Ha la passione dell'imprevisto. È un Dio in agguato

[…] E quando cadrò ormai stanco vorrei ascoltare ancora una volta quella canzone che mia madre un tempo cantava:
Le foglie cadono, cadono
come se giardini lontani avvizzissero nei cieli.
E nelle notti cade, cade la terra pesante da tutte le stelle.
Noi tutti cadiamo. Questa mano cade.
Eppure c’è Uno che senza fine, dolcemente,
tiene questo cadere nelle sue mani. […]

(Brano tratto da un testo di Alessandro D’Avenia)

Di seguito, riepiloghiamo gli ultimi contributi pubblicati.



Buona settimana!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

My Agile Privacy
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy