0 1 1 1 1 1

pantry 6033796 1280

Il lunedì mattina, alla prima ora di lezione, il mondo si divide in due categorie. Chi volge uno sconsolato pensiero al proprio letto e alla sveglia suonata sempre troppo presto e chi, invece, zompetta festante e fa a gara con i compagni per arrivare primo in classe.
Sono proprio questi ultimi che sento sciamare lungo i corridoi. Hanno già un’energia tale che, se si potesse incanalarla in qualche modo, soddisferebbe in cinque minuti il fabbisogno dell’intero pianeta per i secoli a venire. Nemmeno il tempo di varcare la soglia dell’aula, che la sfilata ha subito inizio.
“Ti piace il mio nuovo cerchietto?” – “Guarda le scarpe con le lucine!” – “Maestra, posso raccontarti tutto quello che ho fatto nel fine settimana?” (ok, ma è una richiesta o una minaccia?) Sono così investita da una miriade di telecronache e aneddoti, una quotidianità che per noi adulti non è nulla di che, per loro è invece ancora fonte di meraviglia e sorrisi larghi tanto così.
“Io ho l’astuccio nuovo!” è la dichiarazione che all’improvviso zittisce ogni voce e catalizza l’attenzione. Degli archeologi che portano alla luce preziosi reperti di una civiltà millenaria non avranno mai la stessa trepidazione di venti alunni che osservano l’apertura dello zaino e l’estrazione del nuovo tesoro. C’è proprio tutto tutto, tirato a lucido: penne, matite, colori, pennarelli, belli integri, ordinati, in scalpitante attesa di poter entrare in azione. Immaginate quindi la loro delusione, quando la loro proprietaria, al momento dell’attività, elemosina colori a destra e a manca.
“Ma io voglio che restino nuovi,” prova a spiegare. “Se li uso, poi finiscono.”
Eccola lì, la metafora della vita.
Quella frase mi richiama alla memoria una ragazzina, poco più che adolescente, che un giorno si comprò con i propri risparmi un vestito nuovo, rosso fiammante. Sarà adatto per le occasioni speciali, aveva pensato. Quelle vennero, ma la ragazzina non le seppe riconoscere: per questa no, è troppo elegante, per quest’altra no, è troppo poco elegante… Il tempo passò ed il vestito rosso rimase appeso e quasi inutilizzato. Quando divenne troppo piccolo, la occhieggiò severo dall’alto della propria gruccia, sembrava che le dicesse: che senso ha lasciare ad ammuffire in un armadio ciò che ci rende felici? Quel che ci dà gioia dovrebbe essere vissuto, non è mica scatolame da accumulare in dispensa. Fu regalato a qualcuno che non s’impose nessun “dopo”, valorizzandolo a dovere.
Tante, troppe volte, nel nostro cammino siamo così concentrati a fissare il panorama in lontananza, in cerca di qualcosa di speciale, che non ci accorgiamo del fiore che sboccia proprio sotto il nostro naso. Tante, troppe volte, aspettiamo l’occasione particolare, quella super, quella perfetta dei nostri sogni, che finiamo per sminuire o non vedere quelle che abbiamo a portata di mano. E nel frattempo la vita scorre veloce.
Per paura di sgualcire quel barlume di felicità pronto da indossare, preferiamo lasciarlo in un angolino, tutto bello, pulito e stirato. Ma a che serve se non viene mai usato?
Prima o poi arriverà il momento giusto, pensiamo – e speriamo – e intanto tramutiamo le attese in barattoli a lunga conservazione, come quelli di cui facciamo scorta per le emergenze. Ma un disegno colorato, un caldo abbraccio, un attimo spensierato con qualcuno a cui vogliamo bene non sono beni a lunga scadenza. Sono gioie da vivere qui ed ora, perché è il solo modo che abbiamo, affinché il presente s’imprima nella tela del nostro vissuto e dipinga il capolavoro che siamo.

Chiara Liberti
L'autore: Chiara Liberti

Vicentina, classe 1979, piedi ben piantati per terra e testa sempre tra le nuvole. È una razionale sognatrice, una inguaribile ottimista ed una spietata realista.
Leggi tutto...


Per vedere i pulsanti di condivisione per i social (Facebook, Twitter ecc.), accetta i c o o k i e di "terze parti" relativi a mappe, video e plugin social (se prima di accettare vuoi saperne di più sui c o o k i e di questo sito, leggi l'informativa estesa).
Accetta c o o k i e di "terze parti"

N.B. - I commenti potrebbero tardare alcuni secondi prima di apparire.

Solo gli utenti registrati possono inserire commenti!