villa_pamphili2Roma (e.l.) - Si è conclusa la prima settimana d'allenamento del nostro atleta (don Marco Pozza) in vista della sua partecipazione alla Maratona di Milano del 10 aprile prossimo. Un appuntamento che abbiamo deciso assieme di preparare nell'arco di dodici settimane di lavoro (per un totale di 1400 km), comprendenti la partecipazione alla Roma-Ostia del 27 febbraio e alla Maratona di Roma del 20 marzo prossimi.
Il lavoro svolto in questa settimana è stato per lo più un lavoro che ha permesso all'atleta di iniziare a costruire il fondo mettendo nelle gambe chilometri senza bruciare energie. Sei allenamenti - da lunedì a sabato - per un totale di 115 km percorsi nel verde di Villa Pamphili a Roma. A differenza delle altre cinque maratone preparate, quest'anno abbiamo scelto di lavorare molto sul "ritmo-maratona" che ci siamo prefissi: ragione per cui si preferiscono serie di ripetute dai 1000 metri fino ai 5000 con tempi di recupero attivo variabili dal chilometro ai 5'.
In questa settimana, quattro allenamenti sono stati fatti ad andatura costante (difficile spiegare al nostro atleta che sono i grassi a dover andare bruciati e non le energie, ragione per cui è faticoso farlo correre ad andature lente), un allenamento comprendeva il primo lunghissimo (di 28 km) e un allenamento prevedeva una serie di ripetute di 1000 m da compiere in 3'30" per 6 volte, con un recupero attivo di 500 m.
La settimana è stata complicata dal punto di vista fisico da una fastidiosa convivenza con un fortissimo problema alle allergie di cui il nostro atleta soffre. Ragione per cui s'era deciso di spostare l'inizio della preparazione di quindici giorni. Ma la testardaggine e la voglia di non mollare, hanno portato ad un compromesso: quello di correre in orari che fossero meno saturi di quel polline che gli procura tanto fastidio. Tutto sommato la settimana è stata dunque molto positiva. Prendendo a riferimento i tempi della passata stagione nello stesso periodo (allora si stava iniziando a preparare la Maratona di Padova 2010), la forma fisica è notevolmente migliore, complici sopratutto quel centinaio di km percorsi nel tempo del Natale lassù sulle montagne. Che se qualche problema hanno creato alla schiena (spiegate voi che a meno 15 gradi anche il fisico può incappare in qualche acciacco), dall'altra parte gli hanno permesso di iniziare la preparazione con una buona base, sopratutto a livello di resistenza: fisica e, sopratutto, mentale.
La seconda settimana - iniziata stamattina - prevede un percorso molto articolato e impegnativo: tre giorni di allenamenti sul fondo, un giorno di ripetute (3 volte i 3000 m. a 3'30" con recupero attivo di 1 km), un giorno di medio (13 km a ritmo maratona + 4km di riscaldamento e 2km di defaticamento) e il lunghissimo di sabato prossimo di 32 km. Se la testa regge, già alla Roma-Ostia del 27 febbraio prossimo potremmo iniziare a vedere/proiettare qualcosa in prospettiva di Milano.
Da Roma, zona Villa Pamphili, - per sullastradadiemmaus - è tutto.

N.B. - I commenti potrebbero tardare alcuni secondi prima di apparire.

Solo gli utenti registrati possono inserire commenti!