5 1 1 1 1 1

Lucas Cranach d.J. Christus und die Ehebrecherin

Quei cecchini han mostrato d'essere dei cecchini da quattro soldi: al soldo, certamente, di qualcuno legato a doppia mandata al Satanasso balordo che, al netto della sua spavalderia, ha un tallone d'Achille gigantesco come un palazzo di dieci piani: non sopporta affatto che il male venga perdonato da Dio. Il male è il suo più grande capolavoro: vederlo sciogliersi come neve al sole di fronte alla misericordia è un qualcosa che gli scompone il cuore, che lo innervosisce come nessun'altra cosa al mondo. Arruolarsi nel suo esercito, al pari degli scribi e dei farisei, è allenarsi a mancare continuamente il bersaglio: espertissimi nel lancio del boomerang, han ormai la faccia piena di lividi da quante volte si son fatti del male con le loro mani. L'ultima? «Maestro, questa donna è stata sorpresa in flagrante adulterio (Ammazziamola) Tu che ne dici?» Il vizietto di infilare il naso sotto le coperte altrui è eccitante per il Demonio, i suoi fans scatenati: “Siccome ha fatto la porcellina e non va bene, allora adesso facciamo bene i conti!”
Vogliono fare i conti con Lui, oltrechè con lei: volevan «metterlo alla prova per aver motivo di accusarlo». E, così facendo, partono già col piede sbagliato: una cosa è chiedere perchè si vuol conoscere, tutt'altra cosa è chiedere per poi cercare di fare cadere colui al quale si rivolge la domanda. Mica è fesso Cristo: «Si chinò e si mise a scrivere col dito per terra». Loro, invece, lo sono così tanto da accelerare sul ghiaccio: «Insistevano nell'interrogarlo». Pare d'intercettare il peso di quegli sguardi acidi, torvi, ambigui, bramosi. Appiccicosi. Come se a lui, venuto al mondo per riparar le cose rotte, gliene fregasse qualcosa del peccato o di cosa fanno le persone sotto le lenzuola. A lui non interessa il peccato, gli interessa la persona che ha peccato. Loro, invece, no: quella donna, cingendola in un cerchio, l'han chiusa come dentro una cella di galera, non prima di averle intonato l'inno alla gogna. Fosse anche vero che l'hanno colta con le sue grazie esposte ai quattro venti, comunque vale sempre la presunzione d'innocenza: ogni conversazione tra il peccatore e il suo Dio deve sempre restare protetta.
Anche a Dio, comunque, piace che i conti tornino. Per questo mette loro in mano la calcolatrice. Ammazzatela, ma facciamo così: che «chi di voi è senza peccato, getti per primo la pietra contro di lei». Li ha autorizzati a procedere nel loro agognato mattatoio, ma ha rimesso la fucilazione nelle loro mani. È bastato questo: via! per intuire che si erano infilati dentro una festa alla quale non erano stati invitati: «Se ne andarono uno per uno, cominciando dai più anziani». Se ne andarono sgattaiolando via in fretta e furia, coda tra le gambe: avevano la testa così pesante che se si fossero fermati sarebbe esplosa. “Acceleriamo, che non faccia, magari, i nostri nomi quella porcellina!” E, andandosene, il boomerang li prese dritti in faccia. Chi li intercettò per la via, giura d'averli visti scappare con un volo ondivago di uccelli, per far smarrire le tracce il prima possibile.
Là, «nel mezzo», rimasero gli altri due: la miseria e la misericordia. Non gli interessa cos'ha fatto, con chi è andata, s'è vero che l'ha offerta agli zingari. Gli interessa lei: «Donna, dove sono? Nessuno ti ha condannata?» L'educazione è sempre più affascinante della maleducazione: quel che uccide non è il peccato, è la disperazione. Non c'è già più, ha una luce tempestosa negli occhi mentre gli mostra il conteggio: «Nessuno, Signore». In sottofondo, il salmista intona il suo salmo di lode: «Guardate a lui e sarete raggianti, i vostri volti non dovranno arrossire» (Sal 34,6). La donna, a memoria, non ricordava nessuno che si fosse avvicinato così tanto da sedersi in mezzo alla tana della sua vergogna. Per poi riciclarla e impedire ai cecchini di trasformarla in gogna. Evviva: «Neanche io ti condanno: và e d'ora in poi non peccare più». Non le cancella il suo passato ma realizza un capolavoro immensamente più grande: impedisce al suo passato di andarle ad ipotecare il suo futuro. Cristoddìo sa essere più gentile degli uomini.

(da Il Sussidiario, 2 aprile 2022)

In quel tempo, Gesù si avviò verso il monte degli Ulivi. Ma al mattino si recò di nuovo nel tempio e tutto il popolo andava da lui. Ed egli sedette e si mise a insegnare loro.
Allora gli scribi e i farisei gli condussero una donna sorpresa in adulterio, la posero in mezzo e gli dissero: «Maestro, questa donna è stata sorpresa in flagrante adulterio. Ora Mosè, nella Legge, ci ha comandato di lapidare donne come questa. Tu che ne dici?». Dicevano questo per metterlo alla prova e per avere motivo di accusarlo.
Ma Gesù si chinò e si mise a scrivere col dito per terra. Tuttavia, poiché insistevano nell’interrogarlo, si alzò e disse loro: «Chi di voi è senza peccato, getti per primo la pietra contro di lei». E, chinatosi di nuovo, scriveva per terra. Quelli, udito ciò, se ne andarono uno per uno, cominciando dai più anziani.
Lo lasciarono solo, e la donna era là in mezzo. Allora Gesù si alzò e le disse: «Donna, dove sono? Nessuno ti ha condannata?». Ed ella rispose: «Nessuno, Signore». E Gesù disse: «Neanch’io ti condanno; va’ e d’ora in poi non peccare più» (Giovanni 8,1-11).


Editoriali del Tempo di Quaresima 2022

Mercoledì delle Ceneri, Una strana allegria al pensiero di  riprovarci2 marzo 2022
I^ Domenica di Quaresima, Il porcello e il Santo, 5 marzo 2022
II^ Domenica di Quaresima, La Chiesa che s'addormenta12 marzo 2022
III^ Domenica di Quaresima, E' difficile calcolare la mia età19 marzo 2022
Solennità dell'AnnunciazioneL'annunciazione dell'angelo a Mariupol, 25 marzo 2022
IV^ Domenica di Quaresima, Si vince e si perde (sempre) in due, 26 marzo 2022

don Marco Pozza
L'autore: don Marco Pozza

Marco Pozza (1979), parroco della parrocchia del carcere Due Palazzi di Padova, è uno «straccio di prete al quale Dio s'intestardisce ad accreditare simpatia, usando misericordia», come ama dire di se stesso.
Leggi tutto...


Per vedere i pulsanti di condivisione per i social (Facebook, Twitter ecc.), accetta i c o o k i e di "terze parti" relativi a mappe, video e plugin social (se prima di accettare vuoi saperne di più sui c o o k i e di questo sito, leggi l'informativa estesa).
Accetta c o o k i e di "terze parti"

N.B. - I commenti potrebbero tardare alcuni secondi prima di apparire.

Solo gli utenti registrati possono inserire commenti!