Ha la passione dell'imprevisto. È un Dio in agguato

1200px Man on Wire

Senza il senno di poi, al primo dei due festeggiati di oggi non avremmo dato in partenza mezzo centesimo. Se avessimo accettato di fermarci alle apparenze non avremmo scommesso su di lui, giocandoci una bella fetta di fiducia. Senza il senno di poi, nemmeno il secondo festeggiato avrebbe avuto gioco facile nel guadagnarsi tutta la nostra stima: troppe ombre sul suo passato a minacciare la sua credibilità.
Un umile pescatore, in un posto quasi-sperduto del pianeta, eletto a guida d’uomini per una nuova religione che avrebbe cambiato il mondo? Impossibile, dai! Se poi il pescatore – di pesci e d’uomini – s’affretta a ritrattare la propria amicizia con colui che gli ha dato il ruolo di capo, per cercare di non passare dei guai, è un disastro combinato già ai blocchi di partenza.
Colui che fu così fervente sostenitore del proprio credo da perseguitare senza timori i propri simili, poi, non è che se la passi meglio, in quanto ad inizio puntellato da molteplici difetti.
Eppure…
Eppure è proprio l’abisso della fragilità umana, su cui Pietro e Paolo si stagliano, che con il senno di poi diventa il loro stupefacente trampolino di lancio.  Né l’uno né l’altro sarebbero stati pietre fondamentali del cristianesimo, senza quegli inciampi che hanno caratterizzato le loro vite, le loro scelte successive e la loro personalità.
In cosa consiste la grandezza per cui li ricordiamo e festeggiamo proprio oggi? Per aver saputo morire pur di non rinnegare la loro fede in Gesù? No, è quasi poca cosa, rispetto invece a ciò che fa di loro dei giganti: l’aver preso coscienza della propria piccolezza. L’aver saputo vedere dentro di sé la voragine delle proprie mancanze, messa al confronto con l’infinità dell’amore divino, senza cedere a quella disperazione che invita a mandare tutto all’aria e che ti sbarra ogni via d’uscita. Memori di una Misericordia che per prima aveva mosso i suoi passi verso le loro vite, hanno lasciato che essa riempisse ogni anfratto, ogni crepa della loro persona, per costruirci sopra qualcosa di nuovo ed inaudito.
In molte occasioni, troppe, veniamo sopraffatti da circostanze che assumono le sembianze di inflessibili segnali di Stop che sembrano condannare la nostra quotidianità. Ci ritroviamo, nostro malgrado, a dover affrontare strade che non avremmo mai pensato di percorrere, fino a trovarci, a volte, dinanzi ad un abisso superabile solo alla maniera dei funamboli. Incredibilmente piccoli e fragili, se teniamo puntato lo sguardo sotto ai nostri piedi – se cioè ci focalizziamo solo su quel che non abbiamo, sulle nostre mancanze – è quasi certo che falliremo.
Certo, a parole sembra tutto facile. Anche a strada già percorsa, a ostacolo già superato, sembra tutto semplice e di poco conto. Quando invece la vita ti sbatte addosso il cataclisma, è lì che si gioca tutta la differenza.
Nella festività dedicata ai santi Pietro e Paolo – invece – dinanzi a due vicende agli antipodi, tutto questo discorso sembra pura retorica stucchevole anche a me che scrivo queste parole. Da un lato le mani di un figlio che sorreggono quelle di un padre – Niccolò ed Alex Zanardi – la fiammella di una speranza che non ne vuole sapere di spegnersi. Dall’altro le mani di un padre che si sono protese per uccidere i propri figli e se stesso, mentre la speranza è stata abbattuta da un disegno egoisticamente folle ed omicida ed il dolore di una madre diventa strazio per cui non c’è consolazione.
Entrambe queste vicende, ma anche quelle che ognuno di noi deve affrontare ogni giorno, hanno però un denominatore comune: la fragilità – mentale, spirituale e fisica – che molte volte ci fa sentire come bolle di sapone in balia della tempesta perfetta.

Vicentina, classe 1979, piedi ben piantati per terra e testa sempre tra le nuvole. È una razionale sognatrice, una inguaribile ottimista ed una spietata realista. Filosofa per passione, biblista per spirito d’avventura, insegnante per vocazione e professione. Giunta alla fine del liceo classico gli studi universitari le si pongono davanti con un bel dilemma: scegliere filosofia o teologia? La valutazione è ardua, s’incammina lungo la via degli studi filosofici ma la passione per la teologia e la Sacra Scrittura continua ad ardere nel petto e non vuole sopirsi per niente al mondo. Così, fatto trenta, facciamo trentuno! e per il Magistero in Scienze Religiose sfida le nebbie padane delle lezioni serali: nulla pesa, quel sentiero le sembra il paese dei balocchi e la realizzazione di un sogno nel cassetto. Il traguardo, tuttavia, è ancora ben lontano dall’essere raggiunto, perché nel frattempo la città eterna ha levato il suo richiamo, simile a quello delle sirene di omerica memoria. Che fare, seguire l’esempio di Ulisse e navigare in sicurezza o mollare gli ormeggi e veleggiare verso un futuro incerto? L’invito del Maestro a prendere il largo è troppo forte e troppo bello per essere inascoltato, così fa fagotto e parte allo sbaraglio, una scommessa che poteva sembrare già persa in partenza. Nei primi mesi di permanenza nella capitale il Pontificio Istituto Biblico sembra occhieggiarla burbero, severo nei suoi ritmi di studio pazzo e disperatissimo. Ci sono stati scogli improvvisi, tempeste ciclopiche, tentazioni di cambiare rotta per ritornare alla sicurezza del suolo natio. Ma la bilancia della vita le ha riservato sull’altro piatto, quello più pesante, una strada costruita passo dopo passo ed un lavoro come insegnante di religione nella diocesi di Roma. L’approdo, più che un porto sicuro, le piace interpretarlo come un nuovo trampolino di lancio, perché ama pensare che è sempre tempo per imparare cose nuove.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy