5 1 1 1 1 1

pexels photo 396947

Mio nipote di tre anni ha sviluppato una parlantina che, dopo averci passato una giornata assieme, vorresti digiunare da ogni sorta di parola. Un fiume in piena, divertente, esilarante e decisamente creativo. Nel suo estro narrativo, ha coniato un vocabolo che ormai è diventato di dominio pubblico in famiglia: rimastare. Un bel mix tra stare e rimanere.
Da 27 anni, ogni estate, ho avuto l’immensa fortuna di vivere campiscuola, campiscout, centri estivi. Settimane e settimane di esperienze educative con bambini, ragazzi, giovani, animatori, educatori, servizio e lavoro. Praticamente da sempre, non conosco “vuoto” nei mesi estivi, anzi: sono sempre stati il tempo per fare uscire altri lati di me, più leggeri, creativi, animativi ma anche riflessivi. Una gioia grande per me!
Giugno, luglio, agosto: tre mesi per lasciare spazio a un tempo scandito in modo diverso, grandi occasioni per crescere e per fare esperienze che segnano nel profondo. Le notti in tenda, le chiacchierate davanti al fuoco sotto un cielo stellato, i cammini, la chitarra, i canti, le catechesi e i balli di gruppo, laboratori manuali e cucine costruite con ciò che la natura offre. L’estate è anche questo: tempo per vivere esperienze che sotterrano semi, spazio del cuore per fare un passo oltre e per vivere le relazioni in modo più dilatato. È quel tempo che va colto, che può essere riempito con ciò che riteniamo prezioso, che possiamo decidere se subire o se vivere in modo bello e vitale.
Quest’estate, per la prima volta dopo tutti questi anni, invece, sono chiamata a “rimastare”. Rimanere fedele al mio presente e a ciò che la realtà mi sta chiedendo. Dovrò lasciare andare momentaneamente tutto quello che è sempre stato per fare qualcosa di nuovo: rimastare, appunto.
Ferma, non impantanata, ma semplicemente seduta a fare altro, in modo silenzioso e costante, con il cuore pronto, però, ad accogliere ciò che arriverà. Per chi come me ha sempre vissuto estati piene, intense, ricche, non è così immediato il passaggio di re-stare. Però, è una sfida tanto bella. Fare ciò che è necessario, ora, grati per tutto ciò che è stato, e con lo sguardo sul futuro. Il rischio potrebbe essere quello di sentirsi sopraffatti dal vuoto, dal calendario senza impegni già prestabiliti. E se invece fosse l’occasione per vedere cosa succede ad avere l’agenda libera, non vuota? A scoprire cosa accade a lasciarsi stupire dalla vita?

Ogni fase dell’esistenza porta con sé la sua sfida. Il Qoelet dice che “c’è un tempo per ogni cosa”. E tu come vivrai il tempo di questa estate 2020?

 

Fonte immagine: Pexels

Laura Giulian
L'autore: Laura Giulian

Classe ‘85, un’ottima annata! Professoressa precaria per sogno nel cassetto, passione, vocazione. Affascinata dal mondo dell’educazione e dai suoi protagonisti.
Leggi tutto...


Per vedere i pulsanti di condivisione per i social (Facebook, Twitter ecc.), accetta i c o o k i e di "terze parti" relativi a mappe, video e plugin social (se prima di accettare vuoi saperne di più sui c o o k i e di questo sito, leggi l'informativa estesa).
Accetta c o o k i e di "terze parti"

N.B. - I commenti potrebbero tardare alcuni secondi prima di apparire.

Solo gli utenti registrati possono inserire commenti!