0 1 1 1 1 1

chess game 1903932 960 720

Sul campo aperto infuria la battaglia. Fanti e cavalieri si combattono senza esclusione di colpi, mentre il re, pavido, si arrocca per cercare di non soccombere. Per la sua salvezza c’è chi non esita a compiere il sacrificio supremo, cade nella mischia ma il suo sovrano è salvo, ben protetto da qualche parte. La regina interviene a dare man forte, non ci sarà esitazione nemmeno per lei, se con la sua resa la corona avrà modo di salvarsi la vita. Una lotta senza esclusione di colpi fino al momento fatidico in cui il re, messo alle strette, sarà ridotto spalle al muro, senza nessuna via di fuga e senza possibilità di sottrarsi alla cattura.
Scacco matto.
Più che un gioco, gli scacchi sono la riproduzione in miniatura di uno scontro militare, ma rispecchiano anche la concezione antica secondo cui in guerra il re andava difeso a tutti i costi, a scapito dei suoi sottoposti. Caduto lui, caduto anche tutto il popolo. Per questo il sacrificio dei pezzi, dal piccolo pedone alla fiera torre, fino alla regina, è quasi sempre una mossa del tutto necessaria se si vuole risultare vincitori della partita.
“Tutti per uno!”, potrebbero gridare fieramente i pezzi della scacchiera, prendendo in prestito il celebre motto che ci ha regalato Dumas padre ne I Tre Moschettieri. Tutti per il loro re, incuranti del fatto ch’egli non si preoccupi troppo della loro sorte, perché quel che gli sta a cuore è solo aver salva la pelle, non importa quale sia stato il sacrificio necessario.
Da almeno duemila anni abbiamo un re che invece si diverte a far fare le capriole alla logica umana. La rovescia con l’abilità di un prestigiatore che lascia a bocca aperta il suo pubblico.
“Uno per tutti!”, annuncia lui e al diavolo – letteralmente – ogni egoistico buonsenso.
Dal legno della mangiatoia a quello della croce, il suo motto è un abbraccio che colma ogni distanza che separa terra e cielo. Non fugge, il re. Si lascia catturare, legare, condannare senza giustizia. Non domanda nulla, e cosa potrebbe chiedere, d’altronde, colui che vive d’eterno e che non ha bisogno di niente? E’ venuto lui, anzi, per donarsi al mondo. I suoi sudditi non sono pezzi anonimi da sacrificare, ma persone – il tuo nome, il tuo sorriso, la tua voce – da salvare ad ogni costo. Al prezzo più caro: quello della propria vita. Altro che arrocco per difendersi più a lungo possibile, mentre poco lontano infuria la battaglia. Cristo re scende in campo in prima persona. Armato solo di un amore senza confini e di una croce, combatte al nostro posto, ci riacquista e ci riscatta, regalandoci la libertà di figli da sempre amati.

“Questo sarà il diritto del re che regnerà su di voi: prenderà i vostri figli per destinarli ai suoi carri e ai suoi cavalli, […] li costringerà ad arare i suoi campi, mietere le sue messi. […] Prenderà anche le vostre figlie per farle sue profumiere e cuoche e fornaie. Prenderà pure i vostri campi, le vostre vigne, i vostri oliveti più belli e li darà ai suoi ministri. Sulle vostre sementi e sulle vostre vigne prenderà le decime e le darà ai suoi cortigiani e ai suoi ministri. […] Metterà la decima sulle vostre greggi e voi stessi diventerete suoi servi.” (1Samuele 8,11-18)

Prende e chiede, questo re scelto dagli uomini, come se le altrui esistenze gli spettassero di diritto. Come se i suoi sudditi fossero gradini per salire verso il suo trono.
Prende e chiede, Cristo re. Prende su di sé ogni nostro dolore, chiede qual è la misura dell’amore che guida i nostri passi e le nostre azioni. Le esistenze altrui gli spettano di diritto, non per comandarle a piacere ma per amarle: siamo vite da abbracciare con divina misericordia. Da qui all'eternità.

Fonte immagine: Pixabay

Chiara Liberti
L'autore: Chiara Liberti

Vicentina, classe 1979, piedi ben piantati per terra e testa sempre tra le nuvole. È una razionale sognatrice, una inguaribile ottimista ed una spietata realista.
Leggi tutto...


Per vedere i pulsanti di condivisione per i social (Facebook, Twitter ecc.), accetta i c o o k i e di "terze parti" relativi a mappe, video e plugin social (se prima di accettare vuoi saperne di più sui c o o k i e di questo sito, leggi l'informativa estesa).
Accetta c o o k i e di "terze parti"

N.B. - I commenti potrebbero tardare alcuni secondi prima di apparire.

Solo gli utenti registrati possono inserire commenti!