0 1 1 1 1 1

Copia di Pellegrini Coraggiosi

Sogni: ne vale la pena

 “Ci scopriremo più grandi, più cresciuti a nostra insaputa” (L. Gamberini)

Come mai i ragazzi vanno in crisi, quando pensano al loro futuro? Tra le molteplici risposte, probabilmente, la più azzeccata è che gli venga un grande dubbio circa la bontà della realtà, che non esista un bene per loro, una sorta di provvidenza, un dono che è lì solo per loro. Questa constatazione, inizialmente, può provocare rabbia, aggressività, ribellione; se prolungata nel tempo, porta alla disillusione, scema la ribellione e si fa strada la rassegnazione. Ciascuno di noi va in crisi, quando la vita non incontra la propria vocazione, quando non si sa a cosa si è chiamati.

“Cosa vorrei fare dopo l’università? Questa è davvero una bella domanda. Considerando il fatto che fino a due mesi fa ero indecisa se iscrivermi alla facoltà di giurisprudenza o a quella di ingegneria, direi che non ho un’idea molto precisa della mia futura professione. Ho scelto giurisprudenza e, più precisamente, vorrei studiare diritto internazionale per riuscire, in questo modo, a viaggiare e a imparare più lingue possibili. La professione di avvocato mi affascina e mi terrorizza allo stesso tempo. Se penso alle arringhe che si tengono nei tribunali americani, mi viene la pelle d’oca e vorrei essere alla loro altezza; subito dopo, arriva il panico di non essere in grado, di essere inferiore e di non riuscire a tenergli testa. Non so se voglio fare l’avvocato per questi motivi o, semplicemente, perché la sento come una professione che mi potrebbe appartenere, o semplicemente, sono ancora troppo giovane e inesperta per farmi un’idea precisa di quella che una professione del genere realmente sia. Un settore che, di recente, ha particolarmente catturato il mio interesse è la diplomazia. Il settore diplomatico offre un sacco di possibilità di scoperta di nuove culture e tradizioni, presenti nei diversi paesi e, con l’occasione, si possono imparare le lingue più differenti. Mi piacerebbe lavorare per un’organizzazione internazionale, magari come interprete o come vero e proprio diplomatico. Tutte queste aspirazioni e questi sguardi al futuro sembrano quasi una nevicata in piena estate, in questo momento di crisi, perché tutto, ora, sembra impossibile e lontanissimo da noi: tutto ciò che da noi veniva considerato normale ora è un divieto, una restrizione, una follia.
Dopotutto, forse, anche io sono un’adolescente normale. Forse, anche io ho dei sogni.”

Probabilmente, se i nostri ragazzi fossero cresciuti all’interno di una sorta di tradizione, come avveniva nel passato, questa chiamata sarebbe stata forse più chiara da intuire. Non era già più così poco prima del Covid; oggi, addirittura il panorama socioeconomico, si è totalmente modificato. Sicuramente, è una sfida che si accentua, ma che può anche risultare affascinante. Come è possibile indicare strade di futuro credibili, possibili, affascinanti, che portino in sé quella forza che attrae, che fa alzare dal letto e che fa mettere in moto? Forse, anche noi adulti dovremmo farci provocare da questo loro camminare in mezzo alla nebbia. Forse, potrebbe essere l’occasione favorevole per interrogarci su quale tipo di adulto vedano in noi. Se ci vedono come uomini e donne appassionati della vita, in continua tensione verso il Bene, adulti alla sequela della Buona Notizia che muove il cuore a tal punto da scommetterci tutta la vita, lavoro e affetti compresi. Vedono in noi dei fari, degli ispiratori perché persone felici, compiute e realizzate nell’Amore, con l’Amore e dall’Amore?

“Il mio sogno è quello di poter allenare una squadra di pallavolo e diventare insegnante. In realtà, il mio sogno è la mia passione per lo sport, perché ho trovato allenatori e insegnanti che sono riusciti a trasmettermelo”.

I nostri giovani sono alla ricerca di un senso, di un motivo per cui valga la pena vivere, per cui valga la pena credere che la vita è bella, buona, vera. Spesso è una ricerca confusa, disordinata, delle volte inconsapevole, ma è anche lo spazio e l’occasione per poter incontrare adulti capaci di affascinarli, con le loro vite che profumano di Eterno, con le loro scelte che appaiono gustose; non prive di ostacoli, di dolori o di sfide, ma pregne di una santa fatica, perché il cuore è volto all’Eternità. Allora, anche la fatica che un adolescente sceglierà di fare per alzarsi dal letto, dal divano, dalle comodità a portata di click, sarà il pezzo di strada che gli spetta e nessuno potrà farla al posto suo, ma potrà diventare la sua personale, originale e scelta santa fatica.
A noi il compito e la bellezza di mostrare loro come legarli al loro stesso cuore, ai loro desideri, di lanciarli nel mondo, stando loro accanto, a volte alle spalle, talvolta qualche metro più avanti. Noi non smettiamo di lasciarci ispirare da Lui per essere, a nostra volta, affascinanti ponti che permettono a molti giovani di prendere il volo verso una vita piena, mostrando che tutta la realtà è dono e che per ciascuno ne esiste uno particolare. E che questa fatica ne vale la pena, anzi la gioia.


Il sogno è che questo spazio possa diventare strumento anche per molti ragazzi. Per questo motivo, è stata aperta una mail apposita in cui ogni adolescente può condividere il buio che ha vissuto e che vive, ciò che ha scoperto in questo tempo, ciò per cui ringrazia come pure i sogni che lo abitano, le preoccupazioni. oppure può condividere qualche pensiero o risonanza dopo aver letto gli articoli già pubblicati. 
Qui, se lo volete, potete inviare commenti, riflessioni, condivisioni.


Introduzione: Adolescenti in DAD: quando uno schermo non basta #IN-ASCOLTO

Sezione "VOCE DI UNO CHE GRIDA NEL DESERTO":
1. POSSO URLARE? #IN-ASCOLTO 1
2. EMPATIA, DOVE SEI? #IN-ASCOLTO 2

Sezione "SENTINELLE DEL MATTINO"
3. Chiamato a guardare in alto
4. Altari come punti cardinali
5. Vite allo specchio

Sezione "PELLEGRINI CORAGGIOSI"
6. Custodi di sogni, anche nelle tempeste
7. La musica non smetterà di suonare

Laura Giulian
L'autore: Laura Giulian

Classe ‘85, un’ottima annata! Professoressa precaria per sogno nel cassetto, passione, vocazione. Affascinata dal mondo dell’educazione e dai suoi protagonisti.
Leggi tutto...


Per vedere i pulsanti di condivisione per i social (Facebook, Twitter ecc.), accetta i c o o k i e di "terze parti" relativi a mappe, video e plugin social (se prima di accettare vuoi saperne di più sui c o o k i e di questo sito, leggi l'informativa estesa).
Accetta c o o k i e di "terze parti"

N.B. - I commenti potrebbero tardare alcuni secondi prima di apparire.

Solo gli utenti registrati possono inserire commenti!