ciechi guidati da Dio e da coloro che Lui mette nelle nostre vite. Altre volte invece siamo il cavallo che fa da guida, aiutando altri a vedere Dio.

(don Garby)

Buongiorno!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy