5 1 1 1 1 1

amoresfondo
Ce l'aveva sulla punta della lingua da chissà quanto tempo quella domanda. Da quando li adocchiò – reti tristi, cuori fiacchi, braccia spossate – a Cafarnao, nei dintorni. La tenne stretta a sé: ci sono domande che ci si può giocare una sola volta nella vita. Cristo lo sa: l'occasione è nulla senza un'inclinazione, un desiderio, un cuore in accelerazione. Quando la legna è pronta, basterà una scintilla. Per chi ha mira, basterà un colpo solo. Dio, in guerra, va per amore: è cecchino di cuori, ha mira da batticuore. A Cesarea e dintorni: «Ma voi, chi di te che io sia?» La pone esattamente lì, bordo-strada: camminando a piedi prega, pregando cammina nei cuori di chi gli va dietro. Non gl'importa granché della gente: "Chi mi ama mi segua, chi mi odia m'insegua" è il suo motto, sotto-sotto, detto con maggior garbo, un pizzico d'eleganza in più. Dei suoi amici, invece, gli sta a cuore sapere l'indice di gradimento di Lui nei loro cuori. «Ma» è particella avversativa, una rovesciata al volo. È contropiede affilato: "Degli altri m'importa, non m'importa. Per voi, però, mi piacerebbe sapere chi sono io". Cristo è l'uomo delle domande. Alle domande degli altri, risponderà con altrettante domande. Perché il punto di domanda tra tutti è il segno di punteggiatura più ricco: apre un capoverso, fa prendere la rincorsa ad una frase, è trampolino di lancio.
E, domandando, restaura i cuori. Per questo, prima li imbraga nell'amicizia: ci sono domande che necessitano del contesto adatto, di un vestito su-misura, un parterre-de-roi appositamente convocato. Li ha imbragati nell'amicizia e ha fatto loro la domanda mentr'erano nell'intimità, quando i loro cuori erano sintonizzati tra di loro. Non se l'aspettavano, forse, una domanda così scabra, schietta, così spigolosa d'essere dolcissima. Cristo conosce assai il vantaggio della sorpresa, della leggerezza: «Ma voi, chi dite che io sia?» Chi rispose – Pietro alzò subito la mano – non rispose con testa: dell'astrattezza di un certo catechismo a Cristo non gl'importa nulla. Cerca, come una donna con la lanterna in mano, qualcuno che ancora s'interessi di Lui, per il quale sia ancora un Dio interessante: vuole il cuore, a tutti i costi, costi quel che costi. Eccolo il cuore meno-scontato, capace di una sintesi improvvisa e spontanea. Una dichiarazione d'amore uscita dalle labbra più inquiete di tutta la classe degli apostoli: «Tu sei il Cristo». È l'uomo di mille traversie, Pietro: alti e bassi, come le burrasche che domava come nessun altro in alto mare. Stavolta, messo in condizioni ottimali, non si vergogna di dar voce al suo cuore: "Tu sei il mio amore. Sei il mio tutto. Puntualmente in ritardo, ma sarò sempre al tuo fianco: potrai contare su di me". È il cuore che il Cristo si era messo in testa d'accendere. D'allora, sbaglierà ancora un'iradiddio di volte il pescatore: Cristo, per altrettante volte, lo rimetterà in sesto. Gliel'ha insegnato Lui stesso, quand'erano ancora semplici apprendisti in fatto di pesca-di-uomini: per allenarsi a vincere, non bisognerà aver paura di perdere. Tutto qui.
Il tempo di un battito di ciglia e Pietro sbaglia subito bersaglio. In materia di Cielo e di eternità, ha la grazia di un elefante in un negozio di gioielli: «Pietro lo prese in disparte e si mise a rimproverarlo». Lui, adesso che tutti sanno che Dio è il suo amore, se lo vuole proteggere. Si metterà davanti per fargli da scudiero, da scudo: nessuna sofferenza, nessun rischio. Figurarsi Gerusalemme e la sua matta mattanza. E Cristo, Uomo tutto d'un pezzo, ad insegnargli che all'amore non si può comandare. All'amore si va dietro, si sta dietro: «Va' dietro a me, Satana! Perché tu non pensi secondo Dio, ma secondo gli uomini». Non teme, Cristo, di dire al suo amico-pescatore che ha la faccia di Satana quando parla così. Pietro a Lui: "Mi metto davanti io, tu vieni dietro a me". Cristo a Pietro: "Torna al tuo posto: è affare mio guidarti. Lascia che ti faccia strada io". Chissà se Pietro credeva a Satana. Per questo, Cristo affonda la lama: che non si creda in lui, è proprio quello che il Diavolo spera. Cristo ne sa una più del diavolo.

(da Il Sussidiario, 15 settembre 2018)

In quel tempo, Gesù partì con i suoi discepoli verso i villaggi intorno a Cesarèa di Filippo, e per la strada interrogava i suoi discepoli dicendo: «La gente, chi dice che io sia?». Ed essi gli risposero: «Giovanni il Battista; altri dicono Elìa e altri uno dei profeti». 
Ed egli domandava loro: «Ma voi, chi dite che io sia?». Pietro gli rispose: «Tu sei il Cristo». E ordinò loro severamente di non parlare di lui ad alcuno.
E cominciò a insegnare loro che il Figlio dell’uomo doveva soffrire molto, ed essere rifiutato dagli anziani, dai capi dei sacerdoti e dagli scribi, venire ucciso e, dopo tre giorni, risorgere. 
Faceva questo discorso apertamente. Pietro lo prese in disparte e si mise a rimproverarlo. Ma egli, voltatosi e guardando i suoi discepoli, rimproverò Pietro e disse: «Va’ dietro a me, Satana! Perché tu non pensi secondo Dio, ma secondo gli uomini».
Convocata la folla insieme ai suoi discepoli, disse loro: «Se qualcuno vuol venire dietro a me, rinneghi se stesso, prenda la sua croce e mi segua. Perché chi vuole salvare la propria vita, la perderà; ma chi perderà la propria vita per causa mia e del Vangelo, la salverà» (Vangelo di Marco 8,27-35).

don Marco Pozza
L'autore: don Marco Pozza

Marco Pozza (1979), parroco della parrocchia del carcere Due Palazzi di Padova, è uno «straccio di prete al quale Dio s'intestardisce ad accreditare simpatia, usando misericordia», come ama dire di se stesso.
Leggi tutto...


Per vedere i pulsanti di condivisione per i social (Facebook, Twitter ecc.), accetta i c o o k i e di "terze parti" relativi a mappe, video e plugin social (se prima di accettare vuoi saperne di più sui c o o k i e di questo sito, leggi l'informativa estesa).
Accetta c o o k i e di "terze parti"

Commenti   

PaoloGiuseppe
#1 RE: "Non ci credo a Satana" E' quello che lui spera, Pietro!PaoloGiuseppe 2018-09-18 16:58
MONS MARIO DELPINI, ARCIVESCOVO DI MILANO:
Se qualcuno vuol venire
Noi siamo qui per dire: Sì, Signore, noi vogliamo venire dietro a te.
“Ma sapete che io vado a soffrire molto”.
Noi vogliamo venire dietro a te, proprio perché soffriamo, proprio perché solo con te possiamo sapere
dove porta questo soffrire che scava nella nostra carne e tormenta il nostro animo.
“Ma se venite dietro a me molti avranno per voi disprezzo e derisione, sarete impopolari, come il
Figlio dell’uomo è stato rifiutato dagli anziani”.
Noi vogliamo venire dietro a te, preferiamo condividere la tua solitudine che cercare gli applausi e la
popolarità, perché tu sei l’amico di cui non possiamo fare a meno.
“Ma se venite dietro a me non siete al sicuro, non vi sarà garantito benessere e protezione, il Figlio
dell’uomo non ha dove posare il capo.
Noi vogliamo venire dietro a te: a che giova guadagnare il mondo intero se poi perdiamo l’anima e la
vita finisce nel niente?
Ma se venite dietro a me dovrete seguire il mio esempio, essere servi gli uni degli altri, amare tutti
fino a dare la vita per gli altri, fino a morire”
Noi vogliamo venire dietro a te: solo con te c’è la gioia, c’è la pace, c’è la speranza di vita eterna.
PaoloGiuseppe
#2 RE: "Non ci credo a Satana" E' quello che lui spera, Pietro!PaoloGiuseppe 2018-09-18 16:58
La Croce c'e' ma e' del Risorto.... Cosi pure per noi... La croce nella vita c'e' ma Gesu ci assicura che si risorge. La fede la vita con fede in Gesu' e con carita' costa e c' e'croce ma ne viene la salvezza. Dal Crocifisso Risorto nasce la speranza..Coraggio..la morte e il dolore non sono ultimi. Ave Maria e avanti ascolta radioMaria
preghiamo spesso la AVE MARIA.preghiera bella e importante



www.radiomaria.it
www.preghiereperlafamiglia.it/

www.facebook.com/mariacontesettimanale/

N.B. - I commenti potrebbero tardare alcuni secondi prima di apparire.

Solo gli utenti registrati possono inserire commenti!