5 1 1 1 1 1

Affettività

L'hanno bollata all'istante come una squallida questione di “bordelli a luci rosse nelle galere”: è la solita manovra di abbassare il peso di una questione capitale a livello di pancia-pisello, così da ridicolizzare un tema umanamente delicato come quello dell'affettività in carcere. L'audizione che qualche giorno fa si è tenuta in Commissione Giustizia in parlamento, e che ha visto collegati via skype un gruppo di detenuti dal carcere di Padova, aveva come intento tutt'altra cosa dal legalizzare il sesso sfrenato dentro le galere: a tema c'era la questione dell'affettività nel periodo in cui una persona sconta la sua pena. Non tanto la gestione dell'apparato riproduttivo maschile, quanto la delicata richiesta di poter fare uso appieno di un altro organo: il cuore, per l'appunto. Chi ama confondere questi due piani – sotto il solito nome patronale della “certezza della pena” – offende prima di tutto la sua capacità intellettuale: la sessualità è un aspetto dell'affettività, l'affettività è molto più vasta. E' lo stesso rapporto tra la caldaia di casa propria e l'intero stabile: ragionare sulla caldaia da cambiare è un conto, mettersi a disquisire sulla gestione dell'intero immobile è tutt'altra cosa.
Lo percepisce chi ogni giorno, libero di non entrarci affatto, decide da sé di varcare la porta delle galere per scommettere nella risurrezione dei viventi, invece che attendere con le mani-in-mano la risurrezione dei morti. A costoro appare chiaro che la dimensione affettiva è rimasta l'ultima grammatica capace di parlare a delle storie deragliate e inariditesi nel lungo tempo delle detenzione. Perchè battersi per gli affetti in carcere significa battersi per cose così piccole per cambiare le quali non serve un referendum, basterebbe un po' di logica: la possibilità di ricevere un bacio dalla propria donna, di poter telefonare a casa quando il cuore ne avverte la necessità, di fare in modo che i figli possano crescere sapendo di poter contare sulla presenza di un padre, che i colloqui familiari siano svolti in una maniera degna di un paese civile, che una madre abbia tutto il diritto di appartarsi con suo figlio e di parlargli con i gesti folli dell'amore bambino. Piccole cose che, però, possono cambiare totalmente la vita delle persone condannate ad una pena. Non per nulla la paternità di questa battaglia così ostica nasce dal cuore di una donna, Ornella Favero, quasi a dire che per capire certi meccanismi occorra nascere donna: solo chi cammina quotidianamente nel fango assieme ad un popolo potrà un giorno liberare quel popolo dalla schiavitù. Lei il carcere lo conosce molto bene, sa di cosa parla quando parla, legge lo strazio di figli-maschi ai quali è tolto il diritto alla tenerezza. Anche a lei devo la conversione del mio sguardo: l'aver imparato ad accorgermi che dietro le sembianze di un carcerato c'è una famiglia carcerata, la sua: il padre può essere responsabile di un gesto delittuoso, ma ad un bambino piccolo non è umano accollare il peso di una colpa non cercata.
Perché, dunque, battersi per il diritto all'affettività di questa gente? Per due piccoli motivi. Il primo: solo l'affetto può mettere una persona nelle condizioni migliori che le permettano di decidere con serenità del proprio futuro. La seconda, per chi ama vendicarsi sui cattivi: amare l'uomo quando meno se lo merita – e riservargli un trattamento d'uomo quando lui per primo non s'è comportato da uomo – è quella vendetta amorosa che, sola, è capace di far crollare un intero sistema umana di cattiveria. Due motivi così piccoli che, da soli, potrebbero un giorno far uscire dal carcere una persona diversa da quella che era entrata: più educata, meno rabbiosa, più affettuosa verso la società. Continuare a confondere il diritto all'affettività con l'uso della genitalità più che mancanza di rispetto è una forma di cretineria intellettuale. Per uomini-slogan.

(da Il Mattino di Padova, 8 novembre 2015)

don Marco Pozza
L'autore: don Marco Pozza

Marco Pozza (1979), parroco della parrocchia del carcere Due Palazzi di Padova, è uno «straccio di prete al quale Dio s'intestardisce ad accreditare simpatia, usando misericordia», come ama dire di se stesso.
Leggi tutto...


Commenti   

S0N0S0L0Maria
#1 Carcerato senza affetti=doppio carcere, interiore ed esterioreS0N0S0L0Maria 28-11-2017 17:52
Don Marco, ci sono state novità a questo riguardo dopo due anni oppure non è cambiato niente?
Ricordo che quest'anno Don Guido Todeschini, su Telepace, nella sua trasmissione Linea aperta (con gli ascoltatori), lesse la lettera di un carcerato a cui la propria famiglia aveva voltato le spalle, non aveva nessuno che lo amasse e non aveva nemmeno i soldi per comprarsi una medicina per curare una patologia di cui soffre. Prima della malattia capace che lo ammazza la mancanza d'amore! Chiedeva i soldi per la medicina ma secondo me stava anche urlando "Qualcuno mi ami!!! Sono solo!!!" Se la tua famiglia stessa ti volta le spalle che speranze puoi avere nell'amore degli altri esseri umani? Zero. Spero che quell'uomo abbia trovato non solo i soldi della medicina ma anche soprattutto amore.
Cos'è cambiato per i tuoi parrocchiani?
Penso che magari conta poco ma se c'è qualcuno tra i tuoi parrocchiani che muore dalla voglia di un abbraccio, perché non ha nessuno che lo faccia, quando li abbracci gli consegni pure il mio abbraccio? Abbraccio pure quelli che vorrebbero poter godere dell'affettività dei propri amati ma non possono goderne perché lo Stato glielo impedisce. Non glielo posso dare fisicamente, ma per il corpo prendo in prestito il tuo Don Marco, se vorrai esaudirmi ti ringrazio.
Citazione

Aggiungi commento

NOTE IMPORTANTI
- Quando si carica la pagina, i commenti potrebbero tardare alcuni secondi prima di apparire.
- I commenti inseriti dagli utenti non registrati al sito, non saranno immediatamente visibili perché dovranno prima essere approvati da parte degli amministratori.
- I dati personali saranno trattati in conformità alle leggi vigenti sulla Privacy (vi invitiamo anche a leggere quanto riportato nell'apposita pagina).
- Per commentare è indispensabile avere il browser con i cookie e gli script (javascript) abilitati.

Si prega vivamente di evitare la scrittura in stile SMS.

Codice di sicurezza
Aggiorna