0 1 1 1 1 1
Sulla strada di EmmausSulla via di Damasco (sabato, 10.05, RaiDue) è una boccata d'ossigeno nell'anidride carbonica dell'informazione televisiva. Storie di cristianesimo attuale portate a galla e raccontate da don Giovanni d'Ercole, un prete dai capelli bianchi che, per una volta, ben s'addicono ad una sapienza tutta biblica. M'affascina quel suo cristianesimo senza miele e senza fiele, con tanto sale e un pizzico di appassionata poesia. Un prete dalla faccia pulita che annoda i cuori all'Uomo della Croce. E-vocando la Verità.
Sulla via di Damasco, Saulo di Tarso avvertì la potenza della Luce che illumina le tenebre.
Sulla strada di Emmaus vorrebbe tradursi in una briciola di pane per viandanti assetati di scoprire i nascondigli di Dio. Sulla strada che da Gerusalemme va verso Emmaus due viandanti, Cleopa e un altro, la sera di Pasqua stavano discutendo assieme. Tema di grande importanza: la morte del Nazareno. Si parla di ciò che sta a cuore. Sta a cuore ciò che si cerca. Si cerca ciò che si ama. Conclusione: stanno parlando di un Amore. Il Risorto s'avvicina ma non vuole folgorarli, bensì istruirli e confortarli. Infatti, Gesù inizia con una domanda. Attenzione: li aveva cercati e raggiunti per rincuorarli, correggerli e illuminarli. Ma non attacca il discorso: cerca di introdursi con dolcezza, con una domanda semplice, discreta. "Di che cosa stavate discutendo lungo la via?" (Lc 24,17). Converge sulla loro mestizia. L'incoraggia a parlare. Si conquista la fiducia. Fa finta di voler andarsene. Fa finta: meraviglioso un Dio che... fa finta! Entrano nella locanda: spezza il pane. Un messaggio in codice! Poi scompare. E i due? Avevano iniziato il loro cammino con il passo stanco e depresso, adesso partono senza indugio, di corsa, verso Gerusalemme, ansiosi di dire a tutti che Gesù è risorto: loro lo hanno incontrato.
Stanchi di camminare, iniziano a correre: contraddizioni tutte divine!
Sulla strada di Emmaus sogna di tradursi in uno spazio di fede giovane, additante la santità. Con la stessa sconsideratezza di quel prete dai capelli bianchi. Che - in un contesto in cui si calpestano i sentimenti religiosi e spesso si dileggiano i simboli cristiani protetti dalla libertà dell'arte e della satira - mi dimostra il perdurare di una certezza: chi è capace di inginocchiarsi davanti a Dio è capace di rimanere in piedi davanti all'uomo.
Appuntamento ogni domenica: Pasqua della settimana.
Il giorno che rese celebre quella borgata limitrofa a Gerusalemme!
don Marco Pozza
L'autore: don Marco Pozza

Marco Pozza (1979), parroco della parrocchia del carcere Due Palazzi di Padova, è uno «straccio di prete al quale Dio s'intestardisce ad accreditare simpatia, usando misericordia», come ama dire di se stesso.
Leggi tutto...


Per vedere i pulsanti di condivisione per i social (Facebook, Twitter ecc.), accetta i c o o k i e di "terze parti" relativi a mappe, video e plugin social (se prima di accettare vuoi saperne di più sui c o o k i e di questo sito, leggi l'informativa estesa).
Accetta c o o k i e di "terze parti"

N.B. - I commenti potrebbero tardare alcuni secondi prima di apparire.

Solo gli utenti registrati possono inserire commenti!