0 1 1 1 1 1
La follia e il sogno di frate Francesco d'Assisi: santo per incuriosire alla santità. Santo perchè braccato e perseguitato dalla grazia graziosa dell'Eterno. Scrive don Dante Clauser, prete di strada: "Quando tutto gli va bene, quando ha tranquillità economica, prestigio sociale, l’uomo è sicuro di se stesso, si sente al centro del mondo, si sente un Dio, anche se continua ad adorare il Dio dei cieli che – secondo la sua povera testolina – gli ha concesso soldi e onore perché se li è meritati con la sua onestà e le sue opere buone. E allora Dio gli fa la più grande grazia: gli da un gran calcione nel culo che lo manda con il muso nella polvere. Dà una scossa all’edificio di sabbia, di presunzione, di illusione che quell’uomo si è costruito. Nel cadere, quell’edificio fa un gran polverone. Quell’uomo non vede, non capisce niente. Ma poi, un po’ alla volta, il polverone si dirada, e l’uomo comincia a capire, a vedere la realtà della vita, a respirare un’aria nuova di libertà.
Nasce una nuova mentalità! E’ cominciata a crescere, non è cresciuta: è un germoglio, non è una pianta. E’ una gemma che comincia a schiudersi, non è un frutto. E’ qualcosa che matura dentro, e che fuori non si vede".
Tutti i santi sono un po’ matti, anche se non è vero che tutti i matti sono santi. Del resto si narra che in un colloquio Cristo, comparendo a Frate Francesco, gli disse: “Ma tu sei matto, Francesco!”. “Non quante Te, Signore” rispose Francesco.
In quella notte di Spoleto erano saltati in aria tutti i legami. Francesco aveva avuto il dono più grande che possa ricevere un uomo: la libertà interiore. Dal suo vocabolario era stata cancellata la parola pura. Nulla gli importava di quello che gli altri potessero pensare o dire di lui: è questo il segno della maturità di un uomo.
Buona domenica: che Dio ci metta con la faccia a terra. Per procurarci nostalgia delle stelle.

don Marco Pozza

*Oggi l'appuntamento è nella sezione Pensiero creativo con l'articolo "La sindrome di Gabriel Garko"
don Marco Pozza
L'autore: don Marco Pozza

Marco Pozza (1979), parroco della parrocchia del carcere Due Palazzi di Padova, è uno «straccio di prete al quale Dio s'intestardisce ad accreditare simpatia, usando misericordia», come ama dire di se stesso.
Leggi tutto...


Per vedere i pulsanti di condivisione per i social (Facebook, Twitter ecc.), accetta i c o o k i e di "terze parti" relativi a mappe, video e plugin social (se prima di accettare vuoi saperne di più sui c o o k i e di questo sito, leggi l'informativa estesa).
Accetta c o o k i e di "terze parti"

Commenti   

Maddalena
#1 PREGHIERA DI MADELEINE DELBRELMaddalena 2009-10-04 01:47
O Signore,
che continuamente c'incitasti
a star svegli
a scrutare l'aurora
a tenere i calzari
e le pantofole,
fa' che non ci appisoliamo
sulle nostre poltrone
nei nostri anfratti
nelle culle in cui ci dondola
questo mondo di pezza,
ma siamo sempre attenti a percepire
il mormorio della tua Voce,
che continuamente passa
tra le fronde della vita
a portare frescura e novità.
Fa' che la nostra sonnolenza
non divenga giaciglio di morte
e - caso mai - dacci Tu un calcio
per star desti
e ripartire sempre!

N.B. - I commenti potrebbero tardare alcuni secondi prima di apparire.

Solo gli utenti registrati possono inserire commenti!