5 1 1 1 1 1
5 1 1 1 1 1

PietroGesù

Nessuna tigre perde il sonno per l'opinione di una pecora: «Alcuni dicono Giovanni Battista, altri Elìa, altri Geremia o qualcuno dei profeti» rispondono gli amici al Maestro che domanda loro che cosa pensi la gente di Lui. Sa bene che nulla è così deprimente come le chiacchiere, il travaso di un vuoto in un vuoto ancora più grande. Anche ai suoi tempi, ch'erano pur sempre tempi abitati da Lui, alcuni erano già cintura nera di bla-bla-bla. Già allora si credeva per sentito dire: “Mi dicono, sento dire dappertutto, l'hanno detto alla televisione, sono tutti concordi”. «Spesso nel giudicare una cosa – scriveva Seneca - ci lasciamo trascinare più dall'opinione che non dalla vera sostanza della cosa stessa». Nel giudicare una persona, poi, ci viene facile lasciarci trascinare dai pettegolezzi su lei anziché accettare d'incontrare la sua vera presenza. Ecco perchè se metti in una stanza dieci persone fans della democrazia, avrai venti opinioni diverse.
Mica è un ingenuo il Cristo. Sa bene come aveva creato l'uomo: era di una bellezza impareggiabile. Conosce bene anche com'è diventato dopo l'invasione del Demonio: se prima parlava di Dio, adesso ama parlare degli altri, oppure di se stesso. Quando parla degli altri si mostra chiacchierone, quando parla di sé è noioso all'inverosimile. Per vederlo splendere è necessario insegnargli a parlare di te: «Ma voi – eccolo il geniaccio di Nazareth – chi dite che io sia?» Bando al cicaleccio, gente: “Lascia perdere gli altri - pare sentirlo dire -, voglio sapere da te: chi sono io per te. Che mi hai conosciuto, mi vivi appresso, ci frequentiamo ormai da un po'?” Non sia mai che anche gli apostoli s'imbroglino i pensieri con le opinioni. “Soffre di mancanza di autostima, misericordia di Lui” balbetta Satan l'indemoniato. Più che mancanza d'autostima è esercizio all'onestà intellettuale: rifiutare Cristo per sentito dire, anche fondar l'amore per Lui sulle esplicazioni di città, è la versione evangelica della prostituzione intellettuale. Non basta l'avere sentito parlare di Lui per dire di conoscerlo; non basta nemmeno essergli stati accanto qualche ora-giorno-stagione per dire d'essersi decisi per Lui. Non basta manco averlo lasciato dire, sentendo chi vorrebbe essere per me. Accumulare vicinanza, intimità, emozioni non porta all'innamoramento. E' necessario abitare la vertigine burrascosa di una domanda: “Chi sono io per te? Quanto vale la mia presenza? Sono davvero l'Amore che ti fa battere il cuore?” Gesù di Nazareth è la più bella poesia che Dio abbia mai composto: nessun'ode, nel tempo, ha mai superato la spinta di quel Mistero scoppiato in diretta nel silenzio di Betlemme. Come le poesie, dunque, non va spiegato: è fondamentale imbattersi nella sua vera-presenza. Esporsi, avventurandosi, all'ombra del suo bagliore: “Cosa senti, cosa ridesta in te lo starmi così appresso? È amore ciò che dici di provare per me, oppure è solo un vago interesse di compagnia?” E' facile far confusione.
Pietro, capociurma degli avventurieri che l'han seguito, non teme d'esporsi all'imprevedibile bellezza di Gesù: «Tu sei il Cristo, il Figlio del Dio vivente». È la più alta professione di fede che un uomo d'acqua abbia mai rivolto al mare in tempesta: “Prima di tutto sei Dio, non sei uno qualsiasi. Son fragile di cuore, ma non lo affiderei al primo viandante – pare ribattergli col piglio dell'arrogante che s'inginocchia – Poi sei la vera ragione della mia vita: non ti rendi conto di come hai acceso la vita dentro me?” Si accendono i flash, il Vangelo sta accadendo in diretta: avvezzo alle chiamate-senza-risposta, Cristo si impressiona quando un cuore alza la cornetta. E decide d'andare a fondo: «Beato sei tu perchè né la carne né il sangue te l'hanno rivelato». Beato perchè crede non per sentito dire, perchè non prega preghiere già pregate: beato perchè ragiona con la sua testa, pensa pensieri nuovi, ardimentosi, spavaldi. «Tu sei Pietro» e, te lo giuro, su te ci gioco la mia faccia. “Chissà cosa diranno, Rabbì: pensaci bene!” Ci ha pensato, eccome: “Nessuna tigre, Pietro, perderà il sonno per l'opinione di una pecora”.

(da Il Sussidiario, 22 agosto 2020)

In quel tempo, Gesù, giunto nella regione di Cesarèa di Filippo, domandò ai suoi discepoli: «La gente, chi dice che sia il Figlio dell’uomo?». Risposero: «Alcuni dicono Giovanni il Battista, altri Elìa, altri Geremìa o qualcuno dei profeti».
Disse loro: «Ma voi, chi dite che io sia?». Rispose Simon Pietro: «Tu sei il Cristo, il Figlio del Dio vivente».
E Gesù gli disse: «Beato sei tu, Simone, figlio di Giona, perché né carne né sangue te lo hanno rivelato, ma il Padre mio che è nei cieli. E io a te dico: tu sei Pietro e su questa pietra edificherò la mia Chiesa e le potenze degli inferi non prevarranno su di essa. A te darò le chiavi del regno dei cieli: tutto ciò che legherai sulla terra sarà legato nei cieli, e tutto ciò che scioglierai sulla terra sarà sciolto nei cieli»
Allora ordinò ai discepoli di non dire ad alcuno che egli era il Cristo (Matteo 16,13-20).

vialucis banner timeline

Dal 3 giugno in tutte le librerie I gabbiani e la rondine. La Via Lucis di Papa Francesco (Rizzoli), il nuovo libro di Marco Pozza

La sofferenza, la rinascita, la bellezza nella Via Crucis che ha commosso il mondo.
Roma, 10 aprile 2020, Venerdì Santo. Nel pieno della pandemia, la Via Crucis celebrata dal Papa non si svolge in mezzo alla folla, nel Colosseo, ma nella piazza San Pietro deserta, sotto lo sguardo dell’antico crocifisso della chiesa di San Marcello al Corso. Le parole che risuonano nella notte della morte e del dolore provengono dalla parrocchia del carcere di Padova: a meditare sulle quattordici stazioni della Passione di Cristo è un’intera comunità di uomini e donne che abita e lavora in questo mondo ristretto. “Mi sono commosso” ha scritto Papa Francesco. “Mi sono sentito molto partecipe di questa storia, mi sono sentito fratello di chi ha sbagliato e di chi accetta di mettersi accanto a loro per riprendere la risalita della scarpata.” In questo libro, partendo dalle meditazioni sulla Via Crucis raccolte e scritte insieme alla giornalista e volontaria Tatiana Mario, don Marco Pozza ha costruito un racconto sulla fede e la risurrezione dei viventi: la Via Crucis di Gesù diventa così una Via Lucis degli uomini, la cui sofferenza è stata riscattata da Cristo in persona. “Mai celebrata una Via Crucis così” scrive l’autore. “Pareva davvero d’attraversare l’Odio desiderando l’Amore.”
(Per acquistarlo clicca qui)

Per vedere i pulsanti di condivisione per i social (Facebook, Twitter ecc.), accetta i c o o k i e di "terze parti" relativi a mappe, video e plugin social (se prima di accettare vuoi saperne di più sui c o o k i e di questo sito, leggi l'informativa estesa).
Accetta c o o k i e di "terze parti"
5 1 1 1 1 1

cagnolino

Non era neppure battezzata. Peggio: forse adorava degli idoli stranieri, pregava dèi forestieri, portava addosso talismani e amuleti. Era una donna, però: dunque in grado di gridare all'occorrenza. Chissà quante volte avrà sentito il bisogno di urlare, ma è come se lo facesse controvento: alla fine le rimaneva tutto dentro. Fino al giorno in cui la malattia andò a toccarle la figliola e lei divenne una leonessa ferita. Da allora divenne un grido-viaggiante, sempre in corsia di sorpasso: «Ciò che non può danzare sul bordo delle labbra va a urlare nel fondo dell'anima» (C. Bobin). Per poi rimbalzare dritto in faccia ai passanti: «Pietà di me, Signore, Figlio di Davide». Senza alcun certificato di battesimo, senza nessun segno di croce fatto, lei inizia la sua celebrazione: Kyrie, eleison! Lei, quell'invocazione, non la ripete a memoria, distrattamente, sfiduciata: si aggrappa ad essa come ostriche allo scoglio, è una scialuppa di salvataggio, verità di fede pur non convalidata nei registri. Soffre a dismisura quella donna. Certe volte ha sofferto tacendo e il suo silenzio appariva l'urlo più forte possibile: il dolore è ancor più dolore se tace. Altre volte, la volta in cui passa Cristo, grida forte. Gli sbarra del tutto la strada, allarmando la ciurma dei discepoli, sempre inquieta per la paura di perdere la priorità acquisita piuttosto che vigilare per non perdere l'occasione di vedere all'opera in altri la medesima Grazia ch'è stata la loro colossale fortuna. Smemorati.
La carne di una figlia che soffre è una madre in panne, un cuore in stato di allerta: è tutto il mondo che se ne sta sospeso in quel grido. E' un urlo molesto per la vita quieta degli amici di Cristo: «Esaudiscila, perchè ci viene dietro gridando», bisbigliano di traverso all'Amico medico. Non “esaudiscila perchè sta soffrendo!” ma perchè corre dietro a loro gridando: ancora una volta i prediletti viaggiano ai bordi dell'insufficienza in materia di fede! La donna, invece, non vuole sprecare la sua sofferenza. E' vero che non conosce il Catechismo della Chiesa Cattolica ma il dolore l'ha resa un po' (ma)donna sotto la Croce. E, come la Madonna, da una risposta brusca - «Non son stato mandato se non alle pecore perdute della casa d'Israele» - trae la forza d'arginare di petto l'apparente menefreghismo del Cielo: «Aiutami, Diommìo! L'avverte suo, pur senza essere stata battezzata: l'unico battesimo ricevuto è l'urlo strozzato della figlia, quella carne ch'è carne della sua carne ed è ora attanagliata dalla malattia. Le concede udienza, stavolta, pur in maniera assai ruvida: «Non è bene prendere il pane dei figli e gettarlo ai cagnolini!» Rischia di farla sentire un cane-randagio per via di metafora: lei, però, avverte una crepa in quell'espressione d'attenzione. E' una madre, dunque coraggiosa ad oltranza: semina della luce in quella crepa, si mette a fare ripassi di catechesi e d'identità a Cristo stesso. Non teme nulla: chi ha un appuntamento già fissato con la morte, i dettagli li lascia ad altri. Se ne infischia della coda, degli insulti, degli sberleffi: «E' vero – Glielo ammette senza vacillamenti -, eppure i cagnolini mangiano le briciole che cadono dalla tavola dei loro padroni». Senza battesimo, è costretta ad andare al sodo: “Hai ragione, ma credo che Tu sei Tu. L'unico a non dividere il mondo tra battezzati e non, tra randagi e domestici, ma tra chi soffre e chi il dolore non l'ha ancora conosciuto. Questo io so, mi basta per avvicinarmi a te!” (Ad)Dio, gente.
L'ha data Lui alle madri quella forza: fanno, faranno, le veci di Dio fino al suo ritorno. Con loro, dunque, dovrà sempre fare i conti in materia di vita, di morte. Disposto a cedere loro il passo, perchè un po' (ma)donne nelle emergenze: «Grande è la tua fede, donna. Avvenga per te come desideri!» Non le augura la guarigione di sua figlia, si supera: le augura che il suo più grande desiderio si avveri. Stavolta si è lasciato sorprendere Lui, mettendo la donna in condizione di sorprenderlo: le ha fatto capire che ciò che spera s'avvera, che Dio è il Dio di tutti, che nascer pagani, talvolta, è trarre vigore dove altri recitano da abituati: Kyrie, eleison! “La persona prima della fede!” avrà ripetuto, in privato, agli amici: e anche stavolta l'Onnipotente riparte dai bisogni urlati di chi soffre piuttosto che dalla fede muta di chi sta bene.

(da Il Sussidiario, 16 agosto 2020)

In quel tempo, partito di là, Gesù si ritirò verso la zona di Tiro e di Sidòne. Ed ecco una donna Cananèa, che veniva da quella regione, si mise a gridare: «Pietà di me, Signore, figlio di Davide! Mia figlia è molto tormentata da un demonio». Ma egli non le rivolse neppure una parola.
Allora i suoi discepoli gli si avvicinarono e lo implorarono: «Esaudiscila, perché ci viene dietro gridando!». Egli rispose: «Non sono stato mandato se non alle pecore perdute della casa d’Israele».
Ma quella si avvicinò e si prostrò dinanzi a lui, dicendo: «Signore, aiutami!». Ed egli rispose: «Non è bene prendere il pane dei figli e gettarlo ai cagnolini». «È vero, Signore – disse la donna –, eppure i cagnolini mangiano le briciole che cadono dalla tavola dei loro padroni».
Allora Gesù le replicò: «Donna, grande è la tua fede! Avvenga per te come desideri». E da quell’istante sua figlia fu guarita (Matteo 15, 21-28).

vialucis banner timeline

Dal 3 giugno in tutte le librerie I gabbiani e la rondine. La Via Lucis di Papa Framcesco (Rizzoli), il nuovo libro di Marco Pozza

La sofferenza, la rinascita, la bellezza nella Via Crucis che ha commosso il mondo.
Roma, 10 aprile 2020, Venerdì Santo. Nel pieno della pandemia, la Via Crucis celebrata dal Papa non si svolge in mezzo alla folla, nel Colosseo, ma nella piazza San Pietro deserta, sotto lo sguardo dell’antico crocifisso della chiesa di San Marcello al Corso. Le parole che risuonano nella notte della morte e del dolore provengono dalla parrocchia del carcere di Padova: a meditare sulle quattordici stazioni della Passione di Cristo è un’intera comunità di uomini e donne che abita e lavora in questo mondo ristretto. “Mi sono commosso” ha scritto Papa Francesco. “Mi sono sentito molto partecipe di questa storia, mi sono sentito fratello di chi ha sbagliato e di chi accetta di mettersi accanto a loro per riprendere la risalita della scarpata.” In questo libro, partendo dalle meditazioni sulla Via Crucis raccolte e scritte insieme alla giornalista e volontaria Tatiana Mario, don Marco Pozza ha costruito un racconto sulla fede e la risurrezione dei viventi: la Via Crucis di Gesù diventa così una Via Lucis degli uomini, la cui sofferenza è stata riscattata da Cristo in persona. “Mai celebrata una Via Crucis così” scrive l’autore. “Pareva davvero d’attraversare l’Odio desiderando l’Amore.”
(Per acquistarlo clicca qui)

Per vedere i pulsanti di condivisione per i social (Facebook, Twitter ecc.), accetta i c o o k i e di "terze parti" relativi a mappe, video e plugin social (se prima di accettare vuoi saperne di più sui c o o k i e di questo sito, leggi l'informativa estesa).
Accetta c o o k i e di "terze parti"
5 1 1 1 1 1

MadonnaDellaSeggiola
La Donna-maiuscola è l'ossessione dell'essere-minuscolo: la Madonna, da quand'è nato al mondo il mondo, è l'ossessione di Lucifero, il suo cruccio, il suo invasamento demoniaco, per l'appunto. “Dite che Maria è l'invidia di Satana, poi avete detto tutto” sintetizzò un mio professore amante della Donna. Da quando Dio emise, sotto giuramento, il mandato di cattura internazionale che pende sul capo dell'Immondo - «Metterò inimicizia fra te le a donna (…) Ti colpirà al capo e tu le insidierai il calcagno» (Gen 3,14) – il pensiero di Maria stette sveglio tutta la notte e divenne l'ossessione del Demonio: l'ossessione è qualcuno che resta nella tua testa più di quanto l'hai lasciato rimanere nella tua vita. Pensare a Lei, dunque, è sentirsi arrabbiato al punto tale da non riuscire a prendere sonno. Le idee ossessive, poi, mutano spesso in depravazione: “Benvenuti nel regno del Demonio!” Non esiste al mondo creatura umana che, al pari di Maria, possa rendere nervoso perfino il principe delle mosche: se potesse, è l'immagine della Madonna che cancellerebbe, appena dopo quella di Cristo. Che la gente reciti il rosario, poi, più che nervoso gli ricorda che la sua fine è vicina: quella corda di cinquanta grani, un giorno non molto lontano, diventerà la corda che il suicida userà per impiccarsi, firmando il suo fallimento. Date tempo al tempo!
Nel frattempo, nella storia quaggiù la sconfitta è stata plateale, la batosta letale: Maria fu assunta in cielo. In Lei, parole sue dette alla cugina Elisabetta, «Grandi cose ha fatto l'Onnipotente, santo è il suo nome»: Maria è l'opera d'arte di Dio, il capolavoro meglio riuscito, la creatura che più gli assomiglia senza per questo essere Dio. Non sopporta, Satana-predone, com'è terminata la vita di Maria quaggiù: fare sì che la morte entrasse nel mondo è stato il suo colpo da maestro, d'allora ogni creatura ci fa i conti. Non c'era la morte nel sogno di Dio: «è entrata nel mondo per invidia del diavolo; e ne fanno esperienza coloro che gli appartengono» (Sap 2,23) Bastardo quell'essere-immondizia: non riuscendo a competere con Dio direttamente, sporcò la creazione col peccato. Fu peccato di sospetto: “Attenzione, gente: Dio è geloso della vostra felicità! Vuole sapervi sottomessi a Lui, per questo vi disse di non mangiare di quell'albero. Svegliatevi, seguite me!” I nostri avi, Adamo ed Eva, ci credettero: pagarono pegno, d'allora tutto il mondo nasce sotto questo segno, la creatura ha insita in sé la tentazione di ribellarsi a Dio. E' la conseguenza di un'eredità ricevuta: ci si appropria dei crediti, anche dei debiti. Dei guadagni, delle perdite. Con Maria il Cielo usò una precauzione: pur creatura, fece sì che fosse concepita senza peccato originale. Si volle, a tutti i costi, che nel mondo ci fosse almeno un prototipo di ciò che era il sogno primigenio di Dio. Fu la risposta di Dio alla ruberia di Satana: facendola nascere senza il peccato, rubò a Satana l'unico appiglio per devastarle l'anima, lo rese impotente di fronte a Lei. Lo umiliò: “Ecco chi sarebbe l'uomo, la donna, senza la tua avvenuta depravazione” gli grida il Cielo innalzando Maria. Satana rode: nessuno ama vedersi smascherare le proprie panzane.
Non morì Maria. Se la morte è entrata nel mondo per invidia del Demonio, nulla potè, potrà, la morte contro colei ch'è nata senza punti d'appoggio per una discesa del Demonio. Divenne, piuttosto, l'invidia dell'Invidia: una ritorsione aspra da digerire. L'Assunzione di Maria è un giorno di lutto nazionale per Lucifero: ogni creatura, pregando Maria, ha modo di vedere come sarebbe stato il suo giorno finale se il peccato non avesse guastato il tutto, se Lucifero non avesse ferito il cuore della storia. Non la morte, ma l'assunzione in cielo: nessuna angoscia, ma l'addormentarsi nelle braccia di propria madre, il suggello di una promessa antica e sempre nuova: “Risorgerete!” Ecco perchè chi confida in Maria non si sentirà mai un fallito. Ecco perchè, oranti di Lei, si odia la Bestia: ci ha avvelenati. Eravamo splendidi, inespugnabili, porco-demonio: Santa Maria, ora pro nobis.

(da Il Sussidiario, 15 agosto 2020)

In quei giorni Maria si alzò e andò in fretta verso la regione montuosa, in una città di Giuda.
Entrata nella casa di Zaccarìa, salutò Elisabetta. Appena Elisabetta ebbe udito il saluto di Maria, il bambino sussultò nel suo grembo.
Elisabetta fu colmata di Spirito Santo ed esclamò a gran voce: «Benedetta tu fra le donne e benedetto il frutto del tuo grembo! A che cosa devo che la madre del mio Signore venga da me? Ecco, appena il tuo saluto è giunto ai miei orecchi, il bambino ha sussultato di gioia nel mio grembo. E beata colei che ha creduto nell’adempimento di ciò che il Signore le ha detto».
Allora Maria disse:
«L’anima mia magnifica il Signore
e il mio spirito esulta in Dio, mio salvatore,
perché ha guardato l’umiltà della sua serva.
D’ora in poi tutte le generazioni mi chiameranno beata.
Grandi cose ha fatto per me l’Onnipotente
e Santo è il suo nome;
di generazione in generazione la sua misericordia
per quelli che lo temono.
Ha spiegato la potenza del suo braccio,
ha disperso i superbi nei pensieri del loro cuore;
ha rovesciato i potenti dai troni,
ha innalzato gli umili;
ha ricolmato di beni gli affamati,
ha rimandato i ricchi a mani vuote.
Ha soccorso Israele, suo servo,
ricordandosi della sua misericordia,
come aveva detto ai nostri padri,
per Abramo e la sua discendenza, per sempre».
Maria rimase con lei circa tre mesi, poi tornò a casa sua (Luca 1,39-56).

vialucis banner timeline

Dal 3 giugno in tutte le librerie I gabbiani e la rondine. La Via Lucis di Papa Francesco (Rizzoli), il nuovo libro di Marco Pozza

La sofferenza, la rinascita, la bellezza nella Via Crucis che ha commosso il mondo.
Roma, 10 aprile 2020, Venerdì Santo. Nel pieno della pandemia, la Via Crucis celebrata dal Papa non si svolge in mezzo alla folla, nel Colosseo, ma nella piazza San Pietro deserta, sotto lo sguardo dell’antico crocifisso della chiesa di San Marcello al Corso. Le parole che risuonano nella notte della morte e del dolore provengono dalla parrocchia del carcere di Padova: a meditare sulle quattordici stazioni della Passione di Cristo è un’intera comunità di uomini e donne che abita e lavora in questo mondo ristretto. “Mi sono commosso” ha scritto Papa Francesco. “Mi sono sentito molto partecipe di questa storia, mi sono sentito fratello di chi ha sbagliato e di chi accetta di mettersi accanto a loro per riprendere la risalita della scarpata.” In questo libro, partendo dalle meditazioni sulla Via Crucis raccolte e scritte insieme alla giornalista e volontaria Tatiana Mario, don Marco Pozza ha costruito un racconto sulla fede e la risurrezione dei viventi: la Via Crucis di Gesù diventa così una Via Lucis degli uomini, la cui sofferenza è stata riscattata da Cristo in persona. “Mai celebrata una Via Crucis così” scrive l’autore. “Pareva davvero d’attraversare l’Odio desiderando l’Amore.”
(Per acquistarlo clicca qui)

Per vedere i pulsanti di condivisione per i social (Facebook, Twitter ecc.), accetta i c o o k i e di "terze parti" relativi a mappe, video e plugin social (se prima di accettare vuoi saperne di più sui c o o k i e di questo sito, leggi l'informativa estesa).
Accetta c o o k i e di "terze parti"