5 1 1 1 1 1
5 1 1 1 1 1

Tamberi e Barshim 1024x683

Chiaramente l'oro è d'oro, non si discute: e loro due, regolamento alla mano, sono d'oro. Loro sono l'oro, dunque. Com'è fuori discussione il tanto-di-cappello da togliersi di fronte al gesto atletico di Gianmarco Tamberi e di Mutaz Essa Barshim: non è da tutti saper estrarre dal cilindro di un imprevisto, di un incidente, gli ingredienti giusti per miscelare una vittoria. Una vittoria, la loro, il cui valore aumenta pensando a quell'anno in più d'attesa che, nella vita ordinaria dell'atleta, non è solo un anno come tutti gli altri ma è ulteriore ansia, i programmi da ricalibrare, le tabelle da riscrivere. Echevittoria, dunque! Io lo applaudo Tamberi, pur non standomi affatto simpatico per quelle affermazioni gratuite formulate sul conto di Alex Schwazer a Rio 2016. Ma una vittoria così, oggi, va applaudita, il suo gesto atletico va contemplato, la magia è servita direttamente sugli schermi. Chapeau, anche da chi, nel cuore, continuerà a tifare per sempre Alex Schwazer. Da chi, odiando il doping, non si convincerà mai che un errore, fosse anche il più becero, possa superare l'uomo che lo compie. La marcia (sfiancante) di Schwazer, anche nei tribunali, resterà la metafora più attendibile di ciò che significa continuare a vivere. Vivere col magone in gola di chi, ritenuto colpevole anzitempo, si vede costretto a dimostrare l'innocenza. Non il contrario – “innocente fino a prova contraria” - come sarebbe retto fosse. Non sempre , però, la vita è giusta. Anche con chi è stato ingiusto.
Premesso questo, quest'oro olimpico del salto in alto – oro ex aequo – non è per niente bello. E' forse un oltraggio all'epica della sfida. Non è nemmeno affascinante e forse, sotto-sotto, toglie un po' della sua magia pure a chi lo indossa, anche se non l'ammetterà mai. Perché di campione, all'Olimpiade, ce n'è uno solo. E il campione-olimpico è un'immagine che per quattro anni resta impressa nella memoria collettiva. “È il regolamento, vecchio mio!” mi dirà qualcuno (*). Può essere vero, ma l'immagine di due atleti che si mettono d'accordo per evitare lo spareggio è quanto di più anti-agonistico esista nello sport. Sarebbe come se il capitano della Nazionale italiana di calcio, finiti i tempi supplementari, si fosse messo d'accordo con quello inglese per evitare i calci di rigore, finendo per fare di due nazioni le vincitrici dell'Europeo. Invece hanno dovuto affrontare la lotteria dei rigori per eleggere un solo vincitore: è una lotteria ingiusta, feroce, bastarda, cinica, ma è pur sempre l'unica chance per riuscire a chiudere una sfida. Lo spareggio, nel caso della disciplina del salto in alto, sarebbe valso lo stesso: avanti ad oltranza, il primo a sbagliare sarebbe stato d'argento. “Ma non vedi che l'hanno fatto in nome dell'amicizia? Son grandi amici!”, controbatterà qualcuno. La apprezzo l'amicizia, leggermente mi commuove, ne sponsorizzo la continuità. Però, signori, lo sport è un'altra cosa da un festival dell'amicizia cristiana: lo sport è sport, è combattimento, e in un combattimento più che l'amicizia conta la correttezza. E' al campo, non ai sentimenti, che si deve affidare l'ultima parola, altrimenti tutte le variabili hanno diritto d'essere ascoltate prima di chiudere una faccenda. Perché una medaglia può essere non solo il premio di chi è più forte nel fisico, ma anche di chi, sotto la pressione del chi-sbaglia-perde, sa mantenersi concentrato, non perdere la testa e l'attenzione, sa estrarre dal suo fisico quel po' di più che fa la differenza. Io, l'amicizia sportiva, l'avrei apprezzata maggiormente sul podio: il secondo d'argento che si complimenta con il primo d'oro, e viceversa. Perché, a essere sinceri, spartire a metà una conquista è non sentirla totalmente propria per nessuno dei due, pur meritandosela entrambi. Piaccia o non piaccia, è così, alla fine della fiera.
Questi finali, anche se concessi dal regolamento (è la prima volta in 125 anni di Olimpiade che accade) lasciamoli alle partitelle dell'oratorio, dove per la voglia di non dispiacere a nessuno si finisce sempre per pareggiare. Lo sport è, invece, tutta un'altra cosa: è accettarne l'ingiusta giustizia, sottoporsi alla lotteria dello sfinimento, accettare l'uno contro tutti. Sottoporsi allo stremo pur di portare a casa la vittoria, perchè non sempre la democrazia-cristiana del “dovere fatto a dovere” basta per trasformarsi in superiorità sportiva. Adesso, invece, per tre anni, la disciplina del salto vivrà uno stato di stand-by: “Chi è più il forte tra Tamberi e Barshim?” continuerà a chiedersi la gente, gli addetti ai lavori. E ognuno avrà ragione. È anche per questo che esiste la competizione sportiva: per non lasciare delle domande in sospeso. Ed è per questo che, dopo quattro anni, l'Olimpiade ritorna: per riaggiornare le risposte dell'edizione precedente. Onore a Tamberi (terza ammissione di congratulazioni, dovute), onore a Barshim. Rimangano pure (grandi) amici, ma non tolgano allo sport il lusso della competizione, il verdetto della strada. Coppi e Bartali,  in un ex aequo sportivo, è una cosa che li farebbe rigirare nelle loro tombe. Pur apprezzandosi vicendevolmente.


(*) Senza accordo i due atleti in parità avrebbero dovuto tentare la misura precedente e, in caso di errore, tornare a ritroso finché uno non avesse prevalso sull’altro.

tuttodoro

Per vedere i pulsanti di condivisione per i social (Facebook, Twitter ecc.), accetta i c o o k i e di "terze parti" relativi a mappe, video e plugin social (se prima di accettare vuoi saperne di più sui c o o k i e di questo sito, leggi l'informativa estesa).
Accetta c o o k i e di "terze parti"
0 1 1 1 1 1

girl 1641215 960 720

«Nell’arca non c’era nulla se non le due tavole di pietra, che vi aveva deposto Mosè sull’Oreb, dove il Signore aveva concluso l’alleanza con gli Israeliti quando uscirono dalla terra d’Egitto» (1Re 8, 9) ci dice la prima lettura, facendoci riflettere su cosa sia prezioso.
Non c’era nulla nell’arca, dice. Nulla, se non il tesoro più prezioso. Cosa pensare infatti, di più prezioso, per gli Israeliti, delle tavole “scritte col dito di Dio” (Es 31, 18 )?
In quelle due tavole, non c’è solo un contenuto (le leggi): c’è l’alleanza stessa, con il suo ricordo. C’è l’arroganza del faraone, il dolore del giogo della schiavitù, la sabbia dell’Egitto, la stanchezza di un viaggio estenuante, la povertà della fede messa alla prova, la fragilità umana, l’infedeltà dell’uomo e la fedeltà. È tutto racchiuso lì: in quelle due tavole, contenute nell’Arca dell’Alleanza.
La storia di Dio che si fa incontro all’uomo, anche quando questi lo scansa, se ne allontana, cerca di scantonare. Dio lo insegue per il suo bene, anche se l’uomo se ne allontana nel malinteso di un proprio bene, che, però, gli si ritorce contro, lasciandolo vagare, inquieto ed insoddisfatto. Perché più importante di dove andare, la vera domanda è sempre, più ancora che perché, per chi?
Perde senso la traversata nel deserto, i quarant’anni a vagare, l’aspirazione alla terra promessa “dove scorrono latte e miele” (Es 3, 8), se si dimentica l’Alleanza con Dio. Perde senso Israele stesso, se perde di vista l’alleanza con Dio, che dà senso a tutto il resto.

