5 1 1 1 1 1
mongolfiera3b
 
Una delle più belle invenzioni degli esseri umani è senz’altro l’architettura.
Dalle palafitte all’Empire State Building, da San Pietro alla Tour Eiffel, passando per la Grande Muraglia Cinese. L’architettura nel corso dei secoli ha plasmato paesaggi ed è a sua volta stata plasmata da idee sempre nuove e da quell’entusiasmo che è un invito a non fermarsi mai, a provare sempre qualcosa di inesplorato.
Una delle più brutte invenzioni dell’essere umano è senz’altro l’architettura… mentale.
Non costituita da pietre, marmo od acciaio, ma da muraglie psicologiche, da profondi fossati emozionali, da barriere di pregiudizi. L’architettura dell’aut-aut, come la chiamo io. Che divide, che preferisce le porte sbarrate ai ponti, le imposte chiuse alle finestre spalancate.
Questo tipo di architettura la maggior parte delle volte ha la stessa funzione di un macigno di zavorra per una mongolfiera che vuole prendere il volo: non solo completamente inutile, ma anche dannosa.
La seconda brutta invenzione dell’essere umano è il tifo da stadio… fuori dallo stadio. Ovvero la divisione in fazioni, in tifosi dell’una o dell’altra opinione, che però non si ascoltano mai a vicenda, perché sono troppo impegnati a recitare a squarciagola i propri slogan per potersi invece mettere l’uno di fronte all’altro e dialogare come si deve.
Tifo da stadio ed architettura mentale insieme sono una combinazione micidiale, una cappa che soffoca ogni ventata di ossigeno che giunge dall’esterno per poter ravvivare l’aria. Una zavorra vera e propria per le due ali che l’essere umano ha in dotazione. Non fatte di piume, ma capaci di fargli ugualmente spiccare il volo se usate nella giusta maniera, quella fede e quella ragione così splendidamente descritte nell’enciclica Fides et Ratio di Giovanni Paolo II.
La Misericordia solitamente è allergica alle architetture. Con Abramo stese nel deserto una coperta di stelle, invitandolo bonariamente a contarle; per Pietro scelse le acque azzurre di un lago incastonato tra le verdi colline della Galilea. Nel suo momento più alto, quello dell’apparente sconfitta, si lasciò issare a metà tra terra e cielo sulla cima di una collina petrosa. Le pareti, fisiche, di pietra, marmo o vetro, sarebbero arrivate più tardi, insieme però alle piazze ed alle spianate dalle folle oceaniche delle GMG.
Le architetture mentali, poi, non sa proprio cosa siano. Sue sono le iniziative di quel Dio che “fa nuove tutte le cose” e che non teme né i percorsi fuori-strada né le capriole della fiducia.
Anche ieri la Misericordia ha invitato a colmare i fossati, ricordandoci al tempo stesso che la sua matematica sconvolge ogni teorema terreno, poiché l’amore si può moltiplicare solo con-dividendolo. L’amore per il prossimo e per il Creato, specie quello domestico e dotato di coda e quattro zampe, non hanno alcun motivo di sottostare alla regola dell’aut-aut, non chiedono di essere l’uno alternativa all’altro, bensì domandano complementarietà in quanto ognuno è apertura all’Altro, ognuno ha la capacità di tirare fuori il meglio di noi. In molti si sono sentiti chiamati in causa da un appello che altro non era che un invito a fare breccia in quell’architettura mentale che usa il bilancino per soppesare quanto amore da donare e a chi. I cori da stadio hanno gettato poi altra legna su un fuoco divampato in poche ore. I sostenitori del Creato contro quelli del Prossimo, roba da far mettere le mani nei capelli all’intera corte celeste, a san Francesco d’Assisi – eletto suo malgrado patrono dell’una o dell’altra fazione, strattonato da una discussione all’altra come un vessillo – e forse anche alla Misericordia stessa, troppo spesso incompresa e fraintesa.
E pensare che la soluzione se ne è sempre stata lì, a portata di mano di chiunque.
Gettare bilancino e zavorra.
Solo così è possibile alzarsi in volo, osservare tutto da un’altra prospettiva e accoglierla in un unico abbraccio.
Piuttosto che misurare l’amore con gli occhi del mondo, suddividendolo in categorie come “prossimo” e “animali” che alcuni vorrebbero come alternative misurabili ed inconciliabili, sarebbe invece meglio provare a vedere il mondo con gli occhi di Dio, Padre di quel creato che racchiude entrambe le categorie da amare e rispettare senza riserve.
Chiara Liberti
L'autore: Chiara Liberti

Vicentina, classe 1979, piedi ben piantati per terra e testa sempre tra le nuvole. È una razionale sognatrice, una inguaribile ottimista ed una spietata realista.
Leggi tutto...


Per vedere i pulsanti di condivisione per i social (Facebook, Twitter ecc.), accetta i c o o k i e di "terze parti" relativi a mappe, video e plugin social (se prima di accettare vuoi saperne di più sui c o o k i e di questo sito, leggi l'informativa estesa).
Accetta c o o k i e di "terze parti"

N.B. - I commenti potrebbero tardare alcuni secondi prima di apparire.

Solo gli utenti registrati possono inserire commenti!