4.5 1 1 1 1 1
Santa Marta
armand11


Il sole ardeva sui sampietrini dietro il Duomo della città. Un gruppetto di preti s'arrabattava in una discussione che stranamente m'intrigò. Ammetto – come scrisse finemente Gilbert Cesbron nel suo “I santi vanno all'inferno” – che anch'io come padre Pietro, il protagonista di quel fortunato romanzo, da tempo ho perso l'abitudine di avere tali interlocutori. La questione, però, era di capitale attualità: uno di loro aveva ricevuto un invito a celebrare messa nella Domus Santa Marta con papa Francesco. Gliela si leggeva nel volto l'emozione, forse anche quel pizzico d'orgoglio che certi giorni non è vanteria ma la semplice percezione che, magari in calce ad una vita di fedeltà e passione, c'è ancora qualcuno capace di sorprenderti nel tuo quotidiano. La gente attorno si complimentava, c'era da giurarci che qualcuno avrebbe pagato oro per strappargli il posto: insomma, l'aria tratteneva un qualcosa di misterioso e di fanciullesco. Qualcuno ne approfittò, facendoselo amico: “Quando parti? Ti devo consegnare una lettera per il Papa. Ci terrei che arrivasse dritta nelle sue mani”. Ci son giorni nei quali alla porta del povero bussa il ricco, alla finestra dello sciagurato s'affaccia un principe, alla mensa del derelitto chiede posto l'autorità: sono i giorni dei Vangeli, quelli in cui gli ultimi saranno primi e i primi saranno gli ultimi. Quella messa, poi: poca gente, l'amabilità di una presenza, qualche fresca parola con quell'uomo venuto così da lontano da farci sentire tutti attori e protagonisti della Storia della Salvezza.
La gioia di quel prete m'imbarazzò. Di lì a qualche istante io avrei varcato la soglia di quella sgangherata parrocchia di periferia ch'è il mio carcere. Una parrocchia scassata, poco raccomandabile, popolata da gente avvezza a contemplare dal vivo il feriale duello tra la vita e la morte. Un luogo dove i volti si richiamano l'uno con l'altro e nel loro richiamo s'avverte l'eco della Chiesa stessa. Di là di quei cancelli lo scoraggiamento disarma ancor più della disperazione; i visi, ancor prima di amarli, è necessario imparare a decifrarli, a indovinarli, persino a ricostruirne la primigenia bellezza. Sono le sfide titaniche della prima evangelizzazione, quella che in un piccolo passo ridisegnato dai poveri ci intravede il bisogno di tanti passi precedenti, di tanti incontri adocchiati, di intere stagioni che sembrano essere andate perdute nella nullità. Laggiù, nel ventre spietato e ignominioso delle galere, la vera notizia non è che il Papa t'invita a celebrare la messa con Lui ma che Cristo ti scaraventa nel deserto della povertà per parlare al tuo cuore. Che, forse, è l'ultima liturgia che abbia ancora un senso nei giorni di quaggiù.
Rincasato da Roma, dopo qualche giorno quel sacerdote, incrociandomi, m'ha degnato di una parola: la prima, dopo anni di lontananze e troppe letterature. E io son stato ben felice d'essere per lui cagione di narrarmi quella gioia insormontabile che gli ardeva nel petto. L'ho guardato e gli ho rivolto un invito, quello che s'attendeva: “raccontami, dai!”. Ricordo tutto di quella narrazione: la meraviglia dei pensieri, la serietà di quelle emozioni, persino una frase che forse un giorno capirò: “ho pregato anche per voi”. Non ho capito per chi - per me o per i carcerati? -, ma ho capito che ha pregato: e questo mi basta. Poi l'ho guardato e me lo sono stretto forte in un abbraccio, dimentico e incurante di tutto. Prima di salutarlo, però, gli ho fatto anch'io una confidenza: “sapessi tu con chi ho celebrato messa ieri!”. M'ha guardato: “con chi?” - convinto che oltre il Papa ogni cardinale non avrebbe retto. Così gli ho fatto dono del più geloso dei miei segreti: “ho celebrato messa con Gesù. In galera”. Detto così: tanto per fare un po' di ordine. Prima Cristo, poi tutto il resto.

(da Il Mattino di Padova, 29 giugno 2014)

don Marco Pozza
L'autore: don Marco Pozza

Marco Pozza (1979), parroco della parrocchia del carcere Due Palazzi di Padova, è uno «straccio di prete al quale Dio s'intestardisce ad accreditare simpatia, usando misericordia», come ama dire di se stesso.
Leggi tutto...


Per vedere i pulsanti di condivisione per i social (Facebook, Twitter ecc.), accetta i c o o k i e di "terze parti" relativi a mappe, video e plugin social (se prima di accettare vuoi saperne di più sui c o o k i e di questo sito, leggi l'informativa estesa).
Accetta c o o k i e di "terze parti"

Commenti   

sandropozza
#1 RE: A messa con Papa Francesco. Eppure non è il massimo.sandropozza 2014-06-29 10:20
Abbiamo un Dio «innamorato di noi», che ci accarezza teneramente e ci canta la ninna nanna proprio come fa un papà con il suo bambino. Non solo: lui ci cerca per primo, ci aspetta e ci insegna a essere «piccoli», perché «l’amore è più nel dare che nel ricevere» ed è «più nelle opere che nelle parole». È quanto ha ricordato Papa Francesco durante la messa celebrata nella mattina di venerdì 27 giugno — giorno in cui ricorre la festa del Sacro Cuore di Gesù — nella cappella della Casa Santa Marta.
ciqu
#2 a messa con papa farncescociqu 2014-06-30 10:48
Mi colpisce molto anche a livello personale le riflessioni crude e genuine di D. Marco. Sto leggendo un articolo sui papi appena fatti santi e la riflessione cade sulla scelta del loro moto..."OBBEDIENZA E PACE" di Giovanni XXIII e "TOTUS TUUS" di Giovanni Paolo II. Si sono fidati di Cristo e Cristo ha doto loro la glorificazione. E' il mio augurio affettuoso a D. Marco accompagnato da " dai forza che tutto sarà più chiaro". La vita richiede sempre la partecipazione sia nel buon tempo che nel cattivo tempo. Un abbraccio
monix
#3 a messa con Papa Francescomonix 2014-07-02 18:51
Don Marco,tante volte anch'io ti scivo e ti dico prego per voi..per i tuoi parrocchiani e per te.. ti é stato dato un dono quello di far rifiorire la fede nelle persone che t'ascoltano ti é stada data una strada in salita x questo prego che tu abbia fede e fiducia in Gesù Cristo...papa Francesco ha bisogno non di preti per concelebrare la messa ma di Apostoli come te....che abbracciano e raccolgono noi poveri peccatori affinché la chiesa torni a splendere d'amore per Dio !!!!! la chiesa siamo tutti noi .. un'abbraccio..

N.B. - I commenti potrebbero tardare alcuni secondi prima di apparire.

Solo gli utenti registrati possono inserire commenti!