0 1 1 1 1 1

giotto esequie francesco 1 1325arte1280

San Francesco, patrono d’Italia, di cui, il 4 ottobre, festeggiamo solennemente il transito al Padre Celeste, è tra i santi più noti, oltre che tra i più venerati in tutto il mondo.
Ve n’è senz’altro motivo. L’importanza della sua figura trascende il ricordo del suo ordine religioso e persino quello ecclesiastico. In un tempo difficile per la Chiesa, la sua inquietudine è diventata la ricerca di molti, la sua fede ha aperto nuove possibilità a tutti i fedeli.
Figlio di un ricco mercante di stoffe, con l’ambizione di diventare un cavaliere, nonostante il proprio corpo fragile e minuto, partecipa, nel 1202, alla guerra tra Assisi e Perugia, rimanendone catturato. Dopo aver assaporato l’asprezza della prigionia, per un anno, le ricchezze del padre sono la sua salvezza: riescono a riscattarlo. Torna ad Assisi, non solo vinto, ma fiaccato nel corpo e nello spirito. parte nuovamente, al seguito di Gualtiero de Brienne, per muovere guerra in Puglia. 45 km dopo la partenza, nei pressi di Spoleto, la febbre lo assale e lo costringe a fermarsi. In sogno, una voce lo interpella: «Vuoi servire il servo o il padrone». Francesco è ambizioso: non ha dubbi nel rispondere. La stessa voce gli intima di tornare.
Dopo aver prima finanziato (vendendo a Foligno delle stoffe del padre, oltre al proprio cavallo) ed in seguito lavorato in prima persona per i restauri di san Damiano, è portato dal padre a giudizio dal vescovo (aveva venduto i beni del padre, senza il consenso di quest’ultimo). È in quest’occasione che avviene uno degli aneddoti più famosi: tolto ogni avere paterno, compresi gli abiti, completamente nudo, riconosce in Dio la paternità più rilevante della propria vita, in cui vivere il proprio essere figlio.
Rinunciato al padre terreno, il Serafico padre Francesco si ritrovò, quasi suo malgrado, guida a molte anime, che si unirono a lui, dando vita, prima all’ordine dei Frati minori, in seguito a quello delle Clarisse, animato dalla vita contemplativa di S. Chiara.
Nel 1209, la regola ricevette l’approvazione papale ed i frati continuarono la loro vita, nella semplicità, nella povertà, nel lavoro, nella preghiera e nella predicazione.
Di Francesco, in particolare, è nota l’austerità, come testimoniano diversi passi delle fonti Francescane, causata dall’occupazione di avere non solo i pensieri e l’animo, ma tutto il proprio essere integralmente rivolto verso l’Unico che davvero conti:

Ovunque fosse ospitato di notte, non voleva materassi o coperte sul suo giaciglio, ma la nuda terra raccoglieva il suo nudo corpo avvolto solo nella tonaca. Quando poi concedeva un po' di riposo al suo corpo fragile spesso stava seduto e non disteso, servendosi per guanciale di un legno o di una pietra. E quando lo prendeva desiderio di mangiare qualche cosa, come suole accadere a tutti, a stento si concedeva poi di mangiarla (FF 412).

Era libero da ogni sollecitudine per il corpo, trattandolo come un vaso derelitto ed esponendolo alle ingiurie sempre preoccupato di non lasciarsi vincere dal desiderio di alcuna cosa materiale per amore di lui (FF 414)

Tuttavia, è giusto e bello notare come, sul finire della propria esistenza, con l’umiltà che aveva imparato a far propria, in seguito al consiglio con un confratello,  il serafico padre abbia modo di rivedere, alla luce della proprio esistenza, di aver ecceduto nel disprezzo verso di lui, mostrandosi ingrato verso chi si è mostrato “amico fedele”

Un giorno dovendo lenire, sia pure contro volontà, le sofferenze del corpo con vari medicinali, perché i dolori erano superiori alle sue forze, si rivolse con fiducia ad un frate, perché sapeva che gli avrebbe dato un consiglio saggio.
«Cosa ne pensi, figlio carissimo, del fatto che la mia coscienza mi rimprovera spesso della cura che ho per il corpo? Forse teme che io gli sia troppo indulgente perché è ammalato, e cerchi di soccorrerlo con medicamenti rari. Non già che il corpo provi diletto in qualche cosa, perché rovinato com'è da lunga malattia ha perduto ogni gusto».
Il figlio rispose al Padre con grande accortezza, conoscendo che il Signore gli suggeriva le parole: «Dimmi, Padre, se credi: non è stato pronto il tuo corpo ad obbedire ai tuoi ordini?».
«Gli rendo testimonianza, figlio, che fu obbediente in tutto, in nulla si è risparmiato, ma si precipitava quasi di corsa ad ogni comando. Non ha sfuggito nessuna fatica, non ha rifiutato nessun sacrificio, purché gli fosse possibile obbedire. In questo, io e lui, siamo stati perfettamente d'accordo, di servire senza riserva alcuna Cristo Signore».
E il frate: «Dov'è dunque, Padre, la tua generosità, dov'è la pietà e la tua somma discrezione? È questa la riconoscenza che si dimostra agli amici fedeli, ricevere da loro un beneficio e non ricambiarlo nel tempo della necessità? Quale servizio a Cristo tuo Signore hai potuto fare sino ad ora senza l'aiuto del corpo? Come tu stesso dici, non ha affrontato per questo ogni pericolo?».
«Sì, lo ammetto, figlio - rispose il Padre -. È verissimo!».
«E allora - proseguì il frate - è ragionevole che tu venga meno in così grande necessità ad un amico tanto fedele, che per te ha esposto se stesso e tutti i suoi beni sino alla morte? Lungi da te, Padre, aiuto e sostegno degli afflitti, lungi da te questo peccato contro il Signore!».
«Benedetto anche tu, figlio mio--concluse il Santo—perché sei venuto incontro ai miei dubbi con rimedi così saggi e salutari!».
E rivolgendosi al corpo, cominciò a dirgli tutto lieto: «Rallegrati, frate corpo, e perdonami: ecco, ora sono pronto a soddisfare i tuoi desideri, mi accingo volentieri a dare ascolto ai tuoi lamenti!».
Ma cosa avrebbe potuto recare conforto a quel povero corpo quasi estinto? Cosa offrirgli a sostegno, essendo in ogni sua parte in rovina? Francesco era già morto a questo mondo, ma Cristo viveva in lui. Le delizie del mondo erano per lui una croce, perché portava radicata nel cuore la Croce di Cristo. E appunto per questo le stimmate rifulgevano all'esterno nella carne, perché dentro la sua radice gli si allungava profondissima nell'animo. (FF 800)


Fonte:  ilpoverellodassisi

Fonte immagini: ilsussidiario

Maddalena Negri
L'autore: Maddalena Negri

Classe 1986, orgogliosamente nata sotto il sole del 13 agosto. Ama scrivere e vi si cimenta, con alterna fortuna, dall’età di otto anni. Privilegia, inizialmente, racconti e scopre la poesia solo più tardi, a 14 anni.
Leggi tutto...


Per vedere i pulsanti di condivisione per i social (Facebook, Twitter ecc.), accetta i c o o k i e di "terze parti" relativi a mappe, video e plugin social (se prima di accettare vuoi saperne di più sui c o o k i e di questo sito, leggi l'informativa estesa).
Accetta c o o k i e di "terze parti"

Commenti   

Simo22ts
#1 Il corpo di FrancescoSimo22ts 2020-10-05 17:41
Ammiro sinceramente la grande determinazione del Santo di Assisi che, dal momento della sua conversione, non si e' piu' sottratto a nulla per amore del Signore tanto che nel 2020 ancora e' il Santo per eccellenza di devozione, pero' mi chiedo spesso...questo trascurare il proprio corpo, sottoporlo a lunghi digiuni e penitenze, esporlo al freddo, intemperie e altre sottomissioni corporali, non sia una mancanza di rispetto verso il dono che Dio ci ha fatto della nostra vita. E' giusto trascurare la propria salute del corpo anche se l'Anima e lo Spirito sono totalmente rivolti a Dio? Vorra' questo da noi il Signore Dio nostro o esageriamo nella nostra interpretazione di amare Dio?
Se potete, rispondetemi....chiaritemi questo dubbio...Vi prego!!!
Maddalena
#2 RE: Il corpo di FrancescoMaddalena 2020-10-21 11:18
Citazione Simo22ts:
Ammiro sinceramente la grande determinazione del Santo di Assisi che, dal momento della sua conversione, non si e' piu' sottratto a nulla per amore del Signore tanto che nel 2020 ancora e' il Santo per eccellenza di devozione, pero' mi chiedo spesso...questo trascurare il proprio corpo, sottoporlo a lunghi digiuni e penitenze, esporlo al freddo, intemperie e altre sottomissioni corporali, non sia una mancanza di rispetto verso il dono che Dio ci ha fatto della nostra vita. E' giusto trascurare la propria salute del corpo anche se l'Anima e lo Spirito sono totalmente rivolti a Dio? Vorra' questo da noi il Signore Dio nostro o esageriamo nella nostra interpretazione di amare Dio?
Se potete, rispondetemi....chiaritemi questo dubbio...Vi prego!!!

Credo che risponda il Santo stesso. Sul finire della propria vita, stanco e malato, in parte anche per gli "strapazzi" cui ha sottoposto "frate corpo", chiede consiglio ad un confratello, il quale, con amorevole umiltà, lo porta a ragionare e, sottolineando quanto il corpo gli sia stato utile nella predicazione, evidenzia che sia del giusto nel dimostrare gratitudine, prendendosene cura, quando ne abbia bisogno. Le fonti però annotano, quasi con un pizzico d'ironia: "Ma cosa avrebbe potuto recare conforto a quel povero corpo quasi estinto?", quasi a dire che, quando a Francesco vennero gli scrupoli era ormai troppo tardi. Tuttavia, diede ragione al confratello interrogato, con entusiasmo: ««Benedetto anche tu, figlio mio, perché sei venuto incontro ai miei dubbi con rimedi così saggi e salutari!» e, subito, si rivolse al fratello che, per così tanti anni, aveva ingiustamente trascurato: «Rallegrati, frate corpo, e perdonami: ecco, ora sono pronto a soddisfare i tuoi desideri, mi accingo volentieri a dare ascolto ai tuoi lamenti!».
Nell'ammirare l'umiltà di frate Francesco, che accoglie il consiglio di un confratello (testimonianza della ricchezza che porta la fratellanza in Cristo), ci rendiamo anche conto che lui "rivede" un po' tutta la propria visione. Rinunce e mortificazioni non erano rivolte contro il corpo, ma contro lussuria, egoismo, avarizia, gola. Di fatto, però, hanno penalizzato quel corpo che si era dimostrato "servitore fedele", nella sua predicazione e nella sua "seconda vita". Tanto è vero, che oggi, i discendenti, sottolineano, con grande correttezza e umiltà, questo passaggio, poco noto e per di più isolato, cosicché le persone non siano indotte a comportamenti avversi a sé. Dio ama ogni propria creatura. E, in quanto Sua creatura amata, di più: persona per cui il Figlio ha versato il proprio sangue, io sono tenuta ad amare non "soprattutto", ma, sicuramente, "anche" me stessa. «Ama il Signore Dio con tutto il cuore, con tutta la mente, con tutta l'anima» ma «ama il prossimo tuo COME te stesso». Come potrei amare l'altro COME me stesso, se io non amo me?

N.B. - I commenti potrebbero tardare alcuni secondi prima di apparire.

Solo gli utenti registrati possono inserire commenti!