5 1 1 1 1 1
0 1 1 1 1 1
Se ne sta acquartierata alle porte di Forlì con le sembianze discrete di una sentinella fedele. E una manciata di fede da serbare con divina gelosia e umana trepidazione. Una piccola chiesa e il suo campanile, il suo oratorio e il suo campetto. La sua gente, quella statale che corre impazzita e il vecchio curato. In una Romagna colorata nell'immaginario di rosso: che non è solo il colore della Divina Passione. Ma anche di umane passioni.
Parrocchia di periferia, gente di periferia, aria di periferia.
Anche nella Scrittura - Vento Prestante sulla frivolezza delle chiacchiere umane - Dio dà lo sparo d'inizio sempre dalla periferia. Maria è "donna di periferia". Grembo di periferia. Orgoglio della periferia. Maria e tutto quello stuolo silenzioso di donne anonime, di profeti sconosciuti, di poeti convertiti che parlano la lingua di tutti i giorni e non solo quella del sabato, il linguaggio dei bambini e non solo dei rabbini, la lingua di casa e non solo quella di chiesa. Il dialetto del cuore.
C'erano i dromedari di Madian come promessa d'invasione per la bella Gerusalemme, ma c'è pure tutto uno stuolo nascosto che nella Storia Sacra sta giocando. Giocando, da giocare. Il verbo dei bambini, del passatempo, dei pomeriggi appena tornati da scuola. Sotto i lampioni, sulla riva di un ruscello, nell'aria aperta. "E' così confortante pensare che Dio ti sfiora non solo nelle chiese o nelle sinagoghe, ma nella vita comune, ti sfiora nei giorni di festa come nelle notti di burrasca" (E. Ronchi).
Anche a Dio piace giocare.
margheritaecastello.jpg
Nel catechismo cacciato dalle chiese, forestiero tra i banchi e minacciato di morte dai pulpiti - quello che tanto piaceva al Camillo prete del Giovannino Guareschi - si racconta che il Signore Dio, dopo aver creato la terra, le piante e gli animali, progettò l'uomo e la donna perché sognava di trovare qualcuno che stesse davanti a Lui, capace come Lui di amare. Un giorno disse agli uomini: "La mia gioia sta nel giocare sulla terra con i figli dell'uomo. Volete giocare con me?" Gli uomini risposero in coro: "Si, ma a cosa giochiamo?" "A nascondino" propose Dio. "Che bello!" esclamarono gli uomini. E cominciarono il gioco. A Dio più che cercare piaceva farsi cercare: anche perché quando Lui "stava sotto" riusciva a scoprire e a chiamare tutti per nome in un battibaleno. Così andò a nascondersi e lasciò agli uomini e alle donne l'incarico di cercarlo.
Aspetta, aspetta... non arrivava nessuno.
Dopo parecchio tempo s'accorse che gli uomini si erano dimenticati di Lui ed erano occupati in altre attività. Dio ci rimase male: nessuno andava a trovarlo. Egli era davvero il grande emarginato: voleva farsi trovare, anche perché aveva dei doni da regalare ad ognuno, ma nessuno sembrava interessato di lui. Poiché Dio è fedele, andò lui a cercare gli uomini. Li trovò indaffarati in mille occupazioni (nessuno aveva più tempo), attorniati da una vera e propria montagna di oggetti inutili, nascosti dietro alla moda del momento, pieni di cattiveria dietro i loro simili. Di più! Alcuni si nascosero alla sua vista, pieni di paura, molti si vergognavano di averlo conosciuto.
Altri, addirittura, non sapevano nemmeno della sua esistenza.
Ma Dio non si diede per vinto. Ostinatamente cercò qualcuno che facesse amicizia con Lui. Chiese, cercò, bussò: perché alla fine sapeva di trovare.
Di trovare dove l'uomo aveva già deciso di sbarrare le saracinesche.

Successe anche a Tarso. Capitale della provincia romana della Cilicia Pedia. 10 miglia nell'entroterra, sul fiume Cidno, una storia vecchia di 4000 anni da vantare come credenziale. Cereali, uva e tanto lino. Oltre che il feltro prodotto con la lana delle capre nere. Quella sera la luna iniziava ad arrampicarsi sui tetti, ma una locanda - ormai deserta - rimaneva aperta e trepidante, una mensa frugale stava improvvisata, un parlare sommesso riempiva quel silenzio. Quattro spighe di grano, due fiori di ginestra, un canestro di pane e un persecutore. Fuori un profumo di zagara saliva dagli aranceti e la brezza marina inebriava l'anima di profumi d'Oriente.
Il Giocatore e il giocato. L'Eterno e l'umano. L'Amore e la persecuzione. La Misericordia e l'odio. Più semplicemente: Saulo e Gesù di Nazareth. Impossibile rimanere latitanti quando s'è braccati da Dio. Come sarà impossibile uscire indenni dal combattimento con Lui. Se tu non giochi, gioca Lui. Se non lo cerchi, ti cerca Lui. Corre fino a Tarso, fino alla tua Tarso. Fin dentro casa tua: "è bello pensare che Dio ti sfiora non solo nelle liturgie solenni delle cattedrali, nelle sinagoghe o nelle cappelle, nelle giornate mondiali o nei giorni di ritiro, ma anche - e soprattutto - nella vita comune, nel quotidiano".
I papiri antichi raccontano di una lotta agghiacciante, di una partita giocata fin oltre i supplementari. Tramandano l'eco di urla, coltelli e silenzi. Parole da Lassù, parole da quaggiù. Parole che scavano, che strapazzano, che tagliano. Che urtano, spingono e rattrappiscono. Che infiammano, tolgono il sonno, schiacciano. Certo che a Tarso s'è combattuto uno dei match più imprevedibili nella storia del "nascondino di Dio". Ancor oggi sul monitor di quel videogame il livello più avanzato si chiama "livello Tarso". Cioè: confine con l'insospettato.

Un giorno, tra le viuzze di sullastradadiemmaus.it, ho stretto una mano. Mano rugosa, volto scavato, tante primavere e altrettanti inverni sulle spalle. Teneva l'identità di un vecchio servitore di Dio. Ci sediamo al tavolo e mi racconta della sua chiesa in sobborgo, della sua gente, della faticosa bellezza d'essere prete a settant'anni. Il tempo scorreva veloce. E più fluivano i minuti più il suo volto trascolorava. Avevo davanti agli occhi un vecchio prete di periferia: don Libero Gardelli. La stessa bella vecchiaia di Giovanni, il custode col cappello della nostra parrocchia. Io stavo giocando: con la Scrittura che mi afferrava per il collo, cercavo tracce di falliti là dentro per sentirmi meno solo nella vita. Nella scelta. Nella corsa.
Un certo Saulo mi stava insegnando una tecnica per far fuori facilmente Dio dalla partita. M'appassionava, m'intrigava, mi prendeva. Vidi confusamente sul suo zainetto un graffito stampato di suo pugno: "Ho combattuto la buona battaglia, ho terminato la mia corsa, ho conservato la fede. Ora mi resta solo la corona di giustizia che il Signore, giusto giudice, mi consegnerà in quel giorno" (2Cor 4,7-8). Involontario appassionato, entra in gioco don Libero.
Due dadi, una piantina, un indirizzo.
"Giochiamo assieme" - urla con la sua voce da nonno.
"Non ci stiamo, padre" - ribattiamo in coro io e Saulo.
"Andiamo a Forlì: in oratorio c'è posto per tutti" - calò puntuale il vecchio servitore di Dio. E lanciò i dadi.

Nasce così - dall'intreccio tra una mano giovane, una mano vecchia e una Mano Eterna - "Conversazioni notturne con Paolo di Tarso", un percorso alla scoperta della "partita a nascondino" giocata millenni fa tra un Uomo sceso dalla periferia della Galilea e uno spietato torturatore uscito dalla periferica Tarso.
Una storia di periferia! Bellissima: come sono belle tutte le storie che nascono nelle periferie. Come sono belli gli amori fuggitivi rubati agli occhi di una zingara. E' lo "splendore del dimesso" che tanto piaceva all'Heidegger filosofo. E al Von Balthassar teologo. E pure al Creatore Divino.
Partiremo dalla periferia: l'ouverture sarà la storia di una donna beccata nella periferia, stregata laddove l'uomo condanna, colorata negli atelier che resero bella Giuditta, Ester, Raab, Rut ed Elisabetta. Claudia Koll lancerà i dadi e inizierà la partita.
L'appuntamento è ogni secondo venerdì del mese nella parrocchia di Villanova, periferia di Forlì [*]. Custodita dal don Libero parroco. Ci troveremo: pregheremo, ci lasceremo strangolare dalla Parola Eterna, inginocchiare dalla bellezza trasfigurata dell'Uomo della Croce, accendere dall'incredibile storia di Saulo. Divenuto Paolo per uno strano e riconosciuto scherzo dell'Uomo di Nazareth: quello di cambiare i nomi. Poi, a chiesa chiusa, ci ritroveremo nella piazza di Internet, all'indirizzo sullastradadiemmaus.it e condivideremo la nostra fede. Posteremo commenti. Lanceremo dubbi. Accenderemo ribellioni. Costruiremo un laboratorio. Perché "per me - diceva Norberto Bobbio - la differenza non è tra il credente e il non credente, ma tra chi prende sul serio questi problemi e chi non li prende sul serio".
Strada facendo, ci verranno a trovare amici beccati pure loro sulla via di Damasco. In pieno eccesso di velocità. Gente stracciona, beduini incalliti ri-abbelliti da Dio per colorare l'umanità. Che invece d'essere multati son stati trasformati. Fin nei pensieri: "Non conformatevi alla mentalità di questo secolo, ma trasformatevi rinnovando la vostra mente, per poter discernere la volontà di Dio" (Rm 12,2).
chiostro.jpg
Quel giorno suonò il campanello in oratorio. E al gioco si pose fine: mi piacerebbe anticipartela quella fine. Ma Paolo non me lo perdonerebbe: perché la Scrittura va gustata metro dopo metro, silenzio dopo silenzio, caduta dopo caduta. E' come un nocciolo d'oliva, ci ricorda il muratore Erri de Luca. Un nocciolo d'oliva da rigirare in bocca. Leggere le Scritture è questo: inaugurare il tuo risveglio con un pugno di versi, così che il giorno pigli un filo d'inizio. Al mattino, a testa vuota, accogli quelle parole sacre. Capirle non è afferrarle, ma essere raggiunto da loro, lasciarti agitare da loro. Così diventerai ospite a casa delle parole della Scrittura Sacra. Nel giorno puoi sbandare dietro alle minuzie del da farsi, ma hai trattenuto per te una caparra di parole dure, un nocciolo d'oliva da rigirare in bocca.
Entra che giochiamo. Più siamo più s'incasina la partita. Più Dio si diverte.
Io t'aspetto. Egli t'aspetta. Noi t'aspettiamo.
Non è la declinazione del verbo aspettare. E' un invito innamorato!
Ti prenderanno in giro?
"L'uomo è irragionevole, illogico, egocentrico.
Non importa, amalo.
Se fai il bene, ti attribuiranno secondi fini egoistici:
non importa, fa' il bene.
Se realizzi i tuoi obiettivi, troverai falsi amici e veri nemici:
non importa, realizzali.
Il bene che fai verrà domani dimenticato:
non importa, fa' il bene.
L'onestà e la sincerità ti rendono vulnerabile:
non importa, sii franco e onesto.
Quello che per anni hai costruito può essere distrutto in un attimo:
non importa, costruisci.
Se aiuti la gente, se ne risentirà:
non importa, aiutala.
Da' al mondo il meglio di te, e ti prenderanno a calci:
non importa, da' il meglio di te"
(Madre Teresa di Calcutta)


[*] Parrocchia di Villanova - Forlì
Viale Bologna n. 332
Tel. 0543.754174
Sito Internet: http://www.parrocchiavillanova.net/
Per vedere i pulsanti di condivisione per i social (Facebook, Twitter ecc.), accetta i c o o k i e di "terze parti" relativi a mappe, video e plugin social (se prima di accettare vuoi saperne di più sui c o o k i e di questo sito, leggi l'informativa estesa).
Accetta c o o k i e di "terze parti"
0 1 1 1 1 1
E tutto perché c'è un tesoro da trovare! Nell'angolo del legnoso tavolo di cucina la Bibbia, Parola Estrema per l'uomo di ogni tempo. Dirimpetto a Lei il giornale, risposta attuale a Parola Eterna. Parola e parola, tempo ed Eterno, spazio e Infinito. Gioco tra innamorati pensierosi e spensierati. La mia è una piccola cella, un tempo forse grembo di monaci devoti. Di astute scalate celesti. Di digiuni, preghiere e tentazioni. Appena dietro l'inferriata soggiorna il silenzio maestoso del cielo del Nord. Della scogliera nel mare di Durkness. Del volo di gabbiani che intessono traiettorie. Di pescatori assonnati nell'anticipare il tramonto. Silenzio, ricerca, meditazione. Stupore, passione, inventiva.
karlmontagna4.jpg
L'Ansa batte una notizia. Secca, decisa, tagliente. La montagna maledetta ha presentato il conto. Guardo, cerco, indago. Leggo, studio, m'informo. Nanga Parbat, profondo Pakistan. 8125 metri di spazi silenziosi, inediti, vergini. Lui risponde al nome di Karl Unterkircher, l'erede del Messner, il Re degli Ottomila. Scalatore altoatesino, marito di Silke, papà di Alex, Miriam e Marco. L'avventura nel sangue, il sogno nel cuore, la volontà nei muscoli. E tutto perché c'è un tesoro da trovare! Quello sperone di roccia non lo lascia tranquillo, gli ha acceso l'anima, lo intra-vede di notte. Lo studia di giorno. Lo analizza al tramonto. Ogni sfida ha una sua preistoria. La montagna è la sua passione tanto che "rinunciare alla montagna, sarebbe stato soffrire maggiormente e morire più lentamente". Viaggia in cordata con Walter Nones e Simon Kehrer, discepoli - apostoli di una guida dal carisma riconosciuto. A Islamabad, terra giornalisticamente di guerra, planano l'11 giugno 2008. il 13 luglio 2008 Karl affigge l'ultimo comunicato sul suo sito: "Sono straiato nella mia tenda e provo a continuare a leggere. Ma non riesco a concentrarmi, la mia mente è fissata su quella parete. La parete Rakhiot, su quel stramaledetto seracco in mezzo alla parete. In quella fascia di ghiaccio, che ci ostruisce la via di salita".
Nella tenda con un sogno fisso. E tutto perché c'è un tesoro da trovare!
Nel mezzo giorni di addestramento e d'allenamento, di acclimatamento e studio, di vedute e scambio di pareri. La montagna chiede tempi esigenti di seduzione. Vivono nell'estremo. Sono accesi dall'estremo. Dell'estremo hanno fatto una legge di vita. Ma l'estremo non è mai improvvisazione: spiacenti per gli uomini dell'osteria. L'estremo è ricerca, studio e proiezioni. Calcoli, probabilità e tentativi. E' un limite da superare, una meta da conquistare, una barriera da infrangere. E' ragionevolezza, studio, calcolo, programmazione, pianificazione. Applicazione massima. E' scoprire qualcosa per il quale valga la pena di spendere l'esistenza, il quotidiano allenamento, l'appassionante sfida della vita. La vita stessa poggia su estremi da pedinare: nel cuore, nella mente, nel fisico, nella natura. Magari non ci riesci: rimane il tentativo d'averci provato. Il 16 luglio la montagna, compagna fedele e tremenda, lo ingoia nello spaccarsi di un suo ghiacciaio. Raccolto la sfida, emesso il verdetto. Atroce: strategie celesti!
E tutto perché c'è un tesoro da trovare! Una perla da proteggere.
Dall'altra parte del tavolo, nell'angolo illuminato a festa da una vecchia lanterna, sta poggiata la Scrittura della domenica. Storia di un campo, di un tesoro intravisto, di una mossa finanziaria da pazzia. Visione di una perla: stupore, innamoramento e vendita totale di tutto. Per quella perla. Per quel campo. Per il Regno di Dio. Raccontata da Matteo. Cioè: sinonimo di garanzia. Perché è quasi autobiografia.
Ho sovrapposto giornale e Scrittura, come raccomandava il Barth teologo tedesco. Ne è uscito il commento della domenica firmato da Karl Unterkircher.
karlmontagna.jpg
In quel tempo, Gesù disse alla folla: "Il Regno dei cieli è simile ad un tesoro nascosto in un campo; un uomo lo trova e lo nasconde di nuovo, poi va, pieno di gioia, vende tutti i suoi averi e compra quel campo" (Mt 13,44)

(dal sito www.karlunterkircher.com) "Questo momento non lo scorderò mai più nella mia vita. Il sole ha già lasciato il punto più alto dell'orizzonte; l'affilata cresta che porta in vetta, fa ombra verso nord e i cristalli di neve riflettono come impazziti in tutte le direzioni creando un atmosfera fantastica. Non mi sembra vero, davanti a me non c´è nessuno e sono passati tre anni che nessuno a toccato la vetta. Continuo il mio cammino ed i miei pensieri per la seconda volta in due mesi sono al settimo cielo, ora non mi ferma più niente e nessuno, il rumore dei miei passi in questa silenziosa solitudine mi fa venire i brividi. Mi concentro per respirare in modo corretto; la mia gioia è indescrivibile. Inizio a riconoscere i contorni al di là della cima e vado in cerca del punto piú alto con prudenza.
(...)
Poco sotto la cima, devo ancora superare un "salto di roccia", sono veramente stanchissimo, ma so che fra poco ce l'ho fatta. 5 persone stanno già scendendo. Non le riconosco, indossano la maschera per l'ossigeno. Sembrano dei piloti di aerei militari. Due di loro sono di colore; presumo degli Sherpa. Mi guardano come se non avessero mai visto una persona, probabilmente non ho l'ossigeno. Continuo con la mia ascesa passo dopo passo, come se andassi a rallentatore ed in fine supero questo ostacolo e all'improvviso, eccola là.... E' lei, la cima più alta del mondo. Non ci posso credere e mi appoggio ai bastoncini per riposare. Sono a 8830m. Ancora 80 metri mi dividono dal grande evento. Riesco a riconoscere alcune persone in cima. Passo dopo passo con un ritmo da lumaca rimango concentrato non voglio ancora scoppiare in euforia, conto i respiri, sono dieci e porto ancora avanti il piede.
Eccomi ci sono. Finalmente ce l´ho fatta, dopo dieci ore ci siamo riusciti!"
"Poi va, pieno di gioia, vende tutti i suoi averi e compra quel campo".

Il Regno dei cieli è simile ad un mercante che va in cerca di perle preziose. Trovata una perla di grande valore, va, vende tutti i suoi averi e la compra (Mt 13,45)
(dal sito www.karlunterkircher.com) "La sera mi appresto ad andare a dormire nel mio sacco a pelo, posto sopra un materassino coperto da un tappeto che ho comperato ad Islamabad. Riesco subito ad addormentarmi e a sognare. Dopo un po' mi sveglio, sento che il vento si alza e fissando la mia lampada frontale torno alla realtà! Siamo qui per una "missione": quella parete, quel seracco a metà parete non mi esce dalla testa. Ci vorranno sicuramente 10 - 12 ore per salire il seracco, mi chiedo se saranno ore inutili, ore che ci impediranno la salita? Cerco di riaddormentarmi, ma la mia mente è confusa da tante domande. La probabilità che il seracco piombi giù in quelle ore, è minima. Di certo non è una roulette russa. Però, mai dire mai! Siamo nati e un giorno moriremo. In mezzo c'è la vita. Io la chiamo il mistero, del quale nessuno di noi ha la chiave. Siamo nelle mani di Dio e se ci chiama dobbiamo andare. Sono cosciente che l'opinione pubblica non è del mio parere, poiché se veramente non dovessimo più ritornare, sarebbero in tanti a dire: "Cosa sono andati a cercare là?  Ma chi glielo ha fatto fare? " Una sola cosa è certa, chi non vive la montagna, non lo saprà mai! La montagna chiama!"
karlmontagna3.jpg
Karl. Stesso spirito di tutti i viandanti, veri cercatori. Stesso spirito di Pietro, pescatore-scalatore dell'Estremo. Si chiamava ancora Simone quando sentì un urlo estremo sopraggiungere dal fratello: "Abbiamo trovato il Messia. Vieni a conoscerlo" (Gv 1,35 - 44) Lui ci va'. Perché non è uno - come tanti, come troppi, forse come noi - che si accontenta di quello che ha: la barca, il lavoro, la famiglia, gli amici. Non gli basta la mappa del tesoro: vuole il tesoro pieno. La perla nella sua bellezza. Vuole di più! Sempre e solo di più. Gesù, dopo averlo fissato con i suoi occhi pungenti, lo sorprende, lo anticipa, lo spiazza: "Simone, tu ti chiamerai Pietro". Pietro, da pietra, da roccia: qualcosa di solido, di robusto, di stabile. Simone dev'essersi fatto una risata amara. Si conosceva. Sapeva di avere tante qualità, ma non quella di essere roccia. Gli amici, la moglie, la suocera gliel'avevano cantato in tutte le salse: "Ti entusiasmi subito, ma ti sgonfi in un lampo". Adesso questo Gesù, che lo vede per la prima volta, gli dice: "Ti chiamerai Pietro". Non si scherza nelle pareti del cielo. Tenta l'avventura, vendi il campo, scommetti su quella perla. La Guida non svergogna mai nessuno. E lui, PietroSimone per ripagare non si fermerà. Nonostante le bastonate, la prigionia, la persecuzione. Ormai è una roccia. Gesù, puntando sui suoi pregi e non sui difetti l'ha trasformato!
La razza umana è forte quanto più è varia e quanto più si mette alla prova. Lo ammise senza messi termini Patrick de Gayardon, l'Icaro francese che danzava planando nell'aria:  "L'estremo è ricerca. Del limite da superare, della meta più lontana che un uomo  può proporsi di raggiungere. E, una volta che l'ha raggiunta, l'estremo diventa un ulteriore limite, una meta ancor più lontana"
Sembra proprio che pure nel Vangelo ci sia un Uomo, sceso dall'Estremo Cielo per incontrare l'estremità della terra, che ai venditori di mappe preferisca follemente i cercatori incalliti dell'Estremo. Fino a rischiare la vita per Amore di un sogno.

Buon viaggio Karl.
Tra rocce, perle e tesori da rintracciare!
karlmontagna2.jpg

"Non so dove i gabbiani abbiano il nido,
ove trovino pace.
Io son come loro,
in perpetuo volo.
La vita la sfioro,
com'essi l'acqua ad acciuffare il cibo.
E come forse anch'essi amo la quiete,
la gran quiete marina,
ma il mio destino è vivere
balenando in burrasca".

(V. Cardarelli, Gabbiani)
Per vedere i pulsanti di condivisione per i social (Facebook, Twitter ecc.), accetta i c o o k i e di "terze parti" relativi a mappe, video e plugin social (se prima di accettare vuoi saperne di più sui c o o k i e di questo sito, leggi l'informativa estesa).
Accetta c o o k i e di "terze parti"
0 1 1 1 1 1
Grano contro zizzania. "La speranza nasce dal fondo dell'abisso. Se io sono disperato, condannato, specialmente se sono ergastolano e so che la mia data di liberazione è il "mai", ecco che può venire fuori tutta la bellezza e la potenza dell'uomo. In quel momento sei senza futuro, eppure senti che un futuro in qualche modo te lo devi inventare. E' un controsenso, si intende. Però basta che dal fondo intuisca uno spiraglio, perché ce la possa fare. Anche se sarà doloroso arrivare fino in cima. Ma so che la luce esiste. So che si può. In carcere ci si addormenta con mille interrogativi, qualche giorno ci si può anche svegliare con una risposta". (Alfredo Bonazzi, 7000 giorni di galera per l'omicidio di Viale Zara, Milano 3 aprile 1960). Zizzania trasformatasi in grano.

Ma grano e zizzania, da che mondo e mondo, non possono convivere. Si procurano molestia a vicenda. La zizzania fa del male al grano, la dorata bellezza del grano infastidisce la zizzania. O il grano o la zizzania: è così semplice la questione nelle prospettive terrestri. Problematica è quando la si legge da Lassù. Dove tutto sembra viaggiare al rovescio. "Lasciate che l'una e l'altro crescano insieme fino alla mietitura e al momento della mietitura dirò ai mietitori: Cogliete prima la zizzania e legatela in fastelli per bruciarla; il grano, invece, riponetelo nel mio granaio" (Mt 13,24-43). Strategie calate dal cielo per una botanica stranissima. Come quella pesca compiuta gettando le reti in alto mare irritate da un sole a picco. O come la morte perpetrata fuori dalle mura della città, al pari del delinquente. Del ladrone. Del malfattore.
Discutibile la pedagogia ri-educativa del Signore della Vita.
grano.jpg
Basta, Signore: sarebbe ora di un castigo esemplare. Di una morte anticipata. Di una pena proporzionata al delitto compiuto. Di un macigno sulla sua testa. Di un viaggio anticipato e senza ritorno nell'Aldilà. Di una sofferenza pari alla sofferenza provocata. Perché la responsabilità è grave, pesante, inequivocabile, lacerante, disumana, indigeribile, stancante, gravosa e sfibrante. Perché ha violentato e soffocato, offeso e massacrato, molestato e deriso. Zizzania da estirpare al più presto: c'è il buon grano da salvaguardare.
E Lui tace! Imbavagliato in quel silenzio incallito chiamato misericordia. Strano trattamento per la zizzania: ancora una possibilità, un'occasione di riscatto, un tentativo di ri-educazione, un'occasione di rinascita, una chance d'attesa umanità. Un Dio imbrogliatosi volutamente nell'amore per l'uomo da non convincersi mai che per l'uomo sia tutto finito. Come davanti a quell'evangelico fico quando tutti ne invocavano la condanna a morte: "da tre anni vengo cercando frutti e non ne trovo. Taglialo!" Ma quel contadino è strano, rinvia la condanna a morte: "lascialo ancora quest'anno, finchè gli zappi intorno e gli metta il concime". Lascialo! Cioè usa misericordia. "Quest'anno" è la durata della nostra storia, che dura sempre ancora un anno per l'intercessione del Figlio. Siamo tutti dei precari ai quali ogni anno viene rinnovato il contratto. Fosse per gli altri, noi - fichi improduttivi che si cibano di zizzania - saremmo già legna da ardere. I nostri simili chiederebbero l'estirpazione. Tutti, tranne Uno che dice: "Lasciateli crescere insieme". Cioè ti lascia vivo, ti lascia te stesso, ti da fiducia perché vedi in te delle spighe che tu non sai più dove siano. Ti lasci vivo perché è paziente, perché ogni anno la sua voce risuona per scusarti di fronte al padrone della vigna. Ancora un anno! Poi? Forse lascerà che il padrone ti tagli. O forse ripeterà lo stesso discorso l'anno prossimo, poi il prossimo anno ancora, come uno smemorato vignaiolo che fa finta d'invecchiare.
