5 1 1 1 1 1

amiche 1200x630

Impossibile, per lei, trattenere la forza d'urto di quell'annunciazione: teneva la tensione d'una corda tirata, l'impeto di un flutto marinaro, l'inquietudine della bellezza. Niente da fare: (ri)partito l'Arcangelo - “Diommio, Maria ha accettato il vostro invito!” fu l'annuncio di Gabriele a Dio – anche Maria partì: troppo, anche una come per lei, contenere nel petto l'incontenibile che iniziava a mettere giù il piede nel ventre suo. A Nazareth, quel giorno, tanti accesero la luce col mignolo del piede per non alzarsi. E vedendo ch'era tutta indaffarata nell'andar «in fretta verso la regione montuosa», le chiesero: “Perchè corri, Maria?” Lei sorrise, non volle rispondere loro ciò che le ardeva nel petto: “E perchè voi siete tutti fermi?” Nel suo petto abitavano piccoli anticipi di Dio: l'idea, l'annuncio, l'agitazione, lo stupore dell'inaspettato. Da perfetta atleta, uscì di casa per andar a correre, ma il vero guadagno fu che, correndo, rientrò in se stessa. Mistero della fede.
Giunta «in una città di Giuda», non fece l'invadente. Chiese permesso con il suo saluto: “E' permesso, cuginetta mia?!” Altri, quando arrivano in una casa, scordavano il permesso: “Scusa, non è che hai un caricatore? Mi si è scaricata la batteria del telefono!” Niente di tutto ciò: Maria è figlia umile di gente povera, è (stata) educata alla cortesia, alla gentilezza. E' andata dalla cugina perchè sa bene che Elisabetta saprà gioire della sua gioia: la confidenza puoi prendertela solamente se l'altro te la concede, altrimenti è solo invadenza. Solo Elisabetta, col suo pancione bene in vista, saprà dirle cose sensate per tentare di spiegare l'insensato che le sta accadendo. Confidenze tra donne, intimità al femminile, gestualità dell'amor parentale: “Hai (proprio) ragione, Elisabetta: bisogna essere mamme per riuscir a capire certe cose!” Appena il tempo di udire il saluto, molto tempo prima che le loro braccia s'aggomitolassero tra di loro (senza distanza di sicurezza), che dentro i loro grembi due bambini già stanno facendo squadra tra di loro, all'oscuro del mondo che non si accorge di nulla: “Prima tu, Giovannino: parti, livella, ricolma, preparami tutto pronto. Poi arrivo io a finalizzare il lavoro!” disse il Cristo, non ancora bambino, al cugino leggermente più grande di lui.
Poi, d'improvviso, lo scoppio: basta parole soffuse, confidenze bisbigliate, parole condivise. D'ora innanzi si alza al mondo la prima Ave Maria della storia, declamata «a gran voce». Parole che andranno attaccate, di generazione in generazione, a quelle dell'arcangelo: «Ave Maria, piena di grazia, il Signore è con te». Appena dopo quelle, le parole di Elisabetta: «Benedetta tu fra le donne e benedetto il frutto del tuo grembo!» Resteranno, come le prime, parole d'alta confidenza: sarà inutile dirlo, ma la vera ricchezza è avere qualcuno col quale confidarsi. È che dovremmo sceglier con cura a chi fare confidenze, a chi dare la confidenza, con chi prenderci confidenza. Perchè una confidenza alimenterà una conversazione molto più dell'intelligenza. Dentro la casa, all'insaputa del mondo, due donne si son concesse il lusso della confidenza, di confidarsi paure materne: “Elisabetta, tu sarai capace d'essere una mamma all'altezza? Maria, chissà se i nostri bambini avranno un'infanzia lieta vedendo com'è il mondo? E se piangeranno e non sapremo calmarli, Betty? Maria, e se, mangiando, capita che un boccone scenda di traverso, sapremo gestire l'emergenza? Chissà che caratteri avranno: accesi o melanconici?” Confidarsi le paure, loro due lo sanno, è il più alto livello di complicità: quello che le terrà legate tra loro per sempre.
Nessuno sa – oppure lo sapevano, l'han taciuto di proposito – da quanto tempo loro due non s'incontrassero. Poco importa: le distanze non si misurano in chilometri, ma in possibilità. La confidenza non ha il senso del tempo: un minuto o vent'anni sono della stessa sostanza. Basta guardarsi per ritrovarsi. Prima una: Ave Maria! Poi l'altra: Ave, Elisabetta! Delle donne non vince quella che corre dietro, né quella che scappa. Vince quella che sa aspettare l'attimo giusto. Quello magico.

(da Il Sussidiario19 dicembre 2021)

In quei giorni Maria si alzò e andò in fretta verso la regione montuosa, in una città di Giuda.
Entrata nella casa di Zaccarìa, salutò Elisabetta. Appena Elisabetta ebbe udito il saluto di Maria, il bambino sussultò nel suo grembo. Elisabetta fu colmata di Spirito Santo ed esclamò a gran voce: «Benedetta tu fra le donne e benedetto il frutto del tuo grembo! A che cosa devo che la madre del mio Signore venga da me? Ecco, appena il tuo saluto è giunto ai miei orecchi, il bambino ha sussultato di gioia nel mio grembo. E beata colei che ha creduto nell’adempimento di ciò che il Signore le ha detto» (Luca 1,39-45).

 


Tempo d'Avvento

I^ Domenica d'Avvento, L'attenzione di Veronica, 28 novembre 2021
II^ Domenica d'Avvento, Le cose belle hanno il passo lento, 5 dicembre 2021
Solennità dell'Immacolata Concezione di Maria, Centopercento donna, 8 dicembre 2021
III^ Domenica d'Avvento, Distinto e d'istinto, 11 dicembre 2021

don Marco Pozza
L'autore: don Marco Pozza

Marco Pozza (1979), parroco della parrocchia del carcere Due Palazzi di Padova, è uno «straccio di prete al quale Dio s'intestardisce ad accreditare simpatia, usando misericordia», come ama dire di se stesso.
Leggi tutto...


Per vedere i pulsanti di condivisione per i social (Facebook, Twitter ecc.), accetta i c o o k i e di "terze parti" relativi a mappe, video e plugin social (se prima di accettare vuoi saperne di più sui c o o k i e di questo sito, leggi l'informativa estesa).
Accetta c o o k i e di "terze parti"

Commenti   

mgiovanna
#1 RE: Confidenzemgiovanna 2021-12-19 22:14
Due donne, due future mamme che mi piace immaginare nel tempo: l'una fanciulla, l'altra adulta.
A confronto due mondi, il mondo della fanciullezza e quello dell'esperienza attraversati dallo stupore/meraviglia di un evento: la Vita fa capolino in due grembi.
Sul motivo per cui Maria si mette in viaggio, è la prima volta in assoluto che leggo una riflessione come questa di don Marco: "E' andata dalla cugina perchè sa bene che Elisabetta saprà gioire della sua gioia".
Confidenze, quindi, che condividono anzitutto la gioia di incontrarsi, di ritrovarsi.
Ciò di cui queste future mamme possono discutere si può intuire: il presente/futuro dei loro bebè; tuttavia dal Commento di don Marco emerge quest'altro dettaglio: "Maria, chissà se i nostri bambini avranno un'infanzia lieta vedendo com'è il mondo?"
Il mondo: sempre lo stesso, pure al tempo dei nascituri Giovanni e Gesù!
A fare la differenza è il modo di guardare la Vita: il paesaggio è lo stesso, ma il vedere cose diverse dipende da ciò che ognuno ha nel cuore.
Quest'ultimo pensiero lo ricavo dalla riflessione del Don per il II giorno della Novena di Natale 2021 (cfr. pagina FB di questo sito): me ne vado a dormire entusiasta d questo inanellarsi di sollecitazioni, a partire da Veronica bambina "che cammina sulla terra a testa alta".
Davvero un Avvento da ricordare e continuare a meditare!
Sarebbe bellissimo esercitarsi anche dopo a tenere insieme questi tasselli, per scoprire pian piano come arriveremo alla Pasqua.
Mille grazie Gesù Bambino!
Se riuscirò a prepararti nel mio cuore una culla più confortevole degli altri anni il merito sarà tutto di don Marco: io vengo solo a ripetizione su questo sito e, come diceva la mia maestra Olga, "trattengo tutto come una spugna".
Sogni d'oro, Gesù!

N.B. - I commenti potrebbero tardare alcuni secondi prima di apparire.

Solo gli utenti registrati possono inserire commenti!