5 1 1 1 1 1

4a81f3b250b3adec7dc2739d25ce989f med santos

“Convertitevi e credete nel vangelo.” (Marco 1,15)
Niente giri di parole o abbellimenti di sorta. Una frase nuda e cruda, per riassumere in un batter di ciglia il programma del Messia.
Ai lettori di oggi questa frase va stretta. Non lascia scampo, non dà nessuna scappatoia per indorare la pillola; presenta due imperativi in bella mostra, due paletti che fanno venire la tachicardia, mettere le mani nei capelli per il disappunto o generare angoscia da claustrofobia.
Calma, fermi tutti. Niente panico.
Respirate piano.
C’è un’uscita di sicurezza, proprio qui davanti ai vostri occhi: si chiama tuffo nella lingua greca. Non richiede l’uso di salvagente o doti da nuotatori olimpionici, possono osare proprio tutti. Non ci sono controindicazioni, né chilometriche avvertenze per l’uso, né minuscole scritte con clausole impossibili da leggere.

Metanoèite.
Convertitevi.
Chi ha un briciolo di dimestichezza con la filosofica antica, sa che la cosiddetta “metànoia” era uno dei primi passi per addentrarsi in nuove conoscenze, era l’inizio del percorso filosofico stesso. Corrispondeva ad un profondo mutamento nel modo di pensare, non era un semplicistico cambiare idea ma un rifare il guardaroba a pensieri ed opinioni.
Era una vera e propria inversione a U – manovra vietatissima per le strade del mondo – tra le più auspicate invece lungo i sentieri che portano a Dio. Un “girare la mente di 360 gradi” (G. Ravasi, Il vangelo di Marco), un cambio che stravolge e sradica quel che c’era prima per piantare nuovi semi. E’ intraprendere una nuova strada, mollare gli ormeggi per veleggiare verso un altro porto.

Convertitevi.
Cambiate prospettiva, abbiate il coraggio di svoltare e intraprendere un nuovo percorso.
Sono venuto per “fare nuove tutte le cose” (Apocalisse 21,5), per mutare il pianto in gioia, la tristezza in speranza, la morte in vita, perché “siete preziosi ai miei occhi ed io vi amo.” (Isaia 43,4)

Pistèuete.
Credete.
Il verbo della speranza, dell’affidarsi a qualcuno, di chi ha salde certezze e non ha timore.
Credete nel vangelo. Non è un arabesco stilistico ideato da Marco per abbellire il discorso, ma una sfumatura di fiducia che trabocca, travalica i confini e si fa salda come roccia.
Credere in qualcosa è molto di più che credere a qualcosa. C’è l’idea di aggrapparsi con tutte le proprie forze, la possibilità di porre il proprio fondamento dentro un’idea, ma c’è anche una sfumatura di reciprocità che lascia senza fiato: ciò a cui ti aggrappi è anche il carburante delle tue azioni, il vento che gonfia le vele del tuo viaggio, ciò che sospinge i tuoi passi.

Credete nella bella notizia.
È questo il significato originario della parola Vangelo.
Non un racconto, una serie di episodi, di parabole e di insegnamenti, ma eu-angelion, una annuncio bello, buono, felice e addirittura giusto (quando il greco ci si mette d’impegno, le sfumature di un aggettivo sono variegate come una tavolozza di colori).
Altro che semplice news, il vangelo è qualcosa che fa saltare di gioia, abbraccia tutta la positività possibile e la fa risplendere di luce.

“Convertitevi e credete nel vangelo”: diventate nuovi e abbiate fede nella più bella delle opere della Misericordia, l’infinito che diventa persona e vi chiama per nome, che percorre le strade del mondo in cerca dei figli lontani.
Altro che imposizione imperativa, legame che opprime o costrizione imposta dall’alto. È un richiamo squillante, un canto di festa, è una dichiarazione d’amore assoluto.

Chiara Liberti
L'autore: Chiara Liberti

Vicentina, classe 1979, piedi ben piantati per terra e testa sempre tra le nuvole. È una razionale sognatrice, una inguaribile ottimista ed una spietata realista.
Leggi tutto...


Commenti   

OR ber
#1 buone nuove!OR ber 22-01-2018 08:20
Grazie per la riflessione. Vorrei fare solo una piccola osservazione: "girare la mente di 360 gradi", anche se lo ha scritto Ravasi, vuol dire restare esattamente nello stesso posto, se si vuol veramente girare, bisognerà farlo di 180, direi.
Buona settimana.
Citazione
chiara79
#2 Angolo giro? Piuttosto una capriolachiara79 23-01-2018 22:09
Citazione OR ber:
Grazie per la riflessione. Vorrei fare solo una piccola osservazione: "girare la mente di 360 gradi", anche se lo ha scritto Ravasi, vuol dire restare esattamente nello stesso posto, se si vuol veramente girare, bisognerà farlo di 180, direi.
Buona settimana.

Ciao, grazie a te per il commento.
Sai che nel decidere se inserire o meno la citazione ho avuto la tua stessa perplessità? Ha descritto un angolo giro e ci ho davvero pensato su un bel po'. Che abbia sbagliato a misurare con il goniometro?
Ti dirò, continuando a rifletterci su non l'ho interpretato come un semplice capovolgimento, ma piuttosto come una capriola vera e propria, di quelle che fanno i bambini per intenderci: la conversione non come un movimento semplice e tranquillo, ma proprio come un'acrobazia spirituale che ti porta a vedere il mondo con occhi nuovi.
Chiara
Citazione

Aggiungi commento

NOTE IMPORTANTI
- Quando si carica la pagina, i commenti potrebbero tardare alcuni secondi prima di apparire.
- I commenti inseriti dagli utenti non registrati al sito, non saranno immediatamente visibili perché dovranno prima essere approvati da parte degli amministratori.
- I dati personali saranno trattati in conformità alle leggi vigenti sulla Privacy (vi invitiamo anche a leggere quanto riportato nell'apposita pagina).
- Per commentare è indispensabile avere il browser con i cookie e gli script (javascript) abilitati.

Si prega vivamente di evitare la scrittura in stile SMS.

Codice di sicurezza
Aggiorna