5 1 1 1 1 1
0 1 1 1 1 1

Sentinelle del Mattino b 800px b788px

Altari come punti cardinali

Non si può toccare l’alba, se non si sono percorsi i sentieri della notte” (K. Gibran)

Alcuni esperti che si occupano di psicologia e di adolescenza, sostengono che i teenagers in età evolutiva hanno bisogno di esperienze con un alto livello di eccitazione o di emozioni forti, esperienze che diano forti gratificazioni: sport agonistico, esperienze aggregative. I grandi assenti di quest’ultimo anno. È vero, tutto questo bisogno intrinseco probabilmente è stato riversato nel virtuale nei modi più o meno costruttivi, ma, con forza e stupore, la totalità dei ragazzi che si è lasciata coinvolgere in questa rubrica, ha saputo riconoscere e nominare anche tutto ciò che di positivo si è fatto strada in questi mesi. Qualcuno, invece, ha scelto di non fermarsi a compiere questa operazione delicata e salvifica. Quando vedi il Bene, non puoi più dire di non averlo riconosciuto, e questo a volte spaventa.
Hanno perso molto: le forti emozioni non hanno trovato molto spazio, la sfida è stata ed è durissima, ma hanno avuto il coraggio di riconoscere anche ciò che, in modo silenzioso, è cresciuto in loro e attorno a loro. Piccoli semi sparsi qui e là. L’hanno descritto come un anno di crescita e di “voglie”, è da questa nostalgia che vengono a galla i desideri più profondi e si rivelano importanti anche le cose più semplici o date per scontate. Sono piccoli mattoni, tesori preziosi, fondanti e fondamentali; non sono stati imposti dall’alto o dall’esterno, ma sono maturati intrinsecamente. È stato possibile riconoscerli e, quindi, sceglierli. Conquiste che nessuno potrà più sottrarre.
C’è chi è riuscito a ritagliarsi preziosi spazi di silenzio per pensare a cosa gli importasse veramente, al proprio futuro, alle relazioni che stava vivendo e a come gestirle. Molti si sono scontrati proprio con la fallacia delle proprie relazioni, scoprendo a caro prezzo quali siano gli ingredienti immancabili o il modo per renderle di qualità. È stato come passare tutto al setaccio: se stessi e gli altri, ma scoprendo un po' di più la perla preziosa nascosta dentro ciascuno. La perla rimane tale, ma se resta nascosta sotto alla sabbia, è uno spreco di bellezza per tutti.
Molti di loro hanno conosciuto l’amore, sembra un paradosso, eppure è accaduto. Da subito, hanno messo alla prova questi legami, la distanza del lockdown non ha aiutato il loro reciproco bisogno di vicinanza, ma è stato occasione per conoscersi più in profondità, per stupire e stupirsi, per scoprirsi compagni di viaggio, sostenitori uno dell'altro.
Hanno riscoperto la bellezza degli affetti familiari, campo di battaglia e porto sicuro. Riconoscono che davvero nulla può esser dato per scontato.

Per vedere i pulsanti di condivisione per i social (Facebook, Twitter ecc.), accetta i c o o k i e di "terze parti" relativi a mappe, video e plugin social (se prima di accettare vuoi saperne di più sui c o o k i e di questo sito, leggi l'informativa estesa).
Accetta c o o k i e di "terze parti"

0 1 1 1 1 1

 1101978169 univ lsr xl

L’episodio della resurrezione di Eutico, che leggiamo dagli Atti degli Apostoli (At 20, 7-12) ha la capacità di congiungere la quotidianità con la straordinarietà.
Ci racconta, infatti, di una sosta di Paolo presso una comunità (durante uno dei suoi numerosi viaggi apostolici), nella quale si ferma a “spezzare il pane” e “conversare”. Forse, con le nostre abitudini odierne, siamo più propensi a pensare ad una catechesi. In realtà, molto probabilmente, era un antenato delle nostre celebrazioni eucaristiche e in quelle due azioni possiamo facilmente riconoscere le due parti principali della “liturgia della Parola”, con annessa spiegazione, e della “liturgia eucaristica”. 
Gli Atti ci informano che la riunione si svolge al piano superiore. Anche l’ultima cena ebbe luogo al piano superiore. Questo ci fa pensare che, in Medio Oriente sia abbastanza frequente che, in una casa, la sala di dimensioni maggiori, in grado quindi di contenere molte persone, si trovi ai piani superiori.
Il giovane Eutico si trova nei pressi di una finestra del terzo piano. Siccome non c’erano né la legge 626, né le norme anti-Covid attualmente in vigore, dovremmo fermarci un attimo, prima di giudicare, in modo affrettato, come spericolato e poco assennato il ragazzo. Come detto in precedenza, evidentemente, in quella sala erano riunite molte persone. Ciononostante, a quanto pare, la sala doveva essere al colmo della capienza ed Eutico (e, probabilmente, non solo lui, ma anche altri ragazzi della sua età) si erano infilati nei posti rimasti disponibili, che, probabilmente sarebbero stati inaccessibili per i più anziani o per chi, comunque non aveva perfetta autonomia motoria. Quindi, vista anche l’attenzione degli uni per gli altri che Luca ha sempre sottolineato nelle comunità cristiane (al contrario di quanto, invece ci attesta Paolo, in alcune lettere infuocate, come ad esempio in 1Cor 11, 21-22), viene da pensare, che la posizione in cui troviamo Eutico era anzitutto una gentilezza, che gli consentiva di ascoltare, senza, per questo, sottrarre posto a chi era meno atletico di lui.
Ciò a cui, però, il ragazzo non aveva pensato era la lunghezza della predica di Paolo. Preso dal sonno, il ragazzo cade a terra e muore. Paolo, però, raccoltolo in un abbraccio, lo restituisce alla comunità, vivo. Non pago dello spavento procurato, Paolo, però, non aveva imparato la lezione e prosegue, imperterrito, nella lunga predica.

Per vedere i pulsanti di condivisione per i social (Facebook, Twitter ecc.), accetta i c o o k i e di "terze parti" relativi a mappe, video e plugin social (se prima di accettare vuoi saperne di più sui c o o k i e di questo sito, leggi l'informativa estesa).
Accetta c o o k i e di "terze parti"

5 1 1 1 1 1

Sentinelle del Mattino b 800px b788px

3. Chiamato a guardare in alto

Questo viaggio, che stiamo percorrendo, ricorda, come un parente “alla lontana”, le tre cantiche del Sommo Poeta. Abbiamo attraversato, coi nostri ragazzi, l’Inferno, l’abisso che spaventa e che, senza una guida affianco, atterra, intrappola e non permette di proseguire oltre. Il Purgatorio è un po’ la seconda tappa di questo viaggio e la parola che più lo rappresenta è: pazienza. È conoscere un nuovo modo di contare il tempo, ma è anche il tempo in cui Dio attende la nostra libertà. È proprio nel tempo che cresce e si manifesta una personalità nuova in noi. È il lavoro ciclico e salvifico di chi cade, si rialza, scopre, capisce, sceglie, sbaglia ancora. Al momento opportuno, però, spiccherà il volo.
L’abilità del paziente è riconoscere quello che c’è. Nella vita, non si viaggia da ciò che è male a ciò che è bene; grano e zizzania crescono sempre insieme. La grande sfida è sfoltire il male e coltivare solo il Bene, solo così l’Inferno è ri-attraversabile perché si è consapevoli della prospettiva di bene già intravista. La sentinella del mattino vive riconoscendo il Bene che c’è nell’intreccio tra luce e tenebra.
La prima cosa che Dante nota appena uscito dall’Inferno è la luce, il cielo, “tosto ch’io uscì fuor de l’aura morta”. Anche i nostri ragazzi hanno raccontato di come di fronte al buio hanno sentito il bisogno di alzare lo sguardo, “Chiamato a guardare in alto” (Os 11,7). Si sono commossi e meravigliati di fronte alla bellezza del reale. Quando alzo lo sguardo scopro di essere, di esistere.