Lo stesso può essere detto per noi. Che cosa troviamo nel tabernacolo? Nulla, se non il Corpo di Cristo, che ci ha lasciato come sostegno, in attesa della Comunione totale con Lui.
E, anche per noi come per il popolo d’Israele, quant’è prezioso quello che segue il “se non”!
Si può dire che proprio in ciò risieda la vera ricchezza ed il vero tesoro della Chiesa, dal momento che l’Eucaristia, consacrata durante la celebrazione, è fulcro centrale di quella liturgia che la Sacrosanctum concilium  definisce fonte e culmine della vita cristiana (n. 10): «il culmine verso cui tende l'azione della Chiesa e, al tempo stesso, la fonte da cui promana tutta la sua energia». Da ciò consegue, dunque che «il lavoro apostolico […] è ordinato a che tutti, diventati figli di Dio mediante la fede e il battesimo, si riuniscano in assemblea, lodino Dio nella Chiesa, prendano parte al sacrificio e alla mensa del Signore».
Ecco, quindi che, nell’Eucaristia, l’alleanza dell’Antico Testamento è rinnovata e, rinsaldata grazie al sacramento della Riconciliazione, ci consente di poter essere, giorno dopo giorno, nuovamente in grado di guardare Dio occhi negli occhi, come all’inizio della creazione del mondo, come all’inizio del nostro inizio, quando, come di fronte ad un capolavoro, guardandoci, Dio ha detto «è cosa molto buona» (Gen 1, 31).

Per vedere i pulsanti di condivisione per i social (Facebook, Twitter ecc.), accetta i c o o k i e di "terze parti" relativi a mappe, video e plugin social (se prima di accettare vuoi saperne di più sui c o o k i e di questo sito, leggi l'informativa estesa).
Accetta c o o k i e di "terze parti"

5 1 1 1 1 1

«Quello che è stolto per il mondo, Dio lo ha scelto per confondere i sapienti; quello che è debole per il mondo, Dio lo ha scelto per confondere i forti; quello che è ignobile e disprezzato per il mondo, quello che è nulla, Dio lo ha scelto per ridurre al nulla le cose che sono, perché nessuno possa vantarsi di fronte a Dio.» (1Cor 1, 27 - 28).

Forse, queste parole di san Paolo sono le parole più adatte per comprendere il legame tra le tre letture liturgiche della IX domenica dopo Pentecoste.
Nella prima lettura, dal secondo libro di Samuele, abbiamo l’episodio della danza del re Davide di fronte all’arca di Dio, che provocherà il disprezzo che, dalla finestra, lo considera uno spettacolo indegno d’un re. Danzando in modo così scomposto, infatti, Davide scopre le proprie nudità e di questo lo accusa Mical. Davide non si scompone né si pente di quel che ha fatto. La sua preghiera gioiosa, tanto da coinvolgere tutto il suo corpo era sincera nei confronti di Dio, per cui, considerando sincera la propria devozione, ritiene che la malizia possa abitare solo lo sguardo di chi guarda, non l’intenzione di chi, con una danza, voleva unicamente onorare l’arca di Dio.
Tutto sommato, in quest’occasione, il comportamento di Davide è davvero volto ad onorare Dio e il risentimento di Mical pare eccessivo. Piuttosto, sarà successivamente che Dio si adirerà con Davide, per il suo comportamento arrogante e prepotente, oltreché lussurioso: quando, spinto dalla brama di poter avere Betsabea, non esista a mandare suo marito (Uria l’ittita), fedele combattente, a morire in battaglia (cfr. 2Sam, 11). In quell’occasione, sarà il profeta Natan (cfr. 2Sam, 12) ad avvertire Davide del grave peccato commesso e del motivo della gravità, tramite una storia, a tutta prima, innocente, in cui si narra di due uomini, uno ricco che poteva vantare bestiame di ogni tipo, mentre uno era povero e non possedeva altro che “una pecorella piccina”. Davide si scandalizza del comportamento dell’uomo ricco, salvo essere avvertito dal profeta che lui si è appena comportato allo stesso modo.  In quel momento, Davide comprende; è come se gli si aprissero gli occhi all’improvviso: si rende conto del proprio peccato. Natan lo rassicura che il peccato gli è perdonato, ma il figlio che aveva avuto con la moglie di Uria sarebbe morto. Testimonianza che il peccato può essere perdonato ma che porta con sé strascichi di conseguenze negative, legate alla frattura dell’alleanza con Dio e, di riflesso, con gli uomini e con il creato.

Per vedere i pulsanti di condivisione per i social (Facebook, Twitter ecc.), accetta i c o o k i e di "terze parti" relativi a mappe, video e plugin social (se prima di accettare vuoi saperne di più sui c o o k i e di questo sito, leggi l'informativa estesa).
Accetta c o o k i e di "terze parti"