Ha la passione dell'imprevisto. È un Dio in agguato

«Ciò che si spreca per Gesù non è sottratto ai poveri. Al contrario, direi che proprio i poveri possono contare concretamente su ciò che viene offerto, in maniera esagerata, a Cristo.
I poveri e Gesù stanno nella stessa direzione. Un amore assoluto a Gesù si traduce necessariamente  in attenzione verso il prossimo, verso i poveri, ossia di nuovo verso Cristo stesso che si identifica con essi.
La contemplazione, la preghiera non possono che portare in direzione del prossimo. I bisognosi che “ci saranno sempre nel paese” (e altrove) hanno tutto da guadagnare dalla gratuità, dalla pazzia di coloro che accettano di perdere la propria vita, non dai calcoli giudiziosi di coloro che amministrano prudentemente l’esistenza propria e altrui.
Dai primi riceveranno sempre tutto, dagli altri, al più, le briciole.
L’impegno sociale non può che nascere da una teologia della gratuità. L’alternativa non è tra attaccamento a Cristo e impegno di solidarietà, tra contemplazione e lotta contro la miseria e l’ingiustizia, ma tra una vita donata, spesa e il semplice dare delle cose, fornire delle prestazioni.
Cristo esige il dono totale. Ma non è un accaparratore. Si affretta a restituire ai poveri degli individui diventati essi stessi “dono”, dei pazzi incapaci di calcoli. I veri amici dei bisognosi sono sempre stati uomini irragionevoli, disposti a tutti gli eccessi».

(Alessandro Pronzato, Le donne che hanno incontrato Gesù)

Buongiorno!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy