5 1 1 1 1 1
5 1 1 1 1 1

1584634479 5e739a6ec5ce0

«Ma Aronne e tutti gli Israeliti, vedendo che la pelle del suo viso era raggiante, ebbero timore di avvicinarsi a lui» (Es 34,30): incontrare Dio, se l’incontro è reale, cambia qualcosa in noi. In Mosé, cambiava persino il colore del volto, che diventava splendente. Tuttavia, la fragilità umana pone una fine a questo cambiamento: com’è vero per i nostri propositi, sempre splendidi non appena siamo di fronte a Dio, oppure di fronte a un pericolo, ma, ben presto tiepidi ed inconcludenti una volta usciti di chiesa, oppure una volta che il pericolo che ci tiene soggiogati alla paura è terminato.

«Il Signore è lo Spirito e, dove c’è lo Spirito del Signore, c’è libertà. E noi tutti, a viso scoperto, riflettendo come in uno specchio la gloria del Signore, veniamo trasformati in quella medesima immagine, di gloria in gloria, secondo l’azione dello Spirito del Signore» (2Cor 3,14-18).

In Gesù, ci è promessa una libertà che ci rende partecipi della gloria dello Spirito, che è eterno. Una libertà che va oltre ogni costrizione, ogni limite, ogni dolore, ogni sofferenza. Quando ci scopriamo figli, amati da Dio, per come siamo, comprendiamo che non c’è bisogno di nascondere la povertà del nostro splendore, ma, piuttosto che, quando la avvertiamo, dobbiamo ad abbeverarci alla Fonte: perché – è Gesù stesso che lo attesta - «senza di Lui non possiamo fare nulla». È solo stringendoci a Lui che la nostra fatica acquista senso e significato e non “brilliamo” più solo per vanagloria, ma per edificazione reciproca, puntando assieme alla santità.

Per vedere i pulsanti di condivisione per i social (Facebook, Twitter ecc.), accetta i c o o k i e di "terze parti" relativi a mappe, video e plugin social (se prima di accettare vuoi saperne di più sui c o o k i e di questo sito, leggi l'informativa estesa).
Accetta c o o k i e di "terze parti"

5 1 1 1 1 1

carnedamacello1
Dopo duemila anni di buona-novella, in piena pandemia, come impiegano il loro tempo certi cristiani? Riaprendo le vecchie macellerie, quelle che Cristo, a più riprese, definì illegali, diaboliche, maledette per l'anima. Tutte supportate da rivelazioni private che, guarda caso, diventano pubbliche a giochi-fatti. “Vedete: la Madonna aveva detto alla Tina che sarebbe successo questo tre mesi fa!” La Tina, però, lo dice adesso, incidendo sulla tastiera le visioni a-domicilio. “Dio mi ha detto di dirti di pregare per placare la sua rabbia” mi ha scritto una signora, a toni forti e convinti: non convincenti. Il Dio cristiano è davvero un macellaio che, mentre il popolo langue, si diverte ad infettare il mondo per vincere la sua solitudine? A che cosa è valsa, dunque, l'avventura di quell'Uomo che, dal silenzio di Nazareth, è partito, con nulla addosso eccetto la sua voglia di Redenzione, per conquistare i cuori? Una pandemia, a sentire loro, è la campanella che Dio suona per dire: “Adesso voi finite, che inizio io a divertirmi!” Scusate, di un Dio così non solo non so che farmene, ma ve lo lascio volentieri: un Dio irrazionale, non sono diabolico. «Io vi dico che se non vi convertirete, perirete tutti allo stesso modo» (cfr Lc 13,1-9). Dunque?
La pornografia del Male tiene in ostaggio il mondo, anche una porzione di mondo "cristiano", in questi giorni pestiferi, pestilenti, pestilenziali. Ha ragione Emile Cioran a scrivere che «all'interno di ogni desiderio lottano un monaco e un macellaio». Leggere questa situazione come castigo di Dio è firmare un'autocertificazione per dichiararsi fuori dalla Grazia di Dio, letteralmente. “E' fuori dalla grazia di Dio!” diciamo di qualcuno che parla a sproposito, con parole a vanvera. E' la Grazia di Dio, infatti, ad offrire parole giuste in tempi apparentemente ingiusti: «Dio si fece carne, e venne ad abitare in mezzo a noi» (Gv 1,14). Può, dunque, il Dio che sposa l'umanità volerla poi distruggere infettandola di male? “La Chiesa dov'è in questi giorni?” grida, a sproposito, qualcuno. Non la vedete? Togliete le eccezioni – c'è sempre qualcuno che scambierà il lutto-cittadino della Via Crucis con un bambinesco “Tana libera tutti!” - e guardate cosa stanno facendo i preti: stanno pregando. “Con tutto quello che c'è da fare, sono barricati in Chiesa!”, dicono in tanti. Sono barricati in Chiesa (non nelle canoniche, ndr) per un semplice motivo: sanno che il Dio cristiano non è un Dio che condivide il dolore e la morte, è un Dio che libera dal dolore e dalla morte. La differenza è un abisso: se lo condividesse e basta, sarebbe un Uomo altruista come tanti. Invece l'Uomo in causa è anche Dio: se non ci liberasse dal dolore e dalla morte, non sarebbe più Dio. In questi giorni vedo mia cognata partire all'alba, rincasare dopo il tramonto: è un medico anestesista, mette a disposizione ingegno, professionalità, cuore-straordinario per operare, curare, guarire la gente. Ha segni sul volto, sguardo sofferto, la preoccupazione di chi staziona alla frontiera. È la cura orizzontale del virus. Quella verticale non la vanifica affatto, la potenzia, completandola: «Ho chiesto al Signore di fermare l'epidemia: “Signore, fermala con la tua mano. Ho pregato per questo» ha confidato Papa Francesco dopo la sua visita a san Marcellino al Corso. “Fermala!” non è affatto dire “Smettila di divertirti!” E' l'opposto, è dire: “Solo tu puoi riscattare il Male, noi possiamo condividerlo tra noi, sostenerci a vicenda, curarci. Ma non basta!” È tantissimo, ma solo Dio, con un intervento potente, può caricarsi di tutto il male e annullarlo. È Dio.
La Chiesa, inserita nel tempo, opera: si adopra, si mette all'opera. Ma non è per questo ch'è nata. E' nata per essere il presidio di Dio quaggiù, il luogo dentro il quale l'uomo possa gridare a Dio: “Intervieni tu, fai presto!” Non è un'accusa blasfema di divertimento, distrazione. È una supplica devotissima: “Da soli, non ce la facciamo!” Non che Dio non se ne accorga, sia chiaro: è che, certe volte, attende d'essere invocato, per non apparire un despota. Non è da Lui mettersi-in-mostra, fare l'invadente: soffre, in attesa d'una chiamata, per riscattare tutto il male. Per riscattare, non per condividere: quello l'ha già fatto per trent'anni e passa. “È un macellaio!” bisbiglia Lucifero. Dice così perché è un animale da macello Lucifero.

(da Il Sussidiario, 20 marzo 2020)

Per vedere i pulsanti di condivisione per i social (Facebook, Twitter ecc.), accetta i c o o k i e di "terze parti" relativi a mappe, video e plugin social (se prima di accettare vuoi saperne di più sui c o o k i e di questo sito, leggi l'informativa estesa).
Accetta c o o k i e di "terze parti"
5 1 1 1 1 1

papa viadelcorso
L'uomo vestito di bianco che cammina sul marciapiede della città, a bordo strada, è solo: tutt'intorno regna il silenzio, il deserto, lo spavento, quasi lo sconforto. Somiglia, quell'uomo, a Cristoforo, il fraticello del Manzoni, narratore di una pestilenza pure lui: «Il padre Cristoforo - siamo nel capitolo VII de I Promessi Sposi - arrivava nell'attitudine d'un buon capitano che, perduta, senza sua colpa, una battaglia importante, afflito ma non scoraggito, sopra pensiero ma non sbalordito, di corsa e non in fuga, si porta dove il bisogno lo chiede, a premunire i luoghi minacciati, a raccoglier le truppe, a dar nuovi ordini». Del numero delle battaglie perse, il Papa ha memoria ancora più ferrea di chi le vorrebbe enumerare tutte, nei minimi particolari: l'importante, però, non è la singola battaglia ma la guerra finale. E' quella che si dovrà vincere. Nella stagione della crisi, che è perpetua, in Italia l'informazione avvisa spesso che “Il premier tal-dei-tali (i nomi cambiano molto velocemente, ndr) è salito al Quirinale per informare il Presidente della Repubblica”. Quanto valgano queste consultazioni politiche, sarà la storia a dircelo: nel frattempo non ci resta che enumerarle. Anche l'uomo vestito di bianco, Papa Francesco, ieri è andato a riferire al suo Dio: “Le consultazioni sono segrete, com'è giusto che sia” è la versione migliore di quanto si sono detti. E' andato da Lui perchè il clima, in paese, è quello dipinto da Geremia-profeta: «Anche il profeta e il sacerdote si aggirano per il paese e non sanno che cosa fare» (Ger 14,7). In tempi d'incertezza, dunque, il da farsi il Papa lo sa: uscir di casa per andarsi a consultare con Lui. Parlargli, ascoltarlo: uscirne più aggraziati.
Nella Chiesa di san Marcellino al Corso, pieno centro di Roma, staziona un crocifisso. Nel 1519, un incendio distrusse quella chiesa: l'indomani, appena giunti sul luogo, trovarono solo cenere: tutto si ridusse a cenere. Si salvò solo la Croce. Cosicchè – quando nel 1522 una pestilenza colpì Roma – la gente ebbe buona memoria; lo portarono in processione fino alla basilica di san Pietro. Ciò che accadde – per fortuna erano secoli bui, ndr – fu che le autorità cercarono di bloccare il corteo, ma non vi riuscirono. La peste cessò. Era da solo anche ieri il Papa: solo, a consultarsi con Lui. Gli arnesi usati, probabilmente, saranno stati quelli consunti, di sempre: la supplica, l'intercessione, la fiducia. Non filastrocche, ma cannonate al Cielo: «O Gesù, che per il tuo ardente amore verso di noi hai voluto essere crocifisso, versare il tuo Sangue per redimere e salvare le anime nostre – recita la supplica al Crocifisso - , guarda me qui prostrato ai tuoi piedi fiducioso della tua misericordia. Per i tuoi dolori e per i meriti della tua santa Croce e morte, degnati concedermi la grazia che ardentemente ti chiedo. Tu, Madre mia, Maria Addolorata, ascolta la mia supplica, intercedi per me presso il tuo divin Figlio, e pregalo perché mi conceda i favori, le grazie che gli domando. (Amen)».
Pietro, il primo nome di ogni Papa, porta la forza del simbolismo cucita addosso: «Dio è il simbolo dei simboli» scrisse Carl Gustav Jung. Le sue gesta, in mezzo ad un frastuono disordinato di voci (anche nella chiesa), sono l'unica voce capace di interloquire. Di parlare al cuore dell'uomo che, a dar retta alle epigrafi serali della Protezione Civile, è ridotto ad essere paziente-1, defunto-2, tampone-3. E' diventato la curva di un grafico, corpo esangue, bara da riempire. «Abbiamo peccato contro di te - segue Geremia - Ma per il tuo nome non abbandonarci, non render spregevole il trono della tua gloria. Ricordati! Non rompere la tua alleanza con noi» (Ger 14,20-21). Papa Pio XII, sotto i bombardamenti, uscì per le strade di Roma a consolare il popolo, spezzando i protocolli, (so)spinto dall'Amore: era il 19 luglio 1943. Rientrò con la veste sporca di sangue, annotò qualcuno. La sua presenza, però, bastò per consolare il popolo-in-guerra: benedire la pena, maledire la Morte. Ieri, in piena emergenza, il Papa, è salito al Crocifisso per fare il punto della situazione, percorrendo le vie della città a mò di pellegrinaggio. Da Capitano, a nome del popolo. Per chiedere Grazia, intercedere, confidarsi. E' il tutto-possibile di Pietro: «Premunire i luoghi minacciati, raccoglier le truppe, dar nuovi ordini». In quella foto, molto più di un comunicato stampa, c'è il kit per la sopravvivenza: c'è il Crocifisso, c'è Maria, c'è Pietro.
C'è il destino finale del mondo.

crocifisso

(foto in altro tratta da www.adnkronos.it, quella in basso da www.vaticannews.va)

Per vedere i pulsanti di condivisione per i social (Facebook, Twitter ecc.), accetta i c o o k i e di "terze parti" relativi a mappe, video e plugin social (se prima di accettare vuoi saperne di più sui c o o k i e di questo sito, leggi l'informativa estesa).
Accetta c o o k i e di "terze parti"