Quest’anno mi ha insegnato molte cose. Mi ha insegnato che non sono una persona sedentaria, non sono fatta per stare chiusa in casa tutto il giorno, tutti i giorni, ma ho un bisogno quasi patologico di uscire, di vedere il cielo, di vedere le strade che ormai conosco come le mie tasche, per provare un minimo di quella vita che si è spenta completamente nei mesi che mi hanno costretta a casa. Il cielo. Credo sia la cosa che mi è mancata di più. Nell’ultimo periodo ho iniziato a camminare guardando in alto, i cambiamenti che lentamente avvengono sopra di noi. Ho iniziato a respirare a pieni polmoni pedalando in bicicletta al tramonto, quando il cielo si tinge di rosa e tutto sta per cambiare. Guardare in alto è sopravvalutato ormai, tutti abbiamo fretta di andare da qualche parte e il tragitto ci sembra solo una perdita di tempo che ci farà arrivare in ritardo. Eppure, fa bene al cuore prendersi ogni tanto qualche istante per guardarsi intorno, per alzare lo sguardo e vedere quel particolare di un edificio che sempre avevamo avuto davanti e che mai abbiamo avuto il tempo di osservare. Soffermarsi sulle piccole cose fa bene. Fa bene prendersi una pausa dalla frenesia e fermarsi nel caos che ci circonda, estraniarsi dal mondo, riuscire finalmente a sentirsi di nuovo noi stessi.”

Si sono accorti, come in quel in principio, che la vita è buona, “e vide che era cosa buona”. Questo esercizio non solo fa alzare lo sguardo, ma riapre gli occhi, fa ri-partire ogni giorno con una buona notizia. È alzarsi e tenere lo sguardo fisso su Venere, la stella del mattino. È la promessa che in mezzo alle ombre c’è e ci sarà sempre anche la luce, ogni mattino, in ogni inizio. Davanti a questo spettacolo può cominciare una vita nuova, “a li occhi miei ricominciò diletto”.

Allora, pur in mezzo alle rovine delle nostre città, delle nostre giornate bombardate, delle nostre routine mandate all’aria, i nostri ragazzi, con speranza e coraggio, si sono chiesti: come si riparte? Attorno a cosa ricostruire? Solo attorno all’essenziale si può edificare la novità e l’essenziale sono e restano le relazioni. All’unanimità hanno riconosciuto queste come il cuore pulsante. Con questo sguardo più attento sulla realtà che li circonda, desiderano ripartire da se stessi e dalle loro amicizie. “Quest’anno mi ha insegnato che le persone vere, quelle su cui puoi contare ciecamente, non sono quelle che vedi ogni giorno o che senti in continuazione, ma sono quelle che, nonostante la distanza e l’assenza, sono in grado di riprendere dove si era interrotto tutto e di esserci quando hai bisogno, sempre”. Desiderano ritornare a fare aperitivo non per lo spritz in sé, ma per il gusto di poterlo condividere con qualcuno in carne ed ossa. Lo desiderano quanto lo temono. C’è sempre la tenebra mescolata alla luce, dopo tanto buio la luce fa male agli occhi. Desiderano esserci per cambiare, non solo per esserci solamente. Non sanno bene come dare corpo a questo slancio; lo intuiscono, lo dicono, ma non sanno come agirlo, ne hanno quasi paura. Desiderano provare a combattere lo scoraggiamento iniziando col riconoscere la bellezza che cresce. È una lotta dura; la propria stanza, il divano, il letto, spesso prendono il sopravvento e inghiottono ogni guizzo di vita. La depressione, la rassegnazione, lo scoraggiamento sono demoni potenti con cui stanno facendo i conti. Riconoscere la bellezza è già il primo atto di coraggio, il primo passo per ritornare ad uscire di casa a testa alta, da viventi.

“Se c'è una cosa che ho imparato da questa "esperienza" e che sto tutt'ora imparando è non dare nulla per scontato: godermi ogni giorno e trovare qualcosa di positivo in ogni giornata, anche perché penso sia l'unico modo per non mollare.”


Introduzione: Adolescenti in DAD: quando uno schermo non basta #IN-ASCOLTO

 

Sezione "VOCE DI UNO CHE GRIDA NEL DESERTO":
1. POSSO URLARE? #IN-ASCOLTO 1
2. EMPATIA, DOVE SEI? #IN-ASCOLTO 2

Per vedere i pulsanti di condivisione per i social (Facebook, Twitter ecc.), accetta i c o o k i e di "terze parti" relativi a mappe, video e plugin social (se prima di accettare vuoi saperne di più sui c o o k i e di questo sito, leggi l'informativa estesa).
Accetta c o o k i e di "terze parti"