5 1 1 1 1 1

patto
L'
enfant prodige è tornato a casa. Il Bambino-prodigio è ritornato al suo paese: «Venne a Nazareth, dove era cresciuto». Il paese è sottosopra dalla gioia, i paesani tutti in visibilio, la voglia di ascoltarlo, di toccarlo è alle stelle: “E' dei nostri, guarda strada ha fatto. Chi l'avrebbe detto: pensare che è partito con suo padre, lavorando il ferro”, bisbiglia la gente a bordo-strada mentre l'attende. Lui - sangue da condottiero a scorrergli nelle vene – torna là, dov'era partita la sua storia: Nazareth è terra ai bordi, Lui è Uomo di provincia. Vuole a tutti i costi che la sua scalata verso l'uomo inizi dai suoi, dalle menti bestiali di casa sua: è sua volontà che le bestie diventino santi. Strisciare sulla terra è essere bestia, guardare il Cielo, desiderandolo, è santo. Com'è nato, a Nazareth, lo san tutti: il mistero di quella ragazza - dopo tre decadi come dopo due migliaia di anni - è ancora sulla bocca di tutti. Lui torna per spiegare il perchè di Lui, del suo essere nato e venuto al mondo: «Per portare ai poveri il lieto annuncio, a proclamare ai prigionieri la liberazione e ai ciechi la vista; e rimettere in libertà gli oppressi». In tanti, prima di Lui, avevano fatto promesse: la profezia – nella grammatica della Scrittura – è una promessa che odora d'affidabilità. Anche Lucifero è abile nel promettere: “Che promesse grandi che mi fai! E' per deluderti meglio!” Nessuno promette in-grande come lui, perchè «nessuno promette tanto come quello che non manterrà» (F. Quevedo). Una promessa di ieri che non è stata mantenuta è una tassa in più da pagare oggi. Lucifero lo sa bene: Cristo lo sa molto bene.
Più che fare promesse, dunque, Cristo mantiene le premesse. Ch'erano di una semplicità folle, bambina, quasi difficili solo da credersi: “ Chi cadrà vincerà. I bocciati saranno tutti promossi”. Siccome tardavano ad avverarsi, pensavano fossero tutti spot-elettorali, gogliardate di ciarlatani in erba. Un giorno, poi, Gesù tornò al suo paese: prese la rincorsa per far fare il grande salto verso l'alto. Qui, proprio qui, le nuvole si fanno pioggia: «Una promessa è una nuvola – recita un proverbio arabo -; l'adempimento è la pioggia». Pioggia a catinelle a Nazareth: «Oggi si è compiuta questa Scrittura che voi avete ascoltato». Cristo, agli amici, non ha fatto promesse, ha semplicemente mantenuto le premesse: mostrò che era Lui la persona giusta. Tutti s'impaurirono, chi più chi meno: aver un Dio così vicino, averlo veduto nascere-crescere-farsi la barba, saperlo dirimpetto a noi è cosa più paurosa d'immaginarselo lontano, inarrivabile, barba lunga. Che poi, a pensarci bene, l'annuncio era sconcertante per troppa magnificenza: «E se tutti noi fossimo sogni che qualcuno sogna, pensieri che qualcuno pensa?» scrive il poeta Ferdinando Pessoa. Piovve a dirotto, quando tutti erano senza ombrello: le parole, quelle che oramai parevano vecchie filastrocche senza più musica, di getto si tramutano in danze conturbanti, volti scolpiti, terre infiammate: Dio è un povero, s'è fatto galeotto per amore, ci ha rimesso la vista. E' un oppresso. “Noi pensavamo d'essere amici d'una persona famosa: basta più code agli sportelli, tutti-raccomandati, amici del potente. Che fregatura!”: a Nazareth son quasi tutti delusi. Un Dio così porta-a-porta mica se l'aspettavano, davvero: giunti a questo punto, era meglio quando si stava peggio. La promessa, quand'è mantenuta, è sempre a forte rischio di delusione: il Dio sognato è quasi mai il Dio che appare.
Manco i bocciati – la gente tutta guasta, i galeotti infami, i puzzolenti delle spazzature – se l'aspettavano una notizia del genere: “Tutti promossi!” Mica era immaginabile un Potente così: nato apposta per loro, Dio-sarto a domicilio, un protettore dagli assalti dei raccomandati. Era come se i loro sogni di rivalsa, che si erano accartocciati, ripigliassero vita e colore: profumo di bucato al posto del fetore di fogna. Amareggiò i paesani convinti di avercelo in tasca: in compenso accese la luce negli scantinati. Vuol mostrarsi al mondo così: che nessuno dica d'essere amico di Dio bruciando la fila. Sfruttando la corsia d'emergenza.

(da Il Sussidiario, 26 gennaio 2019)

Poiché molti hanno cercato di raccontare con ordine gli avvenimenti che si sono compiuti in mezzo a noi, come ce li hanno trasmessi coloro che ne furono testimoni oculari fin da principio e divennero ministri della Parola, così anch’io ho deciso di fare ricerche accurate su ogni circostanza, fin dagli inizi, e di scriverne un resoconto ordinato per te, illustre Teòfilo, in modo che tu possa renderti conto della solidità degli insegnamenti che hai ricevuto.
In quel tempo, Gesù ritornò in Galilea con la potenza dello Spirito e la sua fama si diffuse in tutta la regione. Insegnava nelle loro sinagoghe e gli rendevano lode.
Venne a Nàzaret, dove era cresciuto, e secondo il suo solito, di sabato, entrò nella sinagoga e si alzò a leggere. Gli fu dato il rotolo del profeta Isaìa; aprì il rotolo e trovò il passo dove era scritto:
«Lo Spirito del Signore è sopra di me;
per questo mi ha consacrato con l’unzione
e mi ha mandato a portare ai poveri il lieto annuncio,
a proclamare ai prigionieri la liberazione
e ai ciechi la vista;
a rimettere in libertà gli oppressi
e proclamare l’anno di grazia del Signore».
Riavvolse il rotolo, lo riconsegnò all’inserviente e sedette. Nella sinagoga, gli occhi di tutti erano fissi su di lui. Allora cominciò a dire loro: «Oggi si è compiuta questa Scrittura che voi avete ascoltato» (cfr Lc 1,1-4; 4,14-21).


Avviso parrocchiale
Deserto di Wadi-Rum (Giordania) - Le strade si costruiscono viaggiando. Ecco perchè, quando uno ha una meta, anche il deserto diventa una strada. Sabato prossimo (Le ragioni della speranza, sabato, ore 16.10 su RaiUno) entreremo nel deserto del Wadi-Rum, uno dei deserti più spettacolari d'Oriente: un miscuglio di pietre, sabbia e sole. Anche Cristo, nei Vangeli, mostra di amare il deserto. Domenica lo troviamo in Galilea, ad iniziare la predicazione. Prima, nel deserto, aveva vinto la sua sfida contro il Demonio. Adesso è pronto per conquistare a sé il mondo.

wadirum

don Marco Pozza
L'autore: don Marco Pozza

Marco Pozza (1979), parroco della parrocchia del carcere Due Palazzi di Padova, è uno «straccio di prete al quale Dio s'intestardisce ad accreditare simpatia, usando misericordia», come ama dire di se stesso.
Leggi tutto...


Per vedere i pulsanti di condivisione per i social (Facebook, Twitter ecc.), accetta i c o o k i e di "terze parti" relativi a mappe, video e plugin social (se prima di accettare vuoi saperne di più sui c o o k i e di questo sito, leggi l'informativa estesa).
Accetta c o o k i e di "terze parti"

N.B. - I commenti potrebbero tardare alcuni secondi prima di apparire.

Solo gli utenti registrati possono inserire commenti!