Anche tu, in mia compagnia, sei come la zizzania del vangelo. O come il fico: vivi solo perché il padrone è paziente, perchè continua a zappare e a lasciar crescere, perchè non si stanca di concimare sognando sempre il domani. Precario io, precario tu. Precari ma immeritatamente-raccomandati perché il Padrone ci regala ancora un anno di tempo per vivere. E convertirci. Un mese. Un giorno. Un'ora. Un secondo. Un millisecondo. Fregatene! E' sempre tempo in più: non scontato, non meritato. Non atteso! C'è chi pensa: ormai è tardi, la situazione è irrimediabile, la pazienza di Dio è esaurita. E c'è chi pensa: Dio è paziente, c'è sempre tempo. La parabola ci suggerisce un altro atteggiamento, piuttosto: il cambiamento, la conversione è ancora possibile, ma non si può programmare né approfittare della pazienza di Dio. Sarà importante convertirsi? Vedi tu: ti lascia ancora un anno per far cosa?
E Il Paolo predicatore, nella seconda lettura, sbriciola la nostra capacità di preghiera, ci fa annusare la polvere nel lastrico, ci dice chi siamo. Che cosa facciamo. Di cosa siamo artisti: "lo Spirito viene in aiuto alla nostra debolezza, perché nemmeno sappiamo cosa sia conveniente domandare" (Rm 8,26-27). Nemmeno sappiamo cosa sia conveniente domandare. Bastassero le devozioni. O certe preghiere puntigliose, precise, minuziose, ricercate, sottili, interessate. Erronee. Bastasse questo: della zizzania nemmeno l'ombra.
Ma cos'è allora la preghiera?
Leggi questa storia che Alessia ha fatto recapitare in parrocchia giovedì sera.

Mi inginocchiai ma non a lungo. Avevo troppo da fare, e dovevo fare in fretta: andare a lavoro, passare prima a pagare le bollette. Così mi inginocchiai e dissi una preghiera veloce e, altrettanto velocemente, mi rialzai. E dentro di me mi sentivo apposto, avevo - a modo mio - adempiuto al mio dovere di Cristiana. La mia anima poteva stare in pace. Durante la mia giornata (e durante tutte le giornate della mia vita) non avevo tempo da dedicare a persone bisognose, non avevo tempo per pregare, non avevo tempo per parlare di Cristo agli amici. E anche se ce lo avessi avuto non lo avrei fatto, perchè temevo che si prendessero gioco di me.
Un giorno non avevo tempo, l'altro mi vergognavo. Fino a che, alla fine, venne il tempo anche per me: il tempo di morire. Andai davanti al Signore, e nelle sue mani vidi un libro: era il libro della vita. Gesù guardò il suo libro e disse: Non trovo il tuo nome. Una volta fui tentato di scriverlo. Ma non trovai mai il tempo per farlo. E anche se lo avessi trovato, mi vergognavo perchè temevo ciò che avrebbe pensato il Padre Mio.
preghiera.jpg
Parole di apostoli-uomini: "Vuoi dunque che andiamo a raccogliere la zizzania". No! Giù le mani dalla zizzania. C'è un esercito di angeli già allertato per la mietitura finale. Tu semina il bene: con pazienza, con lungimiranza, con fiducia. Deciso, ma senza fretta. E lascia che cali pure la tempesta.
Ma la zizzania cresce solo nell'erba del vicino?
Per vedere i pulsanti di condivisione per i social (Facebook, Twitter ecc.), accetta i c o o k i e di "terze parti" relativi a mappe, video e plugin social (se prima di accettare vuoi saperne di più sui c o o k i e di questo sito, leggi l'informativa estesa).
Accetta c o o k i e di "terze parti"