5 1 1 1 1 1
0 1 1 1 1 1

pexels photo 847483

Il brano della Genesi proposto nella V Domenica dopo Pentecoste racconta l’episodio in cui ad Abramo è promessa una posterità numerosa, in cambio della fedeltà all’Alleanza con Dio, espressa attraverso la circoncisione di ogni maschio del popolo d’Israele (arrivando a specificare, addirittura “sia quello nato in casa sia quello comprato con denaro da qualunque straniero che non sia della tua stirpe”). La circoncisione non è solo un simbolo oppure solo un rito: è molto di più. Rappresenta il segno dell’alleanza occorsa tra Dio ed il popolo d’Israele. Incisa, nella carne. Perché l’amore richiede un impegno in prima persona: solo chi è disposto a giocare se stesso, nella totalità, può dire di aver amato davvero. Chi si è lasciato coinvolgere fino a dare la vita, accogliendo la possibilità di un amore che sfianca, logora, perché esso non è mai a prezzo scontato.
A volte, piuttosto, è meglio una forma di affetto calcata nelle ossa, magari quasi eccessivamente informale (fin quasi a rasentare la mancanza di rispetto), piuttosto che una certa forma di rispetto unicamente formale fino alla banalità ed assolutamente priva di vera genuinità.
Paolo, “apostolo delle genti”, nella seconda lettura, si trova ad affrontare l’annosa (soprattutto per i primi cristiani) questione della circoncisione. Il cristianesimo, nato inizialmente come propaggine staccatisi dalle comunità ebraiche, si è trovata a far fronte a questo problema quando hanno iniziato ad aggiungersi diversi pagani che, non avendo in precedenza aderito all’ebraismo, erano incirconcisi e - conseguentemente - considerati come dei “diversi” dai cristiani provenienti dal popolo d’Israele. Alcuni tra loro, infatti, insistevano che, come prescritto dalla Legge ebraica, chiunque volesse aderire al cristianesimo, si facesse prima circoncidere, così da perpetuare il segno dell’alleanza con Dio.

«Beati quelli le cui iniquità sono state perdonate / e i peccati sono stati ricoperti; / beato l’uomo al quale il Signore non mette in conto il peccato!» (Sal 131)

Basandosi su queste parole del Salmo, l’Apostolo rimette al centro il vero significato della circoncisione, ponendola in relazione con l’avvento di Cristo. Per non essere schiavi della Legge, è necessario ricordarci quale sia il senso profondo della circoncisione e, conseguentemente, dell’alleanza con Dio. Cristo ha allargato i pali della tenda di Dio, predisponendo all’accoglienza di tutti gli uomini di buona volontà disposti a stringere amicizia con Dio. Del resto, già nel libro del Deuteronomio (onde evitare che la lettera della Legge ne soffochi lo spirito), si parla della “circoncisione del cuore” (Deut 10,16), condizione irrinunciabile affinché un rito non si risolva unicamente in un atto fine a se stesso, ma disgiunto dal rapporto di amicizia con Dio. E la vera amicizia con Dio è proprio il proponimento, onesto e sincero (pur con le inevitabili cadute, dovute alla natura umana ferita dal peccato originale) di dire addio alle seduzioni di Satana, accogliendo il perdono di Dio, così da disporsi al perdono - anzitutto - dei propri errori. Perché, alle volte, il passo più difficile da compiere risulta proprio essere accettare il limite del proprio essere umani, imperfetti e pieni di difetti, che, per quanto si sforzino, non riescono, senza la Grazia, a raggiungere quella perfezione - a cui, pure, anelano -.
Il Vangelo ci rende nota una sconfitta, almeno parziale, del Nazareno.

Sebbene avesse compiuto segni così grandi davanti a loro, non credevano in lui (Gv 12,37).

Quando si parla di segni, nel Vangelo, il riferimento è, inevitabilmente, ai miracoli compiuti da Cristo nel suo girovagare per le polverose strade della Galilea. Ci è utile venirlo a sapere: non è sufficiente il miracolo, per la fede. Essa richiede la profondità di un incontro personale, nella consapevolezza che la parola di Dio è parola che si rivolge a me, alla mia vita, qualunque sia il mio posto nel mondo, affinché io ne sia illuminato.
Dopo aver paragonato se stesso alla Luce, il Maestro ci chiama ad essere figli della luce. Non possiamo essere noi stessi luce, perché non siamo noi il braciere che arde. A noi tocca il compito, forse più umile, ma, al contempo, estremamente prezioso, di dilatare il raggio d’azione di Cristo, nel tempo e nello spazio. Oggi, questo è vero, più che mai. È alla Chiesa che Cristo ha lasciato in eredità di spargere il buon seme della parola di Dio, come Luce che si propaga. È un invito a trasmettere la bellezza di un incontro, capace di dare gusto, senso e direzione all’esistenza quotidiana.
Verba docent, exempla trahunt (le parole insegnano, ma gli esempi trascinano): come la luce non ha bisogno di far rumore per mostrare la propria presenza, perché basta un piccolo lume a spezzare l’oscurità, così, accessi alla fiamma di Cristo, anche noi possiamo essere luce per il mondo e veicolo alla curiosità nei confronti della Parola che salva.

Rif:letture ambrosiane festive, nella V Domenica dopo Pentecoste


 Fonte immagine: Pexels

Per vedere i pulsanti di condivisione per i social (Facebook, Twitter ecc.), accetta i c o o k i e di "terze parti" relativi a mappe, video e plugin social (se prima di accettare vuoi saperne di più sui c o o k i e di questo sito, leggi l'informativa estesa).
Accetta c o o k i e di "terze parti"
5 1 1 1 1 1

IMG 0678

Ho avuto la possibilità di vivere due giorni coi miei alunni, prossimi maturandi, a stretto contatto, in un ostello ai piedi dei colli Euganei, all’ombra di una bellissima abbazia in mezzo al verde e immersa nel silenzio. Due giorni di studio, di fraternità, di tempo rallentato e investito per rimettere ordine nelle proprie conoscenze, ma anche per dare una forma alle domande e alle preoccupazioni del “E dopo cosa farò? Come sceglierò?”.
Ho avuto anche l’onore di sistemare un po’ la tesina di una delle ragazze. Mi ha colpito sin da subito il titolo legato a una profonda domanda di senso, circa la smania insita nell’uomo di ricercare in modo ostentato la perfezione. La “scusa”di correggere qualche forma sintattica non riuscita del tutto, è diventata occasione per intessere un dialogo personale con lei e per parlare cuore a cuore, prof -alunna, adulto - giovane ragazza, circa la sua visione della vita, i motivi che l’avevano portata a cercare così tanto una risposta a questa domanda che portava dentro, al punto da scriverci la tesina.
L’uomo fino a che punto è stato - ed è tuttora in grado - di spingersi, pur di tendere a una personale idea di perfezione? Se rimaniamo con lo sguardo rivolto al passato possiamo osservare la ricerca esagerata di una perfezione estetica, di una perfezione scaduta poi nella manipolazione della Natura, negli OGM, nel doping, fino alla follia di voler ricercare, a costo di eliminare tutto il resto, la razza perfetta. Perfezionismo in auge anche oggi: estetico, razziale, sociale. Eppure a quella mia alunna, insoddisfatta di quanto rielaborato dagli insegnamenti della storia, l’intuizione è venuta. Ha colto che l’uomo non può perpetrare questa continua tensione che porta solo alla distruzione. Ha intuito esserci Qualcosa di più grande, Qualcuno che va oltre l'umano stesso. La perfezione perfetta non è dell’uomo ma solo di Dio. Che libertà! Ha intuito, anche, che la natura dell’uomo è limitata, imperfetta, finita e che, solo imparando a fare i conti, realmente, onestamente, serenamente con questa consapevolezza, l’umanità potrà finalmente essere appagata e felice. La propria libertà e felicità sta nell’accoglienza e nell’accettazione del proprio limite, della propria condizione. Non rassegnazione, bensì liberante accettazione di un confine.
Riflessioni importanti, profonde, provocatorie, per chi è alle soglie di scelte importanti per il proprio futuro. Chissà in che modo, anche grazie al percorso fatto attraverso questo approfondimento da portare davanti a una commissione il giorno dell’orale, questa ragazza potrà guardare con più speranza e fiducia il proprio domani.
Mancano oramai poche ore all’inizio di questo nuovo Esame di Stato, un esame che dovrebbe misurare la maturità acquisita da questi giovani. Credo che questa mia alunna, insieme a tantissimi altri suoi coetanei della Penisola, abbiano già colto l’essenza di cosa significhi diventare maturi, diventare adulti, diventare uomini e donne capaci di guardarsi allo specchio ogni mattina e sorridere soddisfatti per quel volto riflesso, probabilmente ferito, imperfetto, ma unico e bello.

Un grandissimo in bocca al lupo a tutti voi!

Per vedere i pulsanti di condivisione per i social (Facebook, Twitter ecc.), accetta i c o o k i e di "terze parti" relativi a mappe, video e plugin social (se prima di accettare vuoi saperne di più sui c o o k i e di questo sito, leggi l'informativa estesa).
Accetta c o o k i e di "terze parti"
0 1 1 1 1 1

pexels photo 247851

La prima Lettura racconta l’episodio della morte della moglie di Lot, durante la fuga da Sodoma e Gomorra. Innanzitutto, è bene collocarla all’interno del suo contesto. Sodoma e Gomorra sono città infestate dal peccato che, come pianta rampicante, ammorba le intere fondamenta di quel territorio. In loro favore, si alza la preghiera di intercessione che, in nome di almeno dieci giusti, supplica Dio di aver misericordia anche degli ingiusti, salvando la città. Perché la preghiera di intercessione di Abramo non basta? Perché neppure il “minimo sindacale” posto sul piatto della bilancia (cioè i dieci giusti) è stato trovato. Eppure, anche così, non è stata fatta giustizia sommaria. La famiglia di Lot, che è stata trovata giusta durante la visita degli angeli è avvertita dell’imminente ecatombe che si sarebbe abbattuta sulla città. L’unica regola imposta alla famiglia in fuga è di non voltarsi indietro. La moglie di Lot, vinta dalla curiosità, si volge però indietro, diventando una statua di sale.

Non illudetevi: né immorali, né idolatri, né adùlteri, né depravati, né sodomìti, né ladri, né avari, né ubriaconi, né calunniatori, né rapinatori erediteranno il regno di Dio. (1Cor 6,10)

San Paolo esplicita in questo modo quali siano i comportamenti sgraditi a Dio. A volte, siamo abbindolati da una lettura un po’ superficiale dei dieci comandamenti e ci illudiamo di essere sempre a posto, rifiutando uno sguardo più approfondito che, invece evidenzierebbe, ad esempio, come le parole possano essere lame che feriscono, danneggiano l’autostima, lacerano la fiducia, a maggior ragione quando dette alle spalle dell’interessato.

«Tutto mi è lecito!». Sì, ma non tutto giova. «Tutto mi è lecito!». Sì, ma non mi lascerò dominare da nulla. (1Cor 6,12)

Per vedere i pulsanti di condivisione per i social (Facebook, Twitter ecc.), accetta i c o o k i e di "terze parti" relativi a mappe, video e plugin social (se prima di accettare vuoi saperne di più sui c o o k i e di questo sito, leggi l'informativa estesa).
Accetta c o o k i e di "terze parti"