5 1 1 1 1 1

paesaggioIl Sinodo sulla Famiglia si è chiuso con la beatificazione di Giovanni Battista Montini, passato alla storia con il nome di Paolo VI, papa dal 1963 al 1978. Una chiusura azzeccata che tanto somiglia ai commiati firmati dall'Orchestra Filarmonica di Vienna in calce alle loro splendide esecuzioni musicali: quei finali sono sintesi e nostalgia del tutto, apparizione e memoria, presenza e anticipo. Sono lo svelamento dello splendore che seduce i sensi per conquistare il cuore: e farlo segregare dalla bellezza.

Dichiarare beato Paolo VI è stato come firmare una certezza che regna sovrana dentro le pieghe e le piaghe dell'avventura cristiana: «Un papa che non subisse critiche fallirebbe il suo compito di fronte a questo tempo», ha puntualizzato con la sua fine riflessione Joseph Ratzinger commentando tale beatificazione. Paolo VI ha vissuto il martirio della fede e morì con le stimmate del martirio cucito addosso. Non tanto il martirio fisico del sangue e delle graticole, ma quello ben più sottile e lacerante dell'ironia e della solitudine. Tant'è che oggi, a leggere la storia cristiana nel trambusto di questo tempo, si sarebbe quasi certi di poter dire che se Cristo tornasse al mondo non verrebbe più appeso ad una croce ma verrebbe messo al ridicolo. E' questo il tempo dell'intelligenza: la messa a morte era al tempo della passione e del sentimento. Un Papa morto in odium fidei: ridicolizzato per aver testimoniato che la fede, quand'è autentica, non è un'affermazione che chiude qualsiasi discorso ma è un'interrogazione che allarga gli orizzonti degli uomini e delle donne di tutti i tempi. Esponendo la propria appartenenza a Cristo al rischio della storia.
Un Sinodo, quello che si è appena chiuso, che si era aperto narrando di due fazioni: quella dei conservatori e quella dei progressisti. E che si è chiuso – e non poteva essere diversamente – sostenendo che hanno vinto i conservatori sui progressisti o, a seconda degli umori, i progressisti sui conservatori. Una lettura alquanto parziale e approssimativa che abita da sempre i discorsi di coloro che non accettano d'andare al cuore delle questioni ma s'innamorano della superficie: del quasi banale, dello scontato, del prevedibile. In realtà questo Sinodo è stata una splendida immagine di Chiesa, una narrazione genuina e per certi versi inaudita di ciò che rende fascinosa e saporita la scelta cristiana: la Presenza di un Dio delle sorprese che, essendo tale, non ha paura delle novità e dei luoghi nei quali esse amano svelarsi, ovvero le periferie della società. Di una Chiesa «che non ha paura di mangiare e di bere con le prostitute e i pubblicani» come ha sottolineato papa Francesco nella sua relazione conclusiva. Eccola la grande bellezza strappata alle previsioni puntualmente smentite: il rammentare all'uomo d'oggi che l'appartenere a Cristo non è esibire una conoscenza perfetta di come rispondere a tutte le domande che il mondo pone. Ma, forse, l'esatto suo opposto: mostrare la sua innata capacità – che in Gesù di Nazareth s'è svelata in maniera impareggiabile – di saper attraversare con dignità e dolcezza i sentieri dell'incertezza, quelli della complessità affettiva e persino quelli del dramma. Le ore di quelle sere che sono pesanti nel cuore di chi, rincasando, avverte il sospetto che non ci sia più nessuno ad attenderlo. L'angoscia d'essere rimasto solo in un mondo affollato.
Un Sinodo e un invito. Quello di fare i conti con la domanda delle domande, l'unica alla quale i Vangeli offrono ospitalità: che la Chiesa decida nuovamente come vuole essere. Se rimanere una maestra seduta dietro una cattedra di scuola o una donna che è prima di tutto compagna di viaggio. Pronta a spartire e condividere ciò che, forse, non è ancora manifesto a ciascuno.

(da L'Altopiano, 25 ottobre 2014)

don Marco Pozza
L'autore: don Marco Pozza

Marco Pozza (1979), parroco della parrocchia del carcere Due Palazzi di Padova, è uno «straccio di prete al quale Dio s'intestardisce ad accreditare simpatia, usando misericordia», come ama dire di se stesso.
Leggi tutto...


Per vedere i pulsanti di condivisione per i social (Facebook, Twitter ecc.), accetta i c o o k i e di "terze parti" relativi a mappe, video e plugin social (se prima di accettare vuoi saperne di più sui c o o k i e di questo sito, leggi l'informativa estesa).
Accetta c o o k i e di "terze parti"

Commenti   

Paolo_Coveri
#1 Sinodo, un balzo indietro di 50 anniPaolo_Coveri 2014-10-29 01:44
Perdonami don Marco per la mia solita pedanteria, ma davvero in questo Sinodo non riesco a vederci "una splendida immagine di Chiesa" bensì un serio pericolo per le anime di molti fedeli, quindi per la Chiesa stessa.
Le motivazioni sono varie (e una parte di queste le ho trattate in alcuni commenti che ho inserito a seguito di questo altro tuo articolo: sullastradadiemmaus.it/.../...), ma visto che qui hai nominato il beato Paolo VI, ne approfitto per suggerire la lettura di un articolo che ho trovato molto interessante per la lucidità con cui è stato trattato l'argomento facendo riferimento proprio a papa Montini e alla sua enciclica "Humanae vitae" (che, per chi non lo sapesse, parla anche di "contraccezione").
L'articolo si intitola "Sinodo, un balzo indietro di 50 anni": lanuovabq.it/.../...

Degna di nota ho trovato questa citazione di Ernest Hello che riporto di seguito: Citazione:
«Ogni compromesso concluso con il male somiglia non solo al suo trionfo parziale, ma al suo trionfo completo, giacché il male non chiede sempre di cacciare il bene, ma vuole il permesso di coabitare con lui. Un istinto segreto lo avverte che chiedendo qualcosa, chiede tutto. Appena non lo si odia più, esso si sente adorato»

N.B. - I commenti potrebbero tardare alcuni secondi prima di apparire.

Solo gli utenti registrati possono inserire commenti!