Ha la passione dell'imprevisto. È un Dio in agguato
vento

Lenti e riluttanti nei passi. Con quel senso di smarrimento cucito addosso ch’è tipico di chi si sta imbattendo nella dipartita di uno che t’ha fatto battere il cuore per davvero (liturgia della VI^ domenica di Pasqua). Da domani saranno soli, orfani di una Presenza, poveri di uno sguardo che fino a poche ore addietro li aveva aiutati a navigare dentro le burrasche del quotidiano. Ogni tanto bisogna abbandonare gli uomini per poi amarli ancor di più. E aiutar loro a scoprire che quell’abbandono – che per loro era stato quasi un’assenza – in realtà era una forma di più ardita presenza: “Non vi lascerò orfani: verrò da voi. Ancora un poco e il mondo non mi vedrà più; voi invece mi vedrete, perché io vivo e voi vivrete”. Una quasi necessità per far sbocciare appieno il senso recondito della loro storia d’amore con Lui. Lui. L’Uomo Nazareno, il Ramingo e il Rabbì, il Maestro e l’Amico. I loro antenati – quell’antico Israele dell’Egitto – erano entrati nel deserto come un’orda di straccioni e di beduini: dopo quarant0anni di frequentazioni e d’amori ne uscirono con i vestiti del popolo dell’alleanza. La più invidiata, la più tormentata, la più narrata alleanza della storia tra il Cielo e la terra. A loro, invece, bastarono poco più che mille giorni per prendere la paura e tramutarla in ardire, per tradire e barca e tramare nuove traiettorie, per dire addio ai vecchi pesci di Genesaret e allenarsi sulle acque tumultuose dei cuoi di Palestina. Forti, irruenti, coraggiosi. Certi giorni persino fastidiosi nella loro appassionata ricerca della Verità: ma pur sempre in compagnia di Lui. Se succedeva qualcosa, se incappavano in qualcuno, se non capivano granchè, quando non riuscivano, nelle sere in cui il mare s’agitava, in fronte agli occhi degli avversari: pur sempre c’era Lui. Una garanzia, un’affidabilità, un senso di custodia e di protezione.

Ma lo Spirito Santo suscita sempre risposte nuove alle nuove esigenze! E così si sono moltiplicati nella Chiesa i cammini per fidanzati, i corsi di preparazione al Matrimonio, i gruppi di giovani coppie nelle parrocchie, i movimenti familiari… Sono una ricchezza immensa! Sono punti di riferimento per tutti: giovani in ricerca, coppie in crisi, genitori in difficoltà con i figli e viceversa. Ci aiutano tutti! E poi ci sono le diverse forme di accoglienza: l’affido, l’adozione, le case-famiglia di vari tipi… La fantasia – mi permetto la parola – la fantasia dello Spirito Santo è infinita, ma è anche molto concreta! Allora vorrei dirvi di non avere paura di fare passi definitivi: non avere paura di farli. Quante volte ho sentito mamme che mi dicono: “Ma, Padre, io ho un figlio di 30 anni e non si sposa: non so cosa fare! Ha una bella fidanzata, ma non si decide”. Ma, signora, non gli stiri più le camicie! E’ così! Non avere paura di fare passi definitivi, come quello del matrimonio: approfondite il vostro amore, rispettandone i tempi e le espressioni, pregate, preparatevi bene, ma poi abbiate fiducia che il Signore non vi lascia soli! Fatelo entrare nella vostra casa come uno di famiglia, Lui vi sosterrà sempre.
(Papa Francesco, Incontro con i giovani dell’Umbria, 4 ottobre 2013)

Ora, invece, rimarranno da soli: nel mondo, dentro la storia, nei vicoli feriali. Da soli per conto di Lui: in memoria di Lui: “In quel giorno voi saprete che io sono nel Padre mio e voi in me e io in voi”. Da soli, ma non più soli come li vorrebbe il mondo, perchè quella di quella solitudine avrà gelosa custodia lo Spirito di Lui: “io pregherò il Padre ed egli vi darà un altro Paraclito perché rimanga con voi per sempre, lo Spirito della verità”. Che il mondo non capirà, che il mondo ostacolerà, che il mondo irriderà come la più insensata tra le compagnie possibili. Lo chiama “Spirito”, ma è una grammatica di sinonimi e un alfabeto di sfumature: fantasia e creatività, immaginazione e intuito, percezione ed estro, ispirazione e capriccio: nel senso più pulito del termine. Dall’Egitto uscì un popolo vestito a festa, dopo l’effusione dello Spirito esce una Chiesa fasciata dalle bende dello Spirito, tremendamente decisa di giocarsi appieno la sua partita dentro il grande dramma della storia umana. Non ci sarà più paura nel cuore di Filippo e dei suoi compagni d’avventura che scavalcano i confini della Samaria, terra d’infedeli, di scismatici e di traditori. Quella donna di Samaria – conquistata splendidamente dall’Uomo di Nazareth attorno alle pietre di un pozzo in un afoso mezzogiorno tutto ebraico – è la speranza di un futuro ricco di seminagione per la parola del loro Maestro. Uomini che cancelleranno i confini, invaderanno le “proprietà private”, annunceranno la comunione dei sogni. Inarrestabili: “Avrete forza dallo Spirito Santo che scenderà su di voi e mi sarete testimoni a Gerusalemme, in tutta la Giudea e la Samaria fino agli estremi confini della terra” (At 1,8). Eccola la potenza dello Spirito Santo che la Scrittura Sacra paragona al vento. Perché il vento impedisce all’acqua di stagnare e imputridire. Il vento modella la montagna, la roccia, il marmo, i volti. Il vento che trasporta sulla sua brezza il polline collabora nel portare avanti la vita. Il vento scuote, butta all’aria le cose. Sul vento non puoi metterci mano: fino alla morte. Don Peppino Diana, parroco nel casertano, è stato ucciso dalla camorra perché aveva osato denunciare corruzioni ed illegalità nella sua terra. Chi lo ha ucciso gli ha sparato in sacrestia per ricordargli che una chiesa che non disturba non ha nulla da temere.
Con lo Spirito cucito al cuore: come promemoria e companatico di un viaggio da oggi in poi nei Vangeli che sarà simbolo e memoria di ogni altro viaggio. Per narrare all’uomo quella storia d’amore ch’è incrocio di Amore, Amato e Amante.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

My Agile Privacy
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy