Ha la passione dell'imprevisto. È un Dio in agguato

Ci sono due modi di pregare:
lasciar gridare il proprio cuore,
lasciarlo chiedere a Dio con semplicità di bambino ciò che esso desidera;
una qualche grazia per sé o per un altro,
il ristoro da un qualche dolore per sé o per il prossimo:
si lancia in tutta semplicità questo grido
verso il Padre celeste e lo si fa seguire sempre
da questa frase: “Non la mia volontà, ma la tua”.
L’altro modo di pregare è quello di dire semplicemente la frase finale, e cioè:
“Padre, sia fatta in questa circostanza la tua volontà,
qualunque essa sia!”.
Tali due preghiere sono perfette, divine.
Gesù ci dà l’esempio della prima
sulle sponde del Cedron e nel Getsemani.
Ci dà l’esempio della seconda nel “Padre nostro”,
che raccoglie tutto quanto in queste poche parole…
Questi due generi di preghiera sono ugualmente perfetti,
poiché Dio ci dà l’esempio di ambedue:
lo Spirito Santo, secondo le circostanze,
ha ispirato a Gesù sia l’una sia l’altra.

(Charles de Foucauld, Meditazioni sul santo Vangelo, 245)

Buongiorno!